ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
1 ora

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
1 ora

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
2 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
3 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
3 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
4 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
4 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
4 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
4 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
4 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
5 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
5 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
5 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
5 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio, pomeriggio di sensibilizzazione di Pro Senectute

Evento dedicato alle persone in terza età, sull’importanza di muoversi nelle attività quotidiane, sul rischio delle cadute e come prevenirle
20.06.2022 - 18:35
Aggiornamento: 19:45

A Bellinzona ‘Tutti in piazza’ contro i pregiudizi

Sabato 25 giugno sedici associazioni socio-culturali attive nella regione presenteranno alla popolazione il proprio operato

a-bellinzona-tutti-in-piazza-contro-i-pregiudizi
Ti-Press/Agosta
I promotori Ursula Ratti (copresidente del Club Andromeda Perseo), Freddy Conrad (presidente dell’associazione Ondemedia) e Sevala Redzovic (operatrice del Centro diurno Osc)

«Farsi conoscere per quello che si è come persona, e non per la propria malattia». È in buona sostanza questa l’intenzione di Sevala Redzovic, operatrice del Centro diurno dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale (Osc), e delle altre 16 cooperative attive socialmente e culturalmente nel bellinzonese presenti alla seconda edizione di ‘Tutti in piazza’ in programma sabato 25 giugno dalle 10 alle 18 in piazza Buffi a Bellinzona. Dopo un periodo di pausa forzata, l’iniziativa nata nel 2019 dalla collaborazione fra Ondemedia (che promuove i libri e la lettura) e Soccorso operaio Svizzero è pronta a replicare mettendo l’accento sulle persistenti difficoltà di chi soffre di malessere psichico. Già, perché il Ticino non è immune alla discriminazione, alla disoccupazione, alla povertà, alla disparità e alla violenza. Alcuni cittadini, spesso incapaci di chiedere aiuto per paura di essere giudicati negativamente, sono infatti costretti a vivere in condizioni precarie. Un malessere sempre più crescente e che rischia di far scivolare in un buco nero molte altre persone complice anche le lacune del settore sociale, come più volte ribadito dai promotori dell’iniziativa. «Il pregiudizio è qualcosa di parecchio ricorrente fra i nostri assistiti, dunque è importante offrire loro dei modi per ricercare il proprio benessere – ha spiegato ieri in conferenza stampa all’auditorium di BancaStato Redzovic –. Il Centro ha puntato molto affinché si riuscisse a proporre di nuovo questa manifestazione perché riteniamo che la sensibilizzazione sia il primo passo per uscire da una momentanea situazione di difficoltà e isolamento sociale».

Collaborazione in ottica futura

I preparativi sono ormai iniziati da parecchi mesi e, nonostante qualche inevitabile preoccupazione iniziale, la proposta del Comitato organizzatore è stata capace di catturare l’attenzione e mettere in rete molteplici associazioni del bellinzonese: «Sì, effettivamente siamo rimasti esterrefatti dalla quantità di enti presenti sul territorio, ma sconosciuti anche agli addetti ai lavori. Era quindi importante colmare questa lacuna cercando di coinvolgerne il più possibile... siamo contenti dell’interesse mostrato dalle diverse società che parteciperanno all’evento», ha concluso l’animatrice del Centro diurno. Alla chiamata hanno infatti risposto sedici associazioni, fra cui anche il Club Andromeda Perseo (fra i promotori della manifestazione) la cui sede è ubicata proprio all’interno dell’Osc. Nata nel 1978 quest’ultima cooperativa socio-terapeutica, culturale e ricreativa è «concepita per accogliere persone con malessere psichico – ha affermato la copresidente Ursula Ratti –. La nostra intenzione è di combattere la discriminazione che ancora oggi queste persone alimentano nella popolazione. L’esperienza accumulata negli anni, grazie anche a Mercalibro, ha messo in evidenza la necessità di uscire fisicamente sulle piazze, sul territorio, in modo da essere sempre più prossimi alla cittadinanza e offrire una mano a chi è in una situazione di difficoltà. Un aiuto molto importante dato che, spesso, una volta entrati nel mondo della psichiatria si rischia di rimanere esclusi dalla società». Altro motivo che ha spinto il Club a promuovere ‘Tutti in piazza’ è la possibilità di creare delle buone e fruttuose collaborazioni in un ambiente di festa e condivisione. Delle medesima opinione il presidente di Ondemedia e operatore culturale Fredy Conrad, secondo cui il messaggio recepito e raccolto dai differenti enti (più che raddoppiato il numero in confronto alla prima edizione) è da sprono affinché l’evento sia ricorrente e annuale, e possa essere inserito nel calendario delle manifestazioni bellinzonesi.

Possibilità di presentarsi alla popolazione

La giornata è organizzata in modo da permettere alle associazioni (fra le quali Botteghe del Mondo, Centro per la Nonviolenza della Svizzera italiana, Club Unesco Ticino, Flamingo Edizioni, Pro Senectute e Soccorso d’inverno) di presentare la propria attività nelle differenti postazioni, senza dimenticare alcuni momenti prettamente ludici: in mattinata è in programma la riproduzione teatrale della pièce ‘Cappuccetto rosso’ messa in scena dalla Confabula, mentre a mezzogiorno il Bar Cervo offrirà la possibilità di consumare ‘in maniera conviviale’ piatti freddi quali ad esempio pesce in carpione, formaggini, roast-beef e insalate preparati esclusivamente utilizzando prodotti a chilometro zero. A detta del titolare Mattia Antognini la manifestazione è infatti pensata a favore del territorio e della popolazione, perciò è importante permettere a chi è interessato di incontrarsi e conoscersi in una cornice familiare. Il Soccorso operaio proporrà invece dei finger food etnici, incentrati sulle specialità della cucina nigeriana, siriana e così via. Un clima di festa allietato nelle ore pomeridiane dalle melodiche note del Trio H2O, i cui brani trattano in maniera sensibile le controversie legate alle persone in difficoltà. Spazio poi anche ai saluti delle autorità comunali e cantonali. In caso di condizioni meteorologiche avverse l’evento verrà rimandato a settembre. Per ulteriori informazioni: www.ondemedia.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved