tassa-rifiuti-a-bellinzona-ricorso-quasi-certo-degli-esercenti
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
7 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
11 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
11 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
11 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
16 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
18 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
19 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
22.06.2022 - 18:39
Aggiornamento: 18:57

Tassa rifiuti a Bellinzona, ricorso quasi certo degli esercenti

Luca Merlo (GastroBellinzona e Alto Ticino): ‘Sicuramente pagheremo più di prima, anche se saranno applicati gli importi minimi’

«Anche se dovessimo pagare gli importi minimi sarà una stangata comunque». Luca Merlo, presidente di GastroBellinzona e Alto Ticino, ritiene fuori luogo l’aumento della tassa base annuale sui rifiuti approvato ieri dal Consiglio comunale turrito, in particolare per quanto riguarda gli esercenti che fino all’anno scorso pagavano indistintamente 200 franchi. Un eventuale ricorso era già stato evocato recentemente e ora sembra praticamente certo o almeno «molto probabile». E questo malgrado siano stati rivisti al ribasso gli importi massimi previsti dal regolamento in materia (il plenum ha accolto un emendamento in tal senso proposto dalla Commissione della legislazione).

Concretamente, la tassa per gli esercenti partirà da una base di 200 franchi ai quali se ne dovranno aggiungere tra i 5 e i 15 per ogni posto a sedere interno e tra i 4 e i 12 per quelli esterni, fino a un tetto massimo di 2’500 franchi. I take-away dovranno invece pagare una cifra tra i 500 e i 1’500 franchi, con la possibilità di dimezzamento della tassa nel caso in cui vengano utilizzate stoviglie e posate multiuso o compostabili. Quanto dovranno sborsare esattamente questi settori non è ancora stato stabilito, ma «di certo vi è il fatto che gli esercenti pagheranno sicuramente più di prima e che l’aumento sarà consistente. E questo dopo un periodo non certo facile per il settore, dopo due anni di pandemia», sottolinea Merlo. L’auspicio è quindi quello che il regolamento venga applicato in modo graduale, «partendo dagli importi minimi per poi eventualmente aumentarli in futuro».

Commercianti poco toccati

Se da un lato gli esercenti prevedono di adire le vie legali contro l’incremento della tassa base sui rifiuti, i commercianti non sembrano essere particolarmente colpiti. «Per i piccoli negozi, che a Bellinzona sono la maggior parte, non dovrebbe cambiare granché», afferma Claudia Pagliari, presidente della Società commercianti turrita. Infatti per le attività economiche con al massimo quattro posti di lavoro a tempo pieno (addetti) la forchetta va dai 150 ai 300 franchi. «Per il momento non ci sono giunte lamentele», aggiunge Pagliari, secondo cui il problema (in ambito di rifiuti) è un altro: «Da parecchio tempo il cartone non viene più raccolto» dai servizi urbani. Per smaltirlo, i negozianti devono quindi portarlo all’ecocentro: «Bisognerebbe trovare una soluzione migliore».

Leggi anche:

Bellinzona, l’aumento della tassa rifiuti è realtà

Tassa rifiuti Bellinzona, esercenti ‘pronti a ricorrere’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona commercianti esercenti tassa rifiuti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved