ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
7 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
9 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
9 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
9 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
9 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
9 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
10 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
10 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
10 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
11 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
11 ore

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
Ticino
11 ore

Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’

Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Bellinzonese
11 ore

EspaceSuisse, assemblea e conferenza a Bellinzona

Giovedì 9 febbraio nella sala del Consiglio comunale è prevista una serata pubblica sul tema ‘La pianificazione del territorio di fronte alle nuove sfide’
Locarnese
11 ore

Gordola fa Carnevale al Centro manifestazioni e nei bar

Da giovedì a sabato con Re e Regina Zeca animazioni per tutte le età, abbondanti libagioni e dj set con entrata gratuita
Locarnese
11 ore

Gordemo, arriva (con gusto) il Carnevale in piazza

Libagioni protagoniste ai festeggiamenti, previsti domenica prossima, 5 febbraio, grazie alla Società Ricreativa
Locarnese
11 ore

Campo Vallemaggia, fondi al recupero di edifici e muri a secco

Dalla Fondazione per la tutela del paesaggio un sostegno economico a favore della salvaguardia dei preziosi paesaggi culturali nelle regioni di montagna
laR
 
16.07.2022 - 05:25
Aggiornamento: 09:23

Nuovi spogliatoi al Bagno pubblico (10 anni dopo il caso Bomio)

Bellinzona: su richiesta di Turrita Nuoto gli spazi al +1 verranno migliorati e separati dal pianterreno per fasce d’età fra bambini/e e adolescenti

nuovi-spogliatoi-al-bagno-pubblico-10-anni-dopo-il-caso-bomio

A dieci anni dall’avvio della prima tappa di risanamento globale del Bagno pubblico di Bellinzona (nel 2012 veniva messa in sicurezza la torre dei tuffi), scocca l’ora degli spogliatoi situati al livello +1, presenti sotto la passerella di accesso sopraelevata. Spogliatoi invero inutilizzati dall’utenza perché da lungo tempo ormai la soluzione logistica risalente agli albori del Bagno pubblico (mezzo secolo) non è più al passo con le esigenze moderne sia delle molte famiglie con bambini piccoli che frequentano la struttura cittadina per svago, sia degli amanti degli sport natatori, in particolare la Società Turrita Nuoto. La disposizione e la forma degli armadietti, l’assenza di chiare suddivisioni in grado di garantire la giusta intimità a chi si cambia, la mancanza di docce sul piano +1 e una grafica antiquata che non aiuta a comprendere chi può accedere a quali spazi, ha indotto il Municipio a prevedere un radicale miglioramento dell’offerta tramite un messaggio sottoposto ora al Consiglio comunale con la richiesta di credito pari a 3,16 milioni di franchi. Avvio dei lavori previsto: il prossimo autunno non appena il Bagno pubblico andrà in letargo.

Dieci anni sono passati anche dal caso Bomio, ossia dall’arresto dell’allora presidente e allenatore della Società Nuoto Bellinzona (era il dicembre 2011) che fece scalpore per il suo agire indisturbato con decine di ragazzini affidatigli. Ciò che gli è costata una condanna a 11 anni di reclusione per reati di natura sessuale. Fatto sta che quel grave e triste capitolo viene oggi brevemente rievocato nel messaggio municipale: "Durante la progettazione degli spogliatoi e delle docce al pianterreno, è stato dato mandato ai progettisti di definire con la Direzione del Centro sportivo i contenuti per gli attuali spogliatoi situati al livello+1 anche in ragione delle odierne necessità di Turrita Nuoto a seguito dello scandalo di abusi sessuali degli anni passati e delle numerose famiglie con bambini piccoli che frequentano il Bagno pubblico". E infatti tali necessità hanno permesso di "definire l’intervento migliorativo differenziandone le destinazioni" per sesso e fasce d’età. In pratica nella zona Ovest l’attuale disposizione sarà modificata e destinata a uno spogliatoio per famiglie con bambini piccoli dotato di due docce, uno spogliatoio femminile dedicato a Turrita Nuoto con quattro docce e uno maschile, sempre per Turrita Nuoto, con altrettante docce. Previste anche cabine private.

Sopra i bambini, sotto i più grandi

Così facendo una parte degli spogliatoi al +1 sarà destinata ai bambini e alle bambine della società sportiva; mentre gli spogliatoi al pianterreno, nel frattempo già modernizzati, verranno dedicati agli atleti di Turrita Nuoto più grandi (adolescenti e oltre). Tornando al +1, la zona centrale sarà modificata e destinata a uno spogliatoio per famiglie con due docce, uno maschile con due docce, uno femminile con due docce, uno per bagnini e docenti scuole, una cabina privata. Infine a est gli spazi resteranno destinati alle scuole con due spogliatoi maschili e due femminili. Così facendo il Municipio ritiene di poter offrire all’utenza una soluzione più confacente rispetto all’attuale.

Successivamente saranno rifatti i camminamenti esterni del +1, una volta stabilito quale legno potrà garantire la miglior resa nel tempo. Da notare, a questo riguardo, che la sostituzione dei camminamenti originali in legno a listelli eseguita nel 1995 "non ha dato i risultati dovuti in fatto di durevolezza del legno, che si è deteriorato nell’arco di una quindicina d’anni. La vecchia direzione dell’Ente autonomo Bellinzona Sport aveva sostituito di propria iniziativa i grigliati in legno con tavole composite in legno-Pvc attualmente ancora in loco, ma che oggi sono piuttosto deteriorate".

D’altronde alternative al legno non sono immaginabili e i servizi comunali devono a loro volta agire rispettando le restrittive norme che regolano gli interventi infrastrutturali sui beni architettonici sottoposti a protezione monumentale, qual è appunto il Bagno pubblico: "I progettisti necessitano di un tempo maggiore per la definizione dell’intervento – sottolinea il Municipio – che va oltremodo preliminarmente discusso e approvato dall’Ufficio beni culturali, il quale chiede che i camminamenti siano nuovamente eseguiti in legno". La protezione monumentale comprende comunque anche degli aiuti finanziari cantonali, stimati al momento per questa fase in 450mila franchi.

Le tappe precedenti e le prossime

Dopo la messa in sicurezza della torre tuffi (primavera 2012), questa è stata risanata nella primavera 2013; poi sono stati rifatti il ristorante e il locale cassa (tra ottobre 2014 e maggio 2016); restaurata quindi la passerella in calcestruzzo armato (tra ottobre 2018 e aprile 2020); nell’inverno 2018-19 il Bagno pubblico è stato allacciato al teleriscaldamento (non previsto nel progetto di massima), cui è seguita la sostituzione del sistema di disinfezione dell’acqua nelle vasche. E siamo al periodo fra ottobre 2020 e la primavera 2022 con la ristrutturazione-rifacimento degli spogliatoi, docce, wc e relativa impiantistica al pianoterra con anche la formazione di uno spazio ricreativo dotato di giochi d’acqua – molto apprezzato – e toilette nel lounge bar; pure risanata la superficie interna della vasca olimpionica e della vasca tuffi; infine è stato messo in servizio il nuovo pozzo di captazione per l’irrigazione che non fa più uso di acqua potabile. Negli anni a seguire sono previsti: restauro vasche e parti in calcestruzzo a livello terra, sistemazione impiantistica centrale tecnica, sistemazione a livello terra e arredo esterno.MA.MO.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved