ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
4 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
5 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
5 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
5 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
5 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
5 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
5 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
19.07.2022 - 15:44
Aggiornamento: 16:01

Raduno di mezzi militari storici al Forte Mondascia

La manifestazione è in programma sabato 10 e domenica 11 settembre a Biasca

raduno-di-mezzi-militari-storici-al-forte-mondascia

Il Museo militare Forte Mondascia il prossimo 10 e 11 di settembre a Biasca organizza due giornate di animazione per il grande pubblico e i proprietari di mezzi storici di ogni nazionalità, tipo e provenienza. Jeep Willys, Pinzgauer, Haflingher, Doge, Unimog, motociclette e molti altri. Non sono però ammessi veicoli civili o modificati, mentre la presenza di un equipaggio in divisa d’epoca è ben accetta. I migliori veicoli ed equipaggi saranno premiati. La manifestazione, come detto, inizierà sabato 10 settembre a partire dalle 8 con una giornata introduttiva con tutte le attività del Museo aperte al pubblico come da programma, compreso trasporti su mezzi corazzati. Nella giornata di domenica si terrà invece ‘il raduno’ con movimenti di veicoli corazzati e trasporti per il pubblico, mostra statica di mezzi militari, sfilata, premiazione e un Convoy in Riviers aperto a tutti i collezionisti. Sono inoltre in programma tutte le attività del Museo come il forte in caverna, i bunker ancora armati in originale con obice da 10,5 cm e le collezioni di armi antiche e moderne dell’associazione FOR TI. La cucina militare e la buvette sono in funzione durante le giornate.

‘Possedere un veicolo d’epoca non è più elitario’

I collezionisti che intendono mettere in mostra i loro veicoli per avere un accesso veloce al Forte e partecipare al Convoy devono annunciarsi entro il 5 settembre. Le condizioni e il regolamento sono indicati sul sito www.fortemondascia.ch o contattando il numero 079 444 02 23. "Esprimiamo un ringraziamento a tutti gli appassionati di veicoli militari e ai gruppi di rievocazione storica che rendono gli eventi indimenticabili con le loro dimostrazioni e presentazioni. Soprattutto ringraziamo i molti visitatori che arrivano da tutte le parti del cantone, della Svizzera e da oltre confine per partecipare alle attività e dare un contributo attivo a queste giornate cariche di storia. Il collezionismo di mezzi d’epoca militari e civili non è più un fenomeno ristretto ed elitario, esclusivo per pochi privilegiati come era nel passato, ma ha acquistato trasversalmente proseliti in ogni fascia di età. Infatti c’è chi vuole vivere la sua passione come un sentimento romantico e nostalgico, mentre c’è chi vuole una maggiore spettacolarità del settore come nei mezzi militari. Ciascun possessore di un veicolo storico si impegna con un sentimento sincero alla tutela del ‘patrimonio del passato’ per amore, nostalgia, rispetto verso l’opera di chi l’ha preceduto. Conservare un veicolo storico è sicuramente un segno di rispetto civile ed esprime una crescita culturale. Mantenere le testimonianze del passato, per non perdere la memoria di ieri, è un nostro dovere. È nostro scopo raccontare attraverso la loro conservazione la storia di questi mezzi meccanici che, in definitiva, è documento vivo della nostra civiltà, tecnica, socialità, economia. La storicità di un veicolo nella sua autenticità è un pezzo che assolutamente dobbiamo conservare per le future generazioni", affermano gli organizzatori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved