ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
1 ora

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
3 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
3 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
4 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
4 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
4 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
4 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
5 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
5 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
6 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
6 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
6 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
6 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
6 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
7 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
Bellinzonese
7 ore

Domande e risposte sulla sessualità nei luoghi di cura

Giovedì 13 ottobre questa tematica delicata sarà al centro del convegno annuale della Fondazione Sasso Corbaro. Si rifletterà su limiti e approcci diversi
Luganese
7 ore

Ex direttore indagato, incontro informativo per i genitori

Domani sera è prevista una riunione riservata ai familiari della sede delle scuole Medie. Intanto il docente ha incaricato un avvocato di fiducia
Locarnese
7 ore

Alla Magistrale la Festa del libro per bambini e ragazzi

Una giornata dedicata, con letture, incontri con gli autori, mercatino, workshop e firmacopie, sabato 1° ottobre dalle 10 alle 18 a Locarno
21.07.2022 - 11:26
Aggiornamento: 16:45

Problemi alla funivia del Tremorgio: oggi è ferma per lavori

Il gran caldo e il forte afflusso hanno mandato in tilt il sistema di rallentamento: domenica è dovuto intervenire il blocco automatico a fine corsa

problemi-alla-funivia-del-tremorgio-oggi-e-ferma-per-lavori

"Avvisiamo la spettabile clientela che giovedì 21 luglio il servizio della teleferica del Tremorgio sarà sospeso per l’intera giornata, per lavori di manutenzione dovuti alle elevate temperature degli ultimi giorni". È l’avviso, in colore rosso, che compare stamane sul sito della teleferica leventinese di proprietà dell’Azienda elettrica ticinese. L’Aet non lo scrive ma lo stop straordinario – dopo quello già preannunciato la scorsa settimana per questo martedì mattina in occasione della consueta manutenzione mensile – si riallaccia a quanto accaduto domenica verso le 21 e di cui ha riferito Tio stamane. Due le versioni non collimanti: quella di un’utente, madre di famiglia, e quella di Aet tramite il suo responsabile degli impianti di produzione.

‘Sistema bloccato dagli addetti’

Domenica era in programma la corsa in salita da Rodi-Fiesso al Tremorgio; complice anche la bella e calda giornata, il laghetto è stato preso d’assalto da molti fra atleti, escursionisti e famiglie in cerca di refrigerio. Esattamente come succede in molti impianti simili, la sera al momento di scendere si è accalcato un gran numero di utenti pronti ad accomodarsi nella cabina a otto posti. Stando alla testimonianza riportata da Tio, erano circa le 21 quando nell’ultimo tratto di discesa la famiglia a bordo con altre persone inizia ad avvertire che qualcosa non va e che la cabina procede, a suo dire, troppo velocemente; e nell’ultimo tratto la cabina non dà segno di rallentare: «A un certo punto il sistema è stato bloccato dagli addetti», racconta la donna aggiungendo che «abbiamo sentito chiaramente dalla radio, presente all’interno della cabina, che se non si fosse azionato il freno d’emergenza saremmo finiti contro la stazione d’arrivo». In precedenza «altre persone in fila ci avevano riferito di aver sentito dire ai dipendenti che vi era un problema con la batteria, probabilmente un sovraccarico». Dopo l’arresto forzato, l’impianto è stato fatto ripartire per percorrere gli ultimi metri e la cabina ha così ultimato la corsa contro le sbarre di ferro messe come misura di sicurezza davanti al vetro della stazione d’arrivo: «L’impatto è stato violento e tutti l’hanno percepito», conclude la testimonianza.

Un altro utente: ‘Ci siamo spaventati’

Un altro utente scrive alla ‘Regione’ quanto lui afferma di aver visto nella stazione a monte: "Con mia moglie ci siamo messi in coda per scendere verso le 18 e di coda ne abbiamo fatta quasi tre ore! Dunque verso le 21 siamo rimasti in 12 a dover prendere le ultime due discese. Impensabile scendere a piedi visto che si faceva buio e mia moglie ha problemi a una gamba. Ci trovavamo a due metri dalla cabina vuota che stava giungendo a monte e la stessa ha rallentato regolarmente sino a circa 70 centimetri dal vetro posto a fine corsa. A un certo punto il rallentamento è terminato e la cabina ha accelerato bruscamente impattando con violenza contro il vetro. Tutti e 12 ci siamo spaventati e lo stesso addetto ci comunicava che non sarebbe stato possibile scendere perché avrebbero chiamato il responsabile da Airolo. Ci siamo accomodati alla capanna Tremorgio che dista solo pochi passi e abbiamo atteso loro comunicazioni. Alle 22.40 ci comunicano che i problemi sono stati risolti e che possiamo scendere e così abbiamo fatto. La tensione in cabina era palpabile anche a causa della discesa avvenuta nel buio totale. La corsa si è svolta comunque regolarmente e il personale sia a monte che a valle si è scusato per i problemi creati».

‘Come previsto si è fermata sul fine corsa di sicurezza’

Diversa la versione fornita a Tio da Aet: secondo Corrado Rossini, responsabile impianti di produzione di Aet, «nessuno è stato messo in pericolo, semplicemente la cabina è andata ad appoggiarsi sul fine corsa di sicurezza dell’impianto», anziché rallentare come di consueto. «Nei momenti caratterizzati da un forte afflusso di persone e temperature elevate – aggiunge – possono intervenire dei sistemi di sorveglianza automatici che entrano in azione da soli, bloccando la teleferica». Ed è quanto capitato domenica sera, spiega Rossini alla ‘Regione’ dettagliando alcuni aspetti: «Ciascuna delle due cabine è dotata di batterie che ne gestiscono l’elettronica, compresi gli impulsi per il rallentamento dati all’impianto generale al momento dell’avvicinamento alle stazioni presenti in basso e in alto. Il sistema ricarica le batterie quando le due cabine sostano alle rispettive fermate, ma quando si tratta di trasportare tantissima gente, come capitato appunto domenica sera, giocoforza le corse s’intensificano di numero, le soste si accorciano e le batterie non si ricaricano adeguatamente. Questo fatto ha impedito alla cabina d’inviare correttamente l’impulso di rallentamento e perciò in quel preciso momento, come previsto, è scattato il meccanismo di sicurezza automatico». Rossini ribadisce che nessuna persona è stata messa a rischio, nonostante i problemi dell’impianto. Questo perché «la manutenzione è garantita da controlli giornalieri, settimanali e mensili, oltre che da controlli effettuati annualmente da terzi, esterni quindi all’azienda. Ci sono più livelli di sicurezza che garantiscono l’incolumità dei passeggeri». Inoltre subito dopo l’evento il personale presente sul posto ha effettuato le verifiche atte ad accertare il corretto funzionamento della teleferica per consentire la discesa delle ultime persone: e in effetti, ricaricate le batterie ed effettuate alcune corse a vuoto per verificare il corretto funzionamento, dopo un’ora e un quarto di stop l’impianto verso le 22.15 ha ripreso a trasportare persone.

Ipotesi stop non scartata

È un dato di fatto che quest’oggi, a quattro giorni dall’infelice esperienza vissuta da alcuni utenti, i tecnici intervengono per mettere mano all’impianto. Interpellato dalla ‘Regione’ il vicedirettore di Aet, Claudio Nauer, assicura che «l’impianto quella sera ha funzionato nel pieno rispetto delle norme di sicurezza volute per assicurare l’incolumità degli utenti e degli addetti. Qualora i lavori odierni non risolveranno al 100% il problema, accentuato dal gran caldo che incide peraltro sulla dilatazione delle funi d’acciaio, la teleferica rimarrà ferma». Dal canto suo Rossini ribadisce che il problema verificatosi domenica è da ricondurre all’elevato numero di viaggi fatti a fronte di una richiesta di trasporto eccezionalmente alta: «Visto che si avvicinano altri weekend belli e caldi, con molta gente diretta in quota, di volta in volta valuteremo il da farsi considerando la quantità di utenti. Giocoforza bisognerà calibrare il numero di corse alla reale capacità dell’impianto».

Leggi anche:

Teleferica del Tremorgio chiusa per manutenzione ordinaria

Torna la corsa in salita Rodi-Tremorgio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved