ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità

Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
2 ore

San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti

Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
2 ore

Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti

Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
11 ore

Processo Covid Sementina: maleficenza, non efficienza

Correzione doverosa nella dichiarazione finale della direttrice sanitaria
Bellinzonese
12 ore

Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party

Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Locarnese
13 ore

Patriziato di Minusio, Casa agli Orti è finalmente realtà

Praticamente concluso lo stabile di reddito: a disposizione, dal 2023, 6 appartamenti (di cui 5 già affittati). Renzo Merlini: ‘Orgoglio per la svolta’
Mendrisiotto
13 ore

La sfida demografica vista da Riva San Vitale

Il Centro promuove una serata informativa con l’economista Ivano Dandrea. Con un occhio a ciò che accade sulle rive del Ceresio
Luganese
13 ore

Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio

Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Ticino
14 ore

Giornalismo e prospettive, un dibattito all’Usi

L’evento si terrà mercoledì sera. Tra i temi sul tavolo: calo delle entrate pubblicitarie, diminuzione degli ascolti e del numero di abbonati
21.08.2022 - 20:17
Aggiornamento: 22.08.2022 - 18:32

Grifoni curati e di nuovo in volo

Trovati settimana scorsa in pessime condizioni, i due esemplari sono stati presi a carico da Spab e veterinari. Hanno ripreso a volare sul San Gottardo

grifoni-curati-e-di-nuovo-in-volo
+2

Cosa è successo ai grifoni ritrovati in pessime condizioni di salute nell’Alto Ticino? La vicenda ha da un lato un lieto fine, visto che lo scorso fine settimana i due volatili sono stati liberati sul massiccio del San Gottardo dopo una settimana di convalescenza. Dall’altro resta però un mistero cosa sia stato a provocare i gravi sintomi che hanno quasi portato alla morte uno dei due esemplari. «La spossatezza, la mancanza di reazioni, l’apatia, i riflessi rallentati potrebbero essere dovuti a un avvelenamento, ma anche a un virus», spiega a ‘laRegione’ Emanuele Besomi, presidente della Società protezione animali Bellinzona (Spab). Per capirlo bisogna ora aspettare le analisi di laboratorio.

Avvelenamento o virus fra le ipotesi

Grifo e Cioss – così sono stati chiamati affettuosamente i due grifoni dai volontari della Spab – erano stati trovati accasciati a terra più di una settimana fa da due escursionisti in Val Bedretto e in Val Canaria. Le condizioni di salute sono subito apparse molto gravi: dopo essere stati recuperati dai guardiacaccia uno è stato portato al centro cantonale di cura per animali selvatici a Gorduno, mentre l’altro è stato affidato alle cure dello studio veterinario Tivetmoesa di Grono. Infatti, quest’ultimo «respirava a malapena e se non fosse stato soccorso nel giro di poche ore, sarebbe morto», sottolinea Besomi. Grazie alle cure ricevute è però sopravvissuto. Lo studio veterinario ha inviato al laboratorio il vomito del volatile per capire, fra l’altro, se vi siano tracce di veleno. L’avvelenamento – ipoteticamente anche di origine vegetale e non per forza dovuto all’intervento dell’uomo – è infatti una delle ipotesi che spiegherebbe quanto è successo. I grifoni si nutrono di carcasse e potrebbero aver ingerito una sostanza per loro nociva. Un’altra spiegazione potrebbe essere quella di un virus che ha colpito solamente i due volatili in questione.

Stormo di 80 esemplari

Resta il fatto che i due grifoni sono guariti e hanno potuto essere liberati dai volontari della Spab, alla presenza di guardiacaccia, veterinari e appassionati di ornitologia. Il primo a partire è stato Cioss che si è diretto con un maestoso volo verso il passo della Novena. Grifo, il più anziano dei due, ha da parte sua voluto ringraziare i suoi salvatori con una serie di volteggi in ricerca di correnti termiche, prima di riunirsi al gruppo che volava poco distante. Un gruppo di circa 80 esemplari – un numero decisamente importante per il Ticino –, arrivato probabilmente dalla Francia, «dove negli ultimi anni vi è stato un importante ripopolamento di questi volatili», rileva Besomi. «Potrebbero però arrivare anche dalla Spagna o dalla Grecia».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved