stazione-di-biasca-passi-avanti-per-il-nodo-di-interscambio
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
14 min

Caffè letterario open air a Bellinzona

Margherita Coldesina e Raissa Aviles si esibiranno mercoledì 17 agosto a partire dalle 20 sul palco dello Snack bar Camping Bellinzona
Luganese
14 min

Dialogo tra due artiste a Paradiso

Antonietta Airoldi e Carolina Maria Nazar sono protagoniste di una esposizione tra opere tessute, pittura e incisioni
Locarnese
40 min

Una spazzatrice ‘verde’ e silenziosa per la Città di Locarno

Da mercoledì 10 agosto a pulire strade, ambienti esterni e interni e il centro storico (ma non solo) una macchina ad azionamento completamente elettrico.
Luganese
42 min

‘Quinta Svizzera’ da venerdì in riva al Ceresio

Lugano si prepara al 98esimo Congresso degli Svizzeri all’estero. Si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione
Luganese
48 min

Lugano, all’università parte un’altra formazione religiosa

La Facoltà di teologia propone un corso destinato a chi si occupa dell’insegnamento a scuola e non solo. Intervista a Don Emanuele Di Marco
Locarnese
52 min

Ponte Brolla, ultimi tiri obbligatori

Sabato e mercoledì per i militi ritardatari vi sarà la possibilità di sparare al poligono
Locarnese
1 ora

Mosogno, vi sono ancora alcuni roghi nel perimetro bruciato

Sotto osservazione l’incendio boschivo ai piedi del Pizzo della Croce. Previsti ulteriori lanci d’acqua con l’elicottero per scongiurare rischi
Locarnese
2 ore

Pedemonte, niente luci sulle strade tra le due e le cinque

La richiesta al Municipio, quale misura di risparmio energetico, è contenuta in una mozione inoltrata da Paolo Monotti
Mendrisiotto
4 ore

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
Ticino
7 ore

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
7 ore

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
17 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
18 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
18 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
18 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
laR
 
20.05.2022 - 05:30

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza

A 18 anni dall’adozione da parte del governo ticinese del Piano dei trasporti della regione Tre Valli e dall’avvio della fase del progetto di massima, Biasca vede più vicina la riqualifica della stazione Ffs e la sistemazione del nodo di interscambio. Al messaggio licenziato lo scorso marzo dal Consiglio di Stato – che invita il Gran Consiglio ad approvare un credito netto di 3,8 milioni di franchi – segue ora quello firmato nei giorni scorsi dal Municipio biaschese, che al Consiglio comunale chiede di concedere 1,72 milioni quale partecipazione all’investimento complessivo quantificato in circa 6 milioni, finanziato anche dal contributo della Commissione regionale dei trasporti Tre Valli e dalle Ffs. Il credito comunale anticipa il finanziamento della quota parte degli altri enti locali dei distretti di Leventina, Blenio e Riviera, chiamati a contribuire con un importo totale di circa 583mila franchi. L’obiettivo è di avviare il cantiere nell’autunno del 2023 per una durata massima di 15 mesi.

Opere a beneficio di logistica e sicurezza

Anche alla luce del potenziamento dell’offerta con l’inaugurazione nel dicembre del 2020 della galleria ferroviaria del Monte Ceneri, il progetto ha l’obiettivo di favorire a Biasca l’interscambio tra i mezzi pubblici, oggi ritenuto non funzionale a causa della mancanza di spazi, ma pure di moderare il traffico sulla strada cantonale, incrementare la sicurezza dei passaggi pedonali, aumentare gli spazi destinati ai pedoni e ai ciclisti e predisporre un arredo architettonico funzionale alla riqualifica del tessuto urbano.

Una nuova rotonda a sud

Partiamo dagli interventi che riguardano la strada cantonale, dove la grande novità sarà una nuova rotonda a sud della stazione – in corrispondenza dell’accesso all’ufficio postale – che andrà ad aggiungersi a quella già presente sul versante nord. Un’opera con il duplice ruolo di favorire il transito dei bus e di creare una porta di entrata nel comparto che possa anche moderare la velocità dei veicoli provenienti da Bellinzona. Tra le due rotonde, sul lato della strada della stazione, è prevista un’area totalmente pedonale. La carreggiata sarà ristretta a 6,30 metri di larghezza, con due corsie di 3 metri ciascuna e una striscia colorata centrale di 30 centimetri per consentire una maggiore sicurezza nell’incrocio dei veicoli pesanti. Pianificata anche una nuova illuminazione pubblica inserita nel contesto urbano. Non ci saranno limitazioni di transito di alcun genere per la mobilità privata e il limite di velocità rimarrà di 50 km/h.

Il progetto ha anche l’obiettivo di ottimizzare i passaggi pedonali: spesso quelli presenti non vengono utilizzati, e in particolare nelle ore di punta l’attraversamento in massa genera nei pedoni una percezione di avere la priorità e il traffico veicolare viene bloccato. In futuro i passaggi pedonali saranno due: uno in corrispondenza del sottopassaggio per i binari 2 e 3 e uno all’altezza di via Franscini. Pure previsto lo spostamento dell’asse stradale verso il fronte della stazione. Ciò che consentirà di aumentare gli spazi disponibili ai pedoni e consentire la realizzazione di nuove fermate per i bus con una grande pensilina a copertura dell’area di attesa. Saranno invece 100 i posti per biciclette e motoveicoli nella nuova zona Bike+Rail (coperta da pensilina).

Per i veicoli privati, oltre a cinque comodi stalli (Kiss+Rail) per soste brevi, è previsto l’ampliamento del già esistente parcheggio Ffs a nord del comparto (su via A. Giovannini), con anche la presenza di colonne di ricarica per veicoli elettrici. Saranno invece eliminati gli attuali posteggi nei pressi della stazione.

Nella progettazione è stato tenuto conto anche dalla realtà dell’Associazione Swiss Railpark/St. Gotthard, insediatasi da qualche anno negli spazi un tempo occupati dalle officine, dall’altra parte dei binari, sul versante della montagna e della cascata Santa Petronilla. Realtà che dal 2017 sta sviluppando un concetto espositivo moderno nel quale il pubblico possa scoprire il presente ripercorrendo la storia secolare dei trasporti ferroviari attraverso le Alpi. C’è l’idea di ricostruire la storica passerella tra il Centro di mobilità alpina dello Swiss Railpark e la stazione Ffs. E in previsione della passerella è in programma la realizzazione di una piazzetta con vista sulla cascata. Particolare attenzione sarà dato al concetto dell’arredo urbanistico della piazzetta. Il Municipio di Biasca è convinto che il nodo d’interscambio potrà fungere da perno di sviluppo per altri progetti ed elementi che ruotano attorno al comparto, come l’infopoint turistico inaugurato in stazione nel 2021, il previsto innalzamento del marciapiede dei binari 2 e 3 e la sistemazione del sottopasso a favore delle persone con disabilità, il percorso escursionistico Via della Pietra e la futura ristrutturazione delle adiacenti scuole cantonali. Sarà tuttavia una stazione riqualificata ma con ogni probabilità priva della biglietteria – completamente rinnovata tre anni fa con un investimento di 270mila franchi – dal momento che le Ffs hanno deciso di chiuderla per assenza di un numero sufficiente di utenti. I quali dal 1° luglio potranno far capo a un apparecchio self-service. G.R.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
biasca interscambio nodo stazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved