lupo-s-infiamma-lo-scontro-tra-allevatori-e-governo-assente
laRegione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 min

Giubiasco, Piazza Grande sarà presto zona d’incontro a 20 km/h

Il progetto è in pubblicazione al Dicastero territorio e mobilità a Sementina. Il 16 settembre prevista una festa di inaugurazione
Ticino
19 min

Contagi, ospedalizzati e pazienti in cure intensive in calo

Buone nuove nelle ultime 24 ore sul fronte coronavirus in Ticino. Dove per il terzo giorno consecutivo non si registrano decessi
Luganese
1 ora

‘La massa critica per riportare i tifosi a Cornaredo c’è’

Con Roberto Badaracco, vicesindaco di Lugano, ripercorriamo le vicissitudini che hanno caratterizzato l’ultimo anno dell’Fc Lugano
Bellinzonese
2 ore

Il Social Truck cerca nuovi partner per aiutare ancora i giovani

Il servizio offerto ai ragazzi di Bellinzona necessita di nuovi fondi visto che a settembre finiranno i sussidi della Confederazione
Gallery
Locarnese
2 ore

Violento incendio in un appartamento in via San Jorio

Vasto dispiegamento di pompieri a Locarno: palazzina evacuata. Due persone intossicate e un ferito portati all’ospedale per le cure del caso
Locarnese
5 ore

‘Non rissa, ma aggressione. Dobbiamo dire basta tutti insieme’

Festa liceale interrotta, parla la vittima: ‘Quei violenti venivano da fuori. Cercavano solo un pretesto per attaccar briga. Le istituzioni reagiscano’
Ticino
5 ore

Un Arcobaleno per ogni deputato? ‘Il santo non vale la candela’

L’iniziativa di Ermotti-Lepori e Berardi (Ppd) per favorire l’uso del trasporto pubblico non convince a Commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’
Ticino
5 ore

‘Chi propone la polizia unica non conosce la realtà ticinese’

Felice Dafond, Associazione dei comuni: non ci sono motivi per rivedere l’organizzazione attuale, le polcom garantiscono la sicurezza di prossimità
Grigioni
13 ore

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
14 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
15 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
15 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
15 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
16 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
16 ore

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
17 ore

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
18 ore

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
18 ore

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
18 ore

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
19 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
19 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
19 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
19 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
Locarnese
19 ore

Al Paravento Yari Bernasconi e la musica classica indiana

Venerdì la poesia e il sabato note folk di qualità per gli ultimi due appuntamenti della stagione inverno-primavera
Locarnese
20 ore

Cavigliano, Re Bagulon convoca i sudditi per l’assemblea

Venerdì la Società Carnevale si riunisce nella sala comunale (inizio alle 20) per discutere anche di finanze
14.05.2022 - 05:10
Aggiornamento : 09:45

Lupo, s’infiamma lo scontro tra allevatori e governo (assente)

Grande la delusione di chi si aspettava anche una presa di posizione politica su quanto comunicato dal Consiglio di Stato sugli esemplari in Val Rovana

«Purtroppo voi vi aspettate delle risposte politiche. Noi siamo dei tecnici, abbiamo delle regole da rispettare e paletti entro i quali muoverci. Chiaramente ci faremo portavoce di tutte le vostre rivendicazioni e continueremo a portare avanti il nostro lavoro, cercando di farlo al meglio». Si è chiusa con queste parole, pronunciate dal capo dell’Ufficio cantonale per la consulenza agricola, Daniela Linder Basso, la serata informativa sul tema lupo andata in scena giovedì sera in una gremitissima palestra del Palasport di Olivone. Promosso dal Cantone su richiesta dalla Società agricola bleniese, l’incontro ha seguito la riunione più ristretta andata in scena a Malvaglia il 7 marzo, occasione in cui erano state presentate alcune richieste specifiche per affrontare la stagione estiva con meno incertezze, come ad esempio un regolamento urgente per elargire aiuti in caso di impossibilità o ritardo nell’estivazione degli animali all’alpeggio o nelle stazioni intermedie. Così come all’incontro di marzo ma in una cornice decisamente più allargata, erano presenti i vari portatori d’interesse, le autorità comunali del distretto, funzionari dell’Ufficio caccia e pesca (Ucp) del Dipartimento del territorio e della consulenza agricola del Dipartimento delle finanze e dell’economia. Numerosi gli interventi critici che hanno puntato il dito contro l’assenza a Olivone di rappresentanti politici cantonali, e nello specifico del consigliere di Stato e direttore del Dt Claudio Zali. Pur consapevoli dei consigli tecnici che sarebbero stati presentati, i presenti si aspettavano però anche una presa di posizione specifica su quanto comunicato dal Consiglio di Stato in merito agli esemplari in Val Rovana. E invece, è stato detto più volte durante la discussione al termine delle due presentazioni dei rappresentanti del Cantone, si è trattata di una serata informativa come tante altre viste in passato, seppur va detto con qualche novità annunciate dai relatori.

‘Abbattimento chiaramente previsto’

Non ha ad esempio nascosto la sua delusione il presidente dell’Unione contadini ticinesi (Uct) Omar Pedrini, il quale ha ritenuto non evase le domande messe sul tavolo durante l’incontro di Malvaglia («situazioni di alpeggi non proteggibili, rimborsi, foraggi, fienili vuoti». Riferendosi poi alla decisione del Consiglio di Stato sul lupo di Cerentino – il governo ha comunicato di voler procedere con "ulteriori approfondimenti giuridici sulle modalità di applicazione delle normative in vigore a livello federale" –, per Pedrini gli avvenimenti delle ultime settimane in Ticino «prevedono chiaramente» un abbattimento. «Potete confermare, smentire o non rispondere – ha detto rivolgendosi ai relatori –, ma sembra che voi funzionari volevate andare in questa direzione, però il gioco è ormai diventato politico. Noi questa sera ci aspettavamo sì dei consigli tecnici, ma anche delle risposte agli avvenimenti delle ultime settimane». Poi l’affondo finale al Consiglio di Stato: «Il comunicato stampa di ieri (mercoledì, ndr) mi ha lasciato perplesso: ho quindi contattato la direttrice dell’Ufficio federale dell’ambiente, signora Katrin Schneeberger, la quale mi ha risposto che non trattandosi di un branco, la competenza è puramente cantonale. Dunque sappiamo di chi è la responsabilità del mancato volere di abbattere questi lupi della Valle Rovana. E credo che questa sera – ha concluso Pedrini – non abbia senso che io, come rappresentante politico della categoria, vada a scagliarmi contro dei funzionari che non possono darci risposte». Dal canto suo il presidente della Società agricola bleniese Luigi Arcioni, ha parlato di «una decisione incomprensibile: si è ulteriormente deciso di temporeggiare, nonostante tutte le premesse fossero date».

‘La situazione è quella descritta’

«La situazione è esattamente quella descritta», ha detto dopo l’intervento di Pedrini il capoufficio dell’Ucp, Tiziano Putelli, chiedendo comunque alle circa 200 persone presenti di approfittare della sua presenza e di quella dei colleghi. Ha preso dunque la parola la sindaca di Blenio Claudia Boschetti Straub, che ha messo l’accento sull’inquietudine che regna in particolare nell’alta valle. «La grossa preoccupazione non è solo un sentimento degli allevatori ma anche della popolazione e del Comune. Quando le prede sono nei giardini, davanti alla porta di casa (il guardaccia di zona ha riferito ieri sera che sono una decina i cervi predati a partire da dicembre, ndr) ecco che si percepisce la vicinanza del lupo. Comincio a sentire una sensazione di malessere nel turismo, nelle persone che fanno le passeggiate – ha continuato Boschetti Straub –. In paese girano ragazzi e bambini e il fatto che il lupo si avvicini all’abitato non è per niente simpatico. Non è insomma un leone in mezzo alla savana. Forse sarà una paura un po’ esagerata, ma non vorrei davvero che si arrivi a un’aggressione ai danni di persone. Riconosco che non è un problema facile, però adesso ci vogliono delle soluzioni e qualcosa bisogna attuare. E vi chiedo quindi di farvi portavoce per arrivare a degli interventi concreti».

Sulle predazioni di selvatici nei pressi dell’abitato ha riferito il biologo Gabriele Cozzi dell’Ucp: «La tattica del lupo è correre dietro alla preda. Essendo il cervo più veloce, per avere un vantaggio tenderà a correre dove è più facile, e quindi fuori dal bosco. Tenderà a correre all’aperto, e quindi spesso vicino all’abitato. Chiaramente capisco che una predazione a 50 metri da casa può fare paura, ma è anche vero che in Europa, negli ultimi 300 anni, ci sono stati pochissimi attacchi a persone, sempre da parte di lupi rabbiosi o esemplari che sono stati attratti verso l’attività umana con la presenza di cibo». Da qui il consiglio alla popolazione di non lasciare resti di cibo nei pressi delle case. Ad ogni modo, ha spiegato Cozzi, «la sicurezza della popolazione è al momento decisamente garantita».

Attualmente una decina di lupi in Ticino

Parlando di una crescita esponenziale riferita alla presenza di esemplari in Svizzera a partire dal 2018-2019, l’esperto dell’Ucp ha poi riferito di una decina di lupi attualmente presenti in Ticino: una coppia in alta valle di Blenio, una coppia tra la Val Onsernone e l’Italia, due maschi in alta Vallemaggia e due o tre maschi del comprensorio della Morobbia. «Quest’ultimi maschi – ha continuato Cozzi – non verranno in Alta Valle di Blenio perché il maschio già presente non gli permetterebbe di entrare nel suo territorio». La coppia in alta Valle di Blenio «sembra stabile, e dobbiamo quindi partire dal presupposto che ci sarà anche durante la prossima estate». Per quanto riguarda il sistema monitoraggio messo a punto in Valle di Blenio a partire da dicembre, Putelli ha elogiato il grande lavoro dei tre guardacaccia di zona che hanno intensificato la sorveglianza con ronde notturne e la posa di fototrappole aggiuntive. Pianificati anche dei tiri dissuasivi con proiettili di gomma (tuttavia non si è mai presentato un incontro ravvicinato per poter sparare).

Possibili novità

Nonostante la delusione palpabile dei presenti, la serata ha comunque messo sul tavolo alcune idee, sul tema del monitoraggio e della comunicazione, attualmente in fase di valutazione a Bellinzona. Si pensa ad esempio all’aumento delle fototrappole, a radiocollari Gps da applicare ai lupi ma pure alle greggi e ai cani da protezione, e a un’App per smartphone che indichi ai turisti la posizione dei cani da protezione. Quanti ai riconosciuti margini di miglioramento sul tema della comunicazione, è stata anche sottolineata la volontà di aggiornare più frequentemente il sito web dell’Ucp. Per quanto riguarda invece le analisi genetiche sui prelievi svolti sui capi predati, selvaggina predata o rilievi di sterco, Putelli ha informato che a partire da quest’estate (indicativamente a partire da luglio) l’Ucp saprà entro una settimana giorni se si tratta di un lupo ed entro due settimane qual è l’esemplare. Un processo che oggi richiede circa un mese.

In vista della stagione estiva, Silvio Guggiari, attivo all’Ufficio della consulenza agricola, ha illustrato le misure di protezione (cani e recinti elettrificati) e il progetto di cartografia e identificazione delle misure di protezione in alpeggio e di mappatura del vago pascolo in Ticino, che servirà per fornire un quadro preciso sulle possibilità di attuare misure di protezione. Il progetto, è stato spiegato, ha finora mappato più o meno 70 alpeggi su 120. Le zone non ancora visitate sono Riviera, Bellinzonese, Gambarogno, Malcantone, Luganese e Brissago.

La stampa doveva rimanere fuori

Durante la serata non sono mancate le pressioni ai due giornalisti presenti affinché abbandonassero la palestra: è stato spiegato che per ordine dei piani alti del Dipartimento del territorio la serata non era aperta ai media, nonostante l’invito spedito alla nostra redazione da parte di allevatori e agricoltori nonché la pubblicizzazione dell’evento sull’App Blenio Viva.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
allevatori lupo olivone serata informativa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved