a-bellinzona-niente-prepensionamento-ne-aiuto-per-premi-malattia
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
5 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
6 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
7 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
7 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
7 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
7 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
8 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
8 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
8 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
Grigioni
8 ore

Grono, chiusura notturna della H13 Strada Italiana

Da lunedì 18 luglio a mercoledì 20 luglio dalle 22 alle 5 la tratta rimarrà chiusa alla circolazione per i lavori alla chiesa San Bernardino
17.05.2022 - 17:55
Aggiornamento: 18:21

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri

A Bellinzona nei vari quartieri, dove necessario, gli ecocentri saranno abbelliti, resi più efficaci e meglio fruibili; per contro la Città non reintrodurrà il pensionamento anticipato per i dipendenti comunali, né creerà un fondo speciale per sostenere quelle persone che più di altre faticano a pagare i premi di cassa malati, né pianterà un albero nel fondovalle per ogni bambino nato o adottato. Questo, lunedì sera, l’esito delle decisioni adottate dal Consiglio comunale su quattro mozioni presentate rispettivamente da Plr, Mps/Verdi, Unità di sinistra e Verdi. In realtà quella degli alberi è stata accolta con 25 sì, 22 no e 6 astenuti, ma trattandosi di una mozione con conseguenze finanziarie era richiesta la maggioranza qualificata di 31 voti favorevoli. Idem le altre tre.

Il rammarico dei socialisti

La proposta dell’Unità di sinistra, risalente al 2020, sollecitava l’istituzione di un fondo pari a un milione di franchi da destinare, tramite contributi massimi prefissati, alle persone e famiglie con redditi medio-bassi che non beneficiano di sussidi di cassa malati e che in caso di malattia oltre alla franchigia devono pagare il 10% (se va bene) delle spese sanitarie. Commissione della gestione e Municipio hanno preavvisato negativamente la proposta (infine bocciata con 19 sì e 32 no) ritenendo che quelle fasce escluse per poco dai sussidi possono presentare richiesta di sostegno al Fondo comunale, alla Fondazione Carenini e ad altri enti privati con finalità benefiche presenti sul territorio. I quali "previa verifica delle condizioni finanziarie del richiedente, possono elargire contributi ben maggiori di quelli indicati nella mozione". Introdurre ulteriori criteri di aiuto più generalizzati "significherebbe rischiare di creare dei doppioni nell’erogazione di prestazioni già ritenute adeguate per quanto attiene la tutela delle fasce di popolazione finanziariamente più deboli". Il gruppo Unità di sinistra, che ha votato compatto a favore raccogliendo consensi sparsi e anche dall’Mps, di fronte a quella che si stava palesando come una bocciatura si è rammaricato del fatto che alla vigilia di un ulteriore salasso previsto nel 2023 la maggioranza dei consiglieri non cogliesse l’occasione per ridefinire le priorità e sostenere eccezionalmente le fasce di popolazione maggiormente colpite, in attesa che la politica cantonale e federale si esprimano su possibili soluzioni.

Le critiche dell’Mps al Ps

Pochi minuti prima analogo destino (26 no, 19 sì e 5 astenuti) aveva subìto la mozione Mps/Verdi che chiedeva il ripristino del pensionamento anticipato a partire dal 60° anno d’età per i dipendenti comunali di Bellinzona, così come avviene al Cantone, in altre Città e Comuni ticinesi e in molte aziende private. Proposta silurata dal plenum e anche da una parte dell’Unità di sinistra ritenendo che l’avvenuto passaggio al nuovo istituto di previdenza con le misure di accompagnamento e riequilibrio sia un’adeguata ed equilibrata soluzione che considera tutti gli interessi in gioco, in particolare l’equilibrio delle finanze del Comune. In un comunicato stampa odierno l’Mps evidenzia che anche con i 7 voti socialisti persi "non avremmo raggiunto i 31 necessari affinché la mozione fosse accolta. Ma il ruolo del Ps è stato in tutta la fase di avvicinamento ostile a questa proposta: prova ne sia che il rapporto di maggioranza ha visto relatrice la capogruppo dell’Unità di sinistra. Un atteggiamento diverso già in commissione avrebbe sicuramente permesso di sviluppare una dinamica diversa e, possibilmente, anche un voto decisivo".

Infine niente da fare per la mozione pro alberi: mentre qualche altro Comune ha introdotto la prassi rinverdendo zone sprovviste, a Bellinzona la maggioranza ritiene che il territorio sia già ricco di piante e che una loro sistematica ulteriore posa andrebbe accompagnata da un’accurata pianificazione senza improvvisare. Insomma bella l’idea, ma onerosa da più punti di vista. Non quello dei Verdi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
albero bellinzona consiglio comunale mps pensionamento premi unità sinistra
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved