ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 min

Imparare il primo soccorso per la salute psichica

Pro mente sana organizza un corso a Bellinzona il 12 e 19 novembre: aperte le iscrizioni
Luganese
9 min

Morcote, un dibattito aperto sulla crisi energetica

Il 30 settembre alle 19.30 ci sarà un incontro cercherà di fare chiarezza sulla crisi globale offrendo soluzioni concrete a livello locale
Bellinzonese
18 min

Migliorie in vista lungo i percorsi che portano a Prada

La novità è emersa durante la Giornata cantonale dei sentieri. Sottolineata l’importanza della sicurezza e della ricerca di fondi
Mendrisiotto
29 min

Mendrisio: ‘Strappate le radici del cedro del Libano’

Tiziano Fontana (Lista civica) richiama l’attenzione del Municipio: ‘Con gli scavi da cantiere si rischia di compromettere il futuro dell’albero’
Bellinzonese
40 min

Annullata la raccolta rifiuti lungo gli argini della Moesa

Lo comunica il gruppo Noi di Arbedo-Castione: ‘Lo farà il Comune’
Mendrisiotto
1 ora

Morbio Inferiore, memoria mensile in santuario

Come ogni mese, l’appuntamento ricorre il 29. In Santa Maria dei Miracoli ci saranno il rosario e la messa
Luganese
1 ora

Lamone, tombola al Centro diurno Talete di Pro Senectute

L’incontro con quattro giri è previsto per venerdì 30 settembre dalle 14.30 alle 16.30 in via Girella 4
Luganese
3 ore

Pregassona, porte aperte dell’associazione Amélie

Appuntamento per sabato 1 ottobre dalle 10 alle 18 in via Ceresio 43. Durante l’incontro sarà presentato il nuovo programma delle attività
Locarnese
5 ore

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
8 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
10 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
10 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
18 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
20 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
21 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
21 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
21 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
21 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
laR
 
20.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 09:18

Rete mobile carente e i fai da te scontenti della Val Pontirone

Municipio e Patriziato di Biasca hanno scritto a tutti i proprietari di rustici intimando loro di togliere i ripetitori casalinghi illegali

rete-mobile-carente-e-i-fai-da-te-scontenti-della-val-pontirone

Cellulari e tablet che funzionano a singhiozzo sui monti dell’Alto Ticino, parte seconda. Dopo il nostro articolo pubblicato martedì 9 agosto – dedicato ai crescenti problemi di connessione in Leventina dovuti alle quotidiane colonne di turisti fermi in autostrada e connessi nei loro veicoli alla rete mobile, la quale in assenza di adeguati impianti non riesce a soddisfare tutti gli utenti situati in quota – emerge un altro ‘fenomeno’ strettamente legato alla qualità del segnale. Parliamo dei repeater, piccoli ripetitori casalinghi in grado di migliorarla negli edifici laddove risulti debole. Acquistabili per pochi franchi nei negozi e sui portali specializzati, richiedono un’autorizzazione delle rispettive compagnie telefoniche per poter essere utilizzati poiché in grado di creare interferenze sulla rete mobile, specie se posati in modo errato. Poiché non sempre le compagnie autorizzano la posa, e non sempre chi li acquista sa che occorre farne richiesta ufficiale, non sono rare le situazioni d’illegalità. Le quali, se scoperte dall’Ufficio federale delle comunicazioni cui compete la vigilanza, possono comportare conseguenze penali. Proprio per sensibilizzare su questo problema, a fine marzo in vista della bella stagione il Municipio e il Patriziato di Biasca hanno scritto a tutti i proprietari di rustici in Val Pontirone – la cui parte alta, come vedremo dopo, è malservita dal segnale Swisscom – intimando il rispetto delle normative in materia, pena l’intervento dell’Ufcom con relative sanzioni.

Tutto bene fino al 2G, poi meno

Resta sul terreno una carenza del segnale più volte lamentata dai titolari dei rustici. Un problema dalle tante sfaccettature, come emerge dalla lettera di Municipio e Patriziato, a cominciare dal piano d’emergenza allestito nell’ambito della frana di Biborgo che prevede un’informazione tempestiva, tramite l’invio di sms, per quanto riguarda movimenti, rischi e accesso viario. Invio che funziona anche con segnale debole, ma che rischia di non giungere a destinazione in presenza d’interferenze. "A seguito delle numerose segnalazioni riguardanti la scarsa qualità della rete mobile in Val Pontirone – si legge nella missiva – le autorità di Biasca hanno incontrato i rappresentanti di Swisscom. Fino ad alcuni anni fa la tecnologia 2G permetteva una migliore copertura della rete mobile Swisscom per la Valle Pontirone". Copertura qui "garantita dall’antenna presente sul Monte Matro".

Segnale in via di rafforzamento

Tuttavia, prosegue la lettera andando al nocciolo della questione, "il passaggio da sola rete telefonica al trasporto di dati richiede una tipologia di antenna che necessita di una diffusione capillare". Per semplificare, il principio del funzionamento di questa tipologia di antenna "corrisponde al fascio di luce, a forma di cono, di una torcia elettrica. Il fascio corrisponde alla copertura della rete". Un fascio che fatica a illuminare la parte alta della Val Pontirone: "Valle che si distingue, dall’imbocco a Malvaglia, per la sua forma lineare fino a Biborgo, per poi deviare a destra in direzione dell’Alpe di Cava. Fino a Biborgo vi è l’influenza diretta dell’antenna del Matro che dista circa 11 chilometri in linea d’aria". Dentro questa distanza, viene specificato, la copertura è data, "dopodiché il segnale viene diffuso per rifrazione. Per garantirne una migliore copertura sarebbe necessaria una nuova antenna posizionata a una quota tale da garantire il contatto visivo con quella del Matro e alimentata con corrente elettrica". Attualmente una sua realizzazione "risulta essere tecnicamente e finanziariamente non sostenibile", essendo il costo stimato in circa mezzo milione di franchi. E qui viene nuovamente ricitata Swisscom, che "avendo avviato altri interventi tecnici all’antenna del Matro, una volta ottenuta la licenza edilizia rafforzerà il segnale verso la Val Pontirone. I tecnici invitano però a non aspettarsi un cambiamento sostanziale, ma solo un possibile miglioramento della rete mobile in valle".

Segnale ‘molto disturbato’

E siamo ai ripetitori casalinghi abusivi. Durante il passato autunno/inverno Swisscom per comprendere meglio la situazione "ha chiesto a una ditta specializzata di controllare la qualità del segnale". Ebbene, ne è risultato un segnale "molto disturbato a causa d’interferenze riscontrate in loco da ripetitori privati installati senza le dovute autorizzazioni e conformità". Interferenze "che influiscono sulla qualità del segnale della rete degli operatori". Stando ai tecnici, prosegue la lettera, "eliminando le interferenze il segnale della rete mobile potrebbe solo migliorare". Vista la situazione, "come da prassi la situazione è stata segnalata all’Ufcom, che prossimamente provvederà a individuare le fonti di perturbamento e i proprietari di questi impianti". Ufcom che "oltre al sequestro del materiale non autorizzato, procederà con le sanzioni pecuniarie". Poiché fino a questo momento non risultano interventi sul posto dell’autorità federale, l’intimazione potrebbe aver raggiunto l’obiettivo.

Indagine e sanzione

A ogni modo, specifica l’Ufcom sul proprio portale, l’indagine pratica prevede nella prima fase una localizzazione approssimativa tramite stazioni di misurazione, nella seconda fase tramite misurazioni su veicoli e nell’ultima fase a piedi. Una volta che gli specialisti hanno localizzato l’apparecchio responsabile della perturbazione, esso viene messo fuori servizio per eliminare l’interferenza. L’Ufcom sequestra il ripetitore e avvia una procedura che, come detto, può comportare anche conseguenze legali. Se il tipo di ripetitore figura già nell’elenco degli apparecchi non conformi allestito dall’Ufcom, di norma viene avviato un procedimento penale che comporta una sanzione pecuniaria. Se l’apparecchio non è presente nell’elenco, l’Ufcom effettuerà un esame del ripetitore nell’ambito di una procedura amministrativa. Se l’apparecchio non risultasse conforme ai requisiti di legge, l’onere amministrativo verrà fatturato e sarà eventualmente avviato un procedimento penale amministrativo, addebitando inoltre le spese per la localizzazione dell’interferenza.

Leggi anche:

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved