ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Dai Tilo ai bus tra Taverne-Torricella e Lamone-Cadempino

Le misure sono dovute a lavori infrastrutturali per l’adattamento dei marciapiedi nella stazione. Sono da prevedere tempi di percorrenza più lunghi.
Luganese
1 ora

Cantori della Stella in missione a Berna

Tra i gruppi svizzeri, che saranno a Palazzo federale per incontrare i membri del Parlamento, anche uno proveniente da Tesserete
Locarnese
1 ora

Valmaggia, il Giro del Mondo di Emilio Balli

In occasione dell’Assemblea di venerdì il Museo illustrerà il programma d’attività futuro. Si ripartirà con una mostra inedita e prestigiosa
Luganese
2 ore

Dfa, consegnati i premi del Lions club Ceresio

I riconoscimenti per le migliori tesi di Bachelor sono stati attribuiti a Martina Poggi (Scuola elementare) e a Sofia Pisottu (Scuola dell’infanzia)
Grigioni
3 ore

Frana in Val Calanca: sgombero a pieno regime

Le previsioni meteo potrebbero compromettere la riapertura della strada attesa per la fine di settimana
Luganese
15 ore

Campione d’Italia in versione Natale 2022 fra musica e doni

Doppio appuntamento, giovedì 8 e domenica 18 dicembre, nell’enclave con la ‘Casa di Babbo Natale’ e tanto altro
Luganese
18 ore

I pompieri di Melide celebrano Santa Barbara

Patrona di minatori e vigili del fuoco; la cerimonia si è svolta presso la sede intervento Ffs
Locarnese
18 ore

Moghegno, 14esima edizione della Via dei presepi

Da domenica al 6 gennaio saranno esposte al pubblico, nelle pittoresche vie del nucleo, 25 natività realizzate con tecniche e materiali tra i più svariati
19.07.2022 - 18:52
Aggiornamento: 22:56

‘La qualità dell’acqua potabile di Sant’Antonio è peggiorata’

Dopo l’allacciamento al nuovo acquedotto della Morobbia la popolazione ha notato un sapore differente. Michela Pini chiedi lumi al Municipio di Bellinzona

la-qualita-dell-acqua-potabile-di-sant-antonio-e-peggiorata
Ti-Press

La qualità dell’acqua potabile di Sant’Antonio è peggiorata. È quanto afferma la consigliera comunale Michela Pini (Plr) in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona. Dopo l’allacciamento dei bacini presenti nel quartiere al nuovo acquedotto della Morobbia si è infatti assistito "a un peggioramento della qualità dell’acqua che arriva nelle nostre case", si legge nel testo. "L’acqua che viene distribuita alla popolazione è notevolmente più calda (sia in inverno che in estate) e anche il suo gusto è cambiato, in peggio. Questo innalzamento non è sicuramente dovuto alla temperatura presente all’interno delle case in quanto anche l’acqua delle fontane del quartiere è marcatamente più calda rispetto a prima. La popolazione ha immediatamente percepito la differenza e sperava che fosse solo una questione passeggera ma oggi, a distanza di mesi, la situazione è immutata: l’acqua ha perso la sua qualità e la sua freschezza. L’acqua potabile di Sant’Antonio è sorgiva e sgorga dalla montagna praticamente priva di qualsiasi impurità e con temperature notevolmente inferiori a quelle con cui attualmente arriva nelle nostre case".

Temperatura elevata e sapore differente

Alla luce di queste considerazioni la consigliera comunale Michela Pini chiede lumi all’esecutivo locale sulle possibili cause dell’importante aumento di temperatura. In passato, infatti, la popolazione non ha mai ricevuto comunicazioni sulla non potabilità dell’acqua o su problemi di sicurezza sanitaria: "I bacini e le infrastrutture di distribuzione erano stati tutti rinnovati nel tempo. Va inoltre segnalato che l’aumento della temperatura dell’acqua ne genera uno spreco maggiore poiché l’acqua necessita di essere lasciata scorrere parecchio prima di poterla utilizzare o bere a una temperatura gradevole, soprattutto durante la bella stagione. Senza contare che una temperatura dell’acqua superiore a 20°C rischia di comprometterne la sicurezza dal punto di vista batteriologico". Nell’interpellanza sono poi chieste spiegazioni sul rispetto delle norme sulla profondità della posa delle tubature durante la costruzione dell’acquedotto della Morobbia e sull’impiego di raggi UV. "Il fatto che sia direttamente prelevata dalla sorgente nella roccia rende praticamente inutile l’utilizzo di raggi UV per depurarla poiché è naturalmente già priva di impurità". La consigliera comunale domanda quindi se sia effettivamente necessario ‘bombardare’ l’acqua potabile del quartiere, in alcuni casi addirittura per due volte, compromettendone così il gusto. "Cosa intende fare il Municipio per ristabilire la qualità dell’acqua che c’era in precedenza", chiede infine Pini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved