bellinzona-l-aumento-della-tassa-rifiuti-e-realta
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
7 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
11 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
11 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
11 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
16 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
18 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
19 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
20 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
21 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
21 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
21 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
21 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
22 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
Grigioni
22 ore

Grono, chiusura notturna della H13 Strada Italiana

Da lunedì 18 luglio a mercoledì 20 luglio dalle 22 alle 5 la tratta rimarrà chiusa alla circolazione per i lavori alla chiesa San Bernardino
Mendrisiotto
22 ore

Mendrisio al lavoro per ridurre l’edificabilità

Sui Piani regolatori il Municipio intende giocare d’anticipo. Con l’obiettivo di tutelare i comparti sensibili
Ticino
22 ore

Insieme a luglio arrivano i radar

La polizia comunica in quali località verranno effettuati settimana prossima i controlli della velocità mobili e semi-stazionari.
Luganese
22 ore

Plan B Lugano, il governo: ‘Rischio ridotto di riciclaggio’

Rispondendo a un’interrogazione, il Consiglio di Stato smorza le preoccupazioni in virtù della natura locale delle transazioni in criptovalute
Mendrisiotto
23 ore

Occhi puntati su Simonetta Sommaruga. ‘Ne sono cosciente’

Dalle corsie A2 ad AlpTransit, la direttrice del Datec sa che le resistenze dei momò sono forti e le aspettative elevate
21.06.2022 - 22:50
Aggiornamento: 23:40

Bellinzona, l’aumento della tassa rifiuti è realtà

Il Consiglio comunale ha deciso: balzello fra gli 80 e i 160 franchi per single e fra i 100 e i 200 franchi per le famiglie

A Bellinzona un aumento della tassa base annuale sui rifiuti era certo. Restava però da stabilire di quanto. Un compito affidato al Consiglio comunale che questa sera ha accolto con 34 voti favorevoli, 6 contrari e 3 astenuti la modifica del Regolamento sulla gestione dei rifiuti, in parte come proposto dal Municipio. Il plenum ha infatti accolto alcuni emendamenti proposti dalla maggioranza della Commissione della legislazione. In particolare sono stati rivisti gli importi massimi previsti per persone fisiche e attività economiche. Di conseguenza dal prossimo autunno i single dovranno pagare un importo compreso fra gli 80 e i 160 franchi, mentre le famiglie fra i 100 e i 200 franchi (idem per proprietari di residenze secondarie). Nel messaggio municipale il massimo tariffale era stato fissato rispettivamente a 200 e 250 franchi, con una spesa stimata per il 2022 a 125 e 140 franchi. A quanto ammonterà esattamente la bolletta dovrà ancora essere stabilito, ma sarà verosimilmente più alta degli 80 franchi pagati fino all’anno scorso da tutte le persone fisiche. A dover pagare molto di più saranno invece le attività economiche che fino all’anno scorso dovevano sborsare indistintamente 200 franchi. Anche in questo caso la forchetta degli importi possibili è però stata ridotta.

Importante incremento per le attività economiche

Come detto gli importi massimi sono stati ridotti grazie alla proposta della Legislazione che, all’unanimità, aveva «ritenuto eccessivamente ampie le forchette», ha affermato il relatore della maggioranza commissionale Emilio Scossa-Baggi (Ppd). Forchette che sono state stabilite «senza seguire un apparente principio», lasciando inoltre un potere di apprezzamento troppo ampio all’esecutivo. Di conseguenza la maggioranza della Legislazione con un emendamento ha proposto di rivedere gli importi massimi, secondo il principio che questi dovrebbero corrispondere al doppio dei minimi per le diverse categorie, e al triplo unicamente per le categorie della ristorazione, albergheria e take-away. Proprio per quest’ultima categoria, ritenuta eccessivamente penalizzata (il costo sarebbe stato sestuplicato), è quindi stato rivisto leggermente l’importo minimo (500 franchi anziché 750) così come quello massimo (1’500 anziché 1’750). Inoltre in caso di esclusivo utilizzo di stoviglie e posate multiuso o monouso compostabili, beneficeranno di un dimezzamento della tassa base. La maggioranza commissionale ha poi ottenuto, oltre all’abbassamento del massimo per le economie domestiche, anche di ridurre il tetto massimo per alcune fasce di attività economiche (fino a 19 posti di lavoro a tempo pieno) e invece di aumentarlo dai 20 in su. Idem per le scuole, con un tetto massimo più elevato rispetto a quello municipale unicamente per gli istituti dai 100 allievi in su. Sono anche stati stabiliti importi più bassi per gli scarti vegetali: al massimo 150 franchi (e non 200) per l’etichetta annuale da applicare sui contenitori nell’ambito della raccolta porta a porta; e al massimo 6 franchi (e non 10) per le fascine. Infine è anche stato deciso che le persone domiciliate proprietarie di residenze secondarie pagheranno la tassa base, unicamente se affittata a terzi.

Bocciati gli emendamenti di Lega/Udc e Verdi/Mps/Fa

Durante il dibattito il municipale e capodicastero Finanze Fabio Käppeli ha affermato che «il Municipio non si oppone alla riduzione delle forchette», sostenendo di fatto l’emendamento proposto dalla maggioranza della Legislazione. Nel frattempo erano stati però presentati altri emendamenti: il gruppo Lega/Udc nel loro rapporto di minoranza avevano infatti invitato il plenum ad approvare il nuovo regolamento sui rifiuti, ma con alcune modifiche. In estrema sintesi chiedevano di ridurre ulteriormente l’importo massimo per determinate categorie, mentre di alzarlo in altre. In particolare prevedevano un importo massimo di 115 franchi per i single (e non 160 come proposto dalla maggioranza commissionale) e aggiungere 20 franchi per ogni altro membro. «Non è corretto che un single paghi solo 15 franchi in meno rispetto a una famiglia», ha affermato Manuel Donati a nome del gruppo. In questo caso Käppeli ha ritenuto la proposta «eccessiva». Il municipale capodicastero Anziani e ambiente Giorgio Soldini ha inoltre aggiunto che il Municipio ha optato per solo due categorie per le persone fisiche proprio «per non caricare ulteriormente le famiglie numerose». Questa proposta è poi stata bocciata dal plenum.

Bocciati pure due emendamenti del gruppo Verdi/Mps/Fa. Con una prima proposta si chiedeva di esonerare dal pagamento della tassa di base i beneficiari di prestazioni complementari e Laps. L’obiettivo era quello di aiutare «queste famiglie che si trovano in difficoltà», ha spiegato Ronald David. Stando a Soldini, da un lato a queste persone «vengono già riconosciute alcune spese, comprese queste tasse». Inoltre, «se dovessimo esentare queste persone, significherebbe dover aumentare le spese a tutti gli altri contribuenti». Verdi/Mps/Fa chiedevano anche d’introdurre nel regolamento la categoria della grande distribuzione che attualmente non sarebbe sufficientemente responsabilizzata a ridurre imballaggi, confezioni e rifiuti. Anche questa proposta non è però stata accolta dal plenum.

Nessun margine di agire sulla tassa sul sacco

Nel suo rapporto di minoranza, David invitava i consiglieri comunali a respingere la modifica del regolamento, ritenendo che per coprire i costi non bisogna agire sulla tassa base ma su quella sul sacco. In questo senso è stato proposto al Municipio di promuovere un’iniziativa dei Comuni che andrebbe peraltro a rafforzare l’iniziativa parlamentare con la quale la granconsigliera Ppd Maddalena Ermotti-Lepori chiede di lasciar decidere ai Comuni la tassa sul sacco, mentre oggi è il Consiglio di Stato a fissare annualmente la forchetta minimo-massimo. Una problematica sottolineata più volte durante il dibattito da diversi oratori, compresi i municipali Käppeli e Soldini.

Ricordiamo che un aumento della tassa base dei rifiuti era stato evocato lo scorso novembre dopo la pubblicazione del messaggio municipale in merito al preventivo 2022: visto che secondo la Legge cantonale di applicazione della Legge federale sulla protezione dell’ambiente ogni Comune deve coprire interamente i costi relativi ai rifiuti e che a Bellinzona tale quota è solo del 69%, l’esecutivo aveva proposto un incremento da 80 a 150 franchi della tassa base per le economie domestiche proprio per arrivare a una copertura della spesa del 100%. Una proposta che ha però immediatamente scatenato reazioni politiche perlopiù negative. Una levata di scudi che non ha tuttavia impedito al Consiglio comunale di accogliere il preventivo e quindi anche l’aumento del balzello a dicembre del 2021. Il Municipio aveva pure annunciato che sarebbe stato necessario aumentare la tassa base anche per le attività economiche, oltre che per le persone fisiche. E in questo senso aveva chiarito che sarebbero stati svolti degli approfondimenti per differenziare entrambe le tasse. Detto fatto: lo scorso maggio l’esecutivo ha infatti presentato il messaggio relativo alla modifica del Regolamento sui rifiuti che è quindi stato accolto con alcune modifiche questa sera.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona consiglio comunale rifiuti tassa base
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved