ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità

Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
2 ore

San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti

Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
2 ore

Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti

Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
11 ore

Processo Covid Sementina: maleficenza, non efficienza

Correzione doverosa nella dichiarazione finale della direttrice sanitaria
Bellinzonese
12 ore

Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party

Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Locarnese
13 ore

Patriziato di Minusio, Casa agli Orti è finalmente realtà

Praticamente concluso lo stabile di reddito: a disposizione, dal 2023, 6 appartamenti (di cui 5 già affittati). Renzo Merlini: ‘Orgoglio per la svolta’
Mendrisiotto
13 ore

La sfida demografica vista da Riva San Vitale

Il Centro promuove una serata informativa con l’economista Ivano Dandrea. Con un occhio a ciò che accade sulle rive del Ceresio
Luganese
13 ore

Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio

Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Ticino
14 ore

Giornalismo e prospettive, un dibattito all’Usi

L’evento si terrà mercoledì sera. Tra i temi sul tavolo: calo delle entrate pubblicitarie, diminuzione degli ascolti e del numero di abbonati
Locarnese
15 ore

Cordoglio ad Ascona per Manuela Bacchi-Pini

Già municipale e consigliera comunale in Borgo, aveva creato il Concorso ippico asconese, da lei gestito per 29 anni
Grigioni
15 ore

Plr distretto Moesa in assemblea

Il 1° dicembre ai Piani di Verdabbio. Fra temi il nuovo nome e la nomina di presidente e direttiva
Locarnese
15 ore

Risparmiare sostituendo il riscaldamento elettrico

Domani nel Palazzo della Sopracenerina una serata informativa organizzata dalla Ses, in collaborazione con TicinoEnergia
Mendrisiotto
16 ore

Mendrisio rivede verso il basso il costo dei sacchi dei rifiuti

Da gennaio le tasse causali incideranno meno sul budget familiare. Pubblicata l’Ordinanza rivisitata
22.08.2022 - 16:50
Aggiornamento: 17:50

Bellinzona verso un Ente autonomo Teatro più professionale

Il Consiglio direttivo propone l’assunzione di un ulteriore tecnico di scena e di 2-3 persone per il servizio di cassa serale

bellinzona-verso-un-ente-autonomo-teatro-piu-professionale
Ti-Press

Va verso una dimensione più professionale l’Ente autonomo Bellinzona Teatro. Col messaggio licenziato nei giorni scorsi relativo al mandato di prestazione triennale 2022-2025, il Municipio propone infatti di potenziare il settore tecnico e il servizio di cassa serale. Nello specifico s’invita il Consiglio comunale a voler dare il via libera all’assunzione di un nuovo tecnico di scena già formato con un grado di occupazione dell’80%, e di 2-3 persone remunerate per la gestione della biglietteria.

‘Garantire sicurezza e qualità del lavoro’

Per il Consiglio direttivo dell’Ente autonomo il potenziamento del settore tecnico si giustifica a causa di molteplici criticità note da tempo. Attualmente la gestione scenotecnica e dell’immobile del Teatro Sociale Bellinzona compete tutta al direttore tecnico, unico dipendente del settore tecnico assunto da Bellinzona Teatro (con un contratto di lavoro al 100%). "Su una stessa persona – si legge nel messaggio – ricadono contemporaneamente troppi ruoli e compiti diversi, non di rado in conflitto uno con l’altro: questo genera situazioni di stress anche importanti e obbliga a compromessi sulla qualità del lavoro". E ancora: "La gestione tecnica di un teatro e degli spettacoli che ospita ha compiuto negli ultimi anni un grosso balzo tecnologico ed è sempre più avanzata e complessa: essa non può più essere gestita in maniera adeguata da uno ‘specialista universale’". Con la nuova assunzione la gestione tecnica del Teatro Sociale potrà essere così organizzata: un direttore tecnico con un grado di occupazione del 100%, un tecnico di scena all’80% (nuovo) più un mandato esterno di gestione dello stabile affidato al Settore opere pubbliche. Tra i motivi della proposta anche la questione legata alla sicurezza: "Il grave infortunio avvenuto nel febbraio del 2020 sul palco del Teatro Sociale a un tecnico di scena indipendente ha reso evidente il potenziale di rischio insito nella odierna dotazione del settore tecnico di Bellinzona Teatro. L’inchiesta – si legge ancora nel messaggio – ha permesso di accertare che in quel caso non vi sono state responsabilità specifiche né di Bellinzona Teatro né della Città in quanto proprietaria dell’immobile, né personalmente delle rispettive maestranze. Tuttavia quell’infortunio ha evidenziato quanto sia urgente trovare una soluzione adeguata non solo per garantire la qualità del lavoro e le necessarie sostituzioni, ma anche la sicurezza sul lavoro e per tutti i frequentatori del teatro, dagli artisti al pubblico". L’inadeguatezza dell’organico attuale di Bellinzona Teatro nel settore tecnico è chiara anche in un confronto con teatri simili in Svizzera, che hanno un tipo di programmazione e una quantità di eventi da gestire paragonabili al Teatro Sociale. A titolo di paragone il teatro di Yverdon (67 rappresentazioni annuali, due in più del Sociale) conta quattro tecnici in organico. Baden (50 rappresentazioni) ne ha cinque, mentre La Chaux-de-Fonds (56) addirittura sette.

Introdurre la possibilità di pagamento senza contanti

Il passo di procedere con la remunerazione delle persone addette alla cassa serale va invece nella direzione di introdurre la possibilità di pagamento senza contanti. Si prevede dunque di assumere 2-3 persone che per consuetudine professionale hanno familiarità con il programma di biglietteria, con la gestione di una cassa e con le modalità di pagamento senza contanti. Esse si alterneranno nelle sere di spettacolo in stretta relazione con il servizio di prevendita gestito dall’InfoPoint Bellinzona.

Si torna al mandato triennale

Il mandato di prestazione tra il Comune e l’Ente autonomo per il periodo 2022-2025 prevede un contributo globale di circa 535mila franchi per l’esercizio 2022-23 e di 560mila franchi ciascuno per gli esercizi 2023-24 e 2024-25. Il mandato torna a essere triennale, ritenuta l’attuale situazione "sufficientemente consolidata" dopo le molte incognite con cui Bellinzona Teatro ha dovuto confrontarsi negli ultimi anni (fra cui la pandemia e il risanamento finanziario effettuato nel corso dell’esercizio 2018-19). Di fronte a questa situazione si era preferito procedere con mandati annuali. Nel messaggio il Municipio indica che per il quarto anno consecutivo l’Ente autonomo dovrebbe chiudere in sostanziale pareggio, confermando intenti e validità dell’operazione di risanamento dei conti effettuata nell’esercizio 2018-2019. Il compito dell’ente, ricordiamo, è quello di promuovere e organizzare eventi culturali, in particolare l’allestimento di stagioni teatrali, sia all’interno del Teatro Sociale, sia utilizzando altri spazi.

Leggi anche:

Cade da sei metri al Teatro Sociale, operaio gravissimo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved