27.04.2022 - 17:23
Aggiornamento: 17:53

Sì anche di Acquarossa alla convenzione per la piscina pubblica

Il Consiglio comunale ha approvato il sostegno finanziario che i tre Comuni bleniesi garantiranno ai promotori del centro turistico Sun Village

si-anche-di-acquarossa-alla-convenzione-per-la-piscina-pubblica
Studio Bassani
Dai tre Comuni 195mila franchi all’anno come contributo per i costi di gestione

Dopo Serravalle e Blenio, ieri sera anche il Consiglio comunale di Acquarossa ha approvato la convenzione intercomunale relativa al sostegno finanziario alla Sun Village Projects Sa, quale partecipazione per i costi di gestione della piscina coperta che sarà costruita all’interno del futuro centro turistico previsto proprio ad Acquarossa. I tre Comuni contribuiranno con 195mila franchi all’anno (versati interamente da Acquarossa che riceverà 65mila franchi da ognuno degli altri due Comuni) per 10 anni a partire dall’inaugurazione della piscina prevista nel 2028 in concomitanza con quella dell’intero centro turistico da 54 milioni di franchi. I costi per la realizzazione della sola struttura balneare sono stimati a 4,8 milioni di franchi e saranno interamente a carico dei promotori. Il legislativo di Acquarossa ha quindi anche accolto la convenzione stipulata dal Municipio con gli investitori, la quale prevede che la piscina sarà aperta al pubblico e alle scuole comunali.

‘Ascoble non deve essere sciolta’

Durante la seduta i consiglieri comunali hanno anche brevemente discusso del futuro dell’Associazione dei Comuni bleniesi (Ascoble), visto che il rapporto redatto dall’apposita commissione intercomunale ne propone lo scioglimento. Il tema ha dunque suscitato diversi interventi, tutti improntati al mantenimento dell’associazione: quest’ultima permette infatti da un lato di mantenere lo spirito di valle e dall’altro di concretizzare progetti e visioni condivisi. Stando ai consiglieri, abolire Ascoble significherebbe rinunciare a un gremio che ha una propria operatività e che ha una sua ufficialità e un suo riconoscimento anche all’esterno. È quindi stata suggerita, piuttosto, una revisione del suo statuto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved