ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
23 min

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
2 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
2 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
8 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
11 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
11 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
11 ore

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
12 ore

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
12 ore

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
Luganese
12 ore

Il sì e il no: le azioni educative in un incontro a Tesserete

Conferenza per genitori e insegnanti sul volume della ricercatrice Silvana Tiani Brunelli
Locarnese
13 ore

Alcuni grandi temi di Locarno nella serata con la sezione Plr

Domani alla Spai una discussione sul territorio del quartiere Rusca e Saleggi: dal comparto Ex-Gas/Macello alla variante di Pr Marina
Luganese
13 ore

Besso, la Biblioteca dei ragazzi compie 40 anni + 2

Domenica 9 ottobre storie e clownerie. Ogni anno 600 bambini portano a casa più di mille libri.
Luganese
13 ore

Massagno, riapre Casa Pasquée. Si ricomincia da Luigi Taddei

Esposizione al via in occasione dei trent’anni dalla scomparsa dell’artista ticinese
Luganese
13 ore

Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale

Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
13 ore

Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’

Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Mendrisiotto
13 ore

Stabio, nuovi contenitori interrati per i sacchi in arrivo

I giorni di raccolta rifiuti porta a porta diminuiranno da due a uno. Chi vorrà potrà smaltirli al campo sportivo Montalbano, in via Giulia e in via Boff.
Bellinzonese
13 ore

Corso sull’alimentazione per persone con mobilità ridotta

Lo propone il Gruppo paraplegici Ticino venerdì 30 settembre all’Hotel Unione. A seguire cena salutare
29.04.2022 - 16:15
Aggiornamento: 16:50

Bellinzona Sport e strutture gratuite: chiesta più disciplina

L’Ente autonomo reimposta le convenzioni con i club e li sollecita affinché trattino adeguatamente quanto messo loro a disposizione

bellinzona-sport-e-strutture-gratuite-chiesta-piu-disciplina
Ti-Press

"Le società sportive sono consapevoli che la messa a disposizione gratuita delle infrastrutture comunali non è scontata. La Direzione di Bellinzona Sport ritiene che la garanzia della gratuità debba essere una condizione di base, ma questa può essere assicurata unicamente con uno sforzo da parte di tutte le parti in causa". Lo scrive l’Ente autonomo Bellinzona Sport nel bilancio 2021 sottoposto nei giorni scorsi al Consiglio comunale. Un messaggio nel quale vengono esplicitati degli auspici affinché la grande utenza, rappresentata da decine di società sportive, ne prenda atto e si comporti di conseguenza. Così facendo il vertice dell’ente vuole sottolineare il grande sforzo fatto dal Comune e chiede alle società un impegno maggiore, allo scopo di mantenere anche in futuro l’utilizzo gratuito degli impianti sportivi.


Andrea Laffranchini, direttore di Bellinzona Sport


«Il nostro appello – puntualizza Andrea Laffranchini, da due anni direttore di Bellinzona Sport – s’inserisce in un’ampia reimpostazione delle singole convenzioni siglate a suo tempo dalla Città e dai precedenti Comuni, prima dell’aggregazione, con i vari sodalizi sportivi. Convenzioni talvolta molto diverse fra loro e che perciò, volendo mirare a una parità di trattamento generale, abbiamo rivisto e aggiornato aggiungendo alcune considerazioni che riteniamo di fondamentale importanza per una corretta gestione dei rapporti con i vari attori. Un lavoro che in taluni settori è ancora in corso».

Mirare alla parità di trattamento

Prima di arrivare a questa fase, è utile fare un salto indietro nel tempo: «In passato – ricorda Laffranchini – l’utilizzo di alcune infrastrutture comunali era a pagamento per le società sportive. Mi riferisco, per fare un esempio, alla pista di ghiaccio. Tutt’oggi vi sono ancora dei regolamenti e dei contratti in essere, taluni anche molto datati e oggi di difficile applicazione, che stiamo rivedendo». L’uniformazione ha riguardato per esempio l’assetto dei contributi, ossia gli aiuti elargiti dal Comune alle varie società: «La revisione è sfociata in un nuovo sistema che mira alla parità di trattamento. Da una parte continua a prevedere l’elargizione di aiuti alle società sportive che organizzano eventi; dall’altra, per quanto riguarda l’ambito infrastrutturale, vengono oggi sostenute finanziariamente da Bellinzona Sport soltanto le società che non potendo utilizzare spazi comunali, di principio gratuiti, perché magari già tutti prenotati oppure occupati, devono dunque far capo ad altri proprietari privati o al Cantone. In questo caso la Città copre integralmente o parzialmente, a dipendenza dei casi, l’affitto versato ma a condizione che queste società dispongano di un movimento giovanile di una certa dimensione».

‘Andare incontro al Comune’

Il fatto di non considerare scontata la messa a disposizione gratuita, rimarca Laffranchini, ha a che vedere con una gestione ottimale delle risorse comunali: «Il discorso riguarda ciò che la Città di Bellinzona può fare per sostenere le attività rivolte ai giovani, e ciò che questi ultimi e i club medesimi possono fare per andare incontro al Comune. Quello che nel testo abbiamo definito come "sforzo di tutte le parti in causa" è un messaggio che invita ciascuno a fare la propria parte con responsabilità, a venirci incontro, a non considerare tutto dovuto. Un paio di esempi: i nostri servizi possono garantire un’adeguata pulizia degli spogliatoi e degli spazi riservati alle attività, ma non tutti i giorni della settimana. Costerebbe davvero troppo. In questo senso gli utenti sono invitati a un utilizzo coscienzioso e rispettoso delle infrastrutture, aiutandoci così a garantire un loro stato dignitoso», per esempio anche evitando di sporcare inutilmente e intenzionalmente. «Il messaggio per una maggiore disciplina è rivolto indistintamente a tutti i sodalizi, in particolare ai giovani utenti». Un altro esempio è quello dei frigoriferi: prima rimanevano inutilmente accesi tutto l’anno, inverno compreso, accogliendo anche bibite private, ora non più. «Si tratta di un sensibile risparmio energetico. Quindi il messaggio che abbiamo voluto lanciare, segnalando la necessità di un risparmio energetico, è anche educativo ed ecologico».

L’occupazione durante il 2021

Analizzando le occupazioni delle infrastrutture durante il 2021, si nota un miglioramento rispetto al 2020 (anno Covid contrassegnato da molte limitazioni) sebbene non si sia ancora raggiunto il loro potenziale storico. Nei campi da calcio l’attività è risultata in linea con quella degli altri anni: l’occupazione serale ha raggiunto la sua massima capacità su tutti i campi del Bellinzonese, mentre rimane un margine di manovra negli orari diurni. Le due piste di ghiaccio, eccetto il periodo di chiusura imposto dal Consiglio federale, sono state sfruttate in tutto il loro potenziale. La pista di atletica è stata utilizzata da entrambe le società sportive del territorio; in più l’infrastruttura, rinnovata nel 2019, suscita interesse da parte di società sportive provenienti da fuori cantone. Quindi il centro tennistico: il Tc Bellinzona ha terminato la stagione 2020/21 con un bilancio decisamente positivo avendo incrementato il numero di soci passando da 294 a 326 e organizzato un torneo internazionale femminile con un montepremi di 60’000 dollari che ha suscitato un notevole successo. Parlando delle palestre, gli allenamenti sono tornati a svolgersi quasi nella normalità con la soddisfazione delle società sportive. A causa delle restrizioni imposte da Berna e delle condizioni meteo sfavorevoli estive, il Bagno pubblico e la piscina coperta hanno subito un forte calo delle entrate.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved