carasso-baltico-riparte-l-idea-di-rinnovare-la-funivia
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio

Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Locarnese
3 ore

Muralto Musika, la quinta edizione

In programma tre appuntamenti concertistici in San Vittore
Ticino
3 ore

Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto

Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Locarnese
3 ore

Appuntamento estivo al Parco di Orselina

Musica jazz con la Sister cities brass band di New Orleans
Bellinzonese
4 ore

Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli

Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Mendrisiotto
4 ore

Castel San Pietro, dalla sezione Plr un sostegno al Patriziato

Donato un contributo di 1’500 franchi per la ristrutturazione del rifugio Alpe Caviano, che entrerà a far parte dell’Albergo diffuso
Locarnese
4 ore

Approvata la scuola a Bignasco, ma tira aria di referendum

Il Consiglio comunale promuove la convenzione tra Comune e Patriziato per la costruzione delle Elementari. Tuttavia c’è chi dice no
Ticino
5 ore

Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio

Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Mendrisiotto
5 ore

Coldrerio, le regole per parcheggiare al Parco San Rocco

L’autorimessa sarà accessibile da settembre. Il Municipio adatta l’ordinanza sulla gestione dei posteggi pubblici
Locarnese
6 ore

Vira Gambarogno, festa annullata

A causa delle previsioni meteo avverse
Luganese
6 ore

Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare

Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
7 ore

Conferenza sull’ambiente: 1° premio a una classe di Acquarossa

La quinta elementare della docente Nora Antonini ha vinto a livello nazionale grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite)
Locarnese
7 ore

Cevio, la Fondazione Silene Giannini fa spazio all’arte

Obiettivo: sostenere chi eccelle in pittura, fotografia, grafica e altri settori figurativi, creando anche una rete regionale
25.04.2022 - 15:35
Aggiornamento : 15:55

Carasso-Baltico, riparte l’idea di rinnovare la funivia

L’Ente autonomo Carasc e un gruppo di privati (fra cui quello disposto in passato a donare un milione) intendono costituire una fondazione ad hoc

Sembrava un capitolo ormai chiuso e archiviato e invece potrebbe riaprirsi. La vecchia teleferica che da Carasso porta ai mille metri dei monti di Baltico, sulla montagna bellinzonese di sponda destra dove sono presenti diversi rustici, potrebbe venire sostituita e così riattivata per il trasporto anche delle persone. Dal gennaio 2007 l’impianto, considerato il suo grado di sicurezza, può infatti essere utilizzato per il solo materiale. Allora l’Assemblea patriziale preferì al risanamento (nel quale un privato era pronto a mettere un milione di franchi) la realizzazione della strada forestale di 5 chilometri, la cui prima versione più lunga era stata osteggiata con ricorsi dalle associazioni ambientaliste che avevano infine ottenuto ragione dal Tribunale federale. La soluzione di compromesso poi individuata teneva peraltro in considerazione i bisogni per gli importanti interventi di cura del bosco e realizzazione di due bacini antincendio. Dall’autunno 2018, ultimati i lavori, la nuova strada forestale collega la zona di Gordola a Ciocco. Ma secondo un gruppo di carassesi la teleferica rimane ancora un’opzione valida. L’Ufficio patriziale, presieduto dal municipale Mauro Minotti, osserva da vicino le riflessioni in corso fra Ente autonomo Carasc, che gestisce collina e montagna di sponda destra fra Gudo e Gorduno, e un gruppo di privati interessati a rilanciare il progetto, fra i quali anche colui che un tempo era disposto a mettere un milione di franchi. Il tutto passerebbe attraverso la costituzione di un’apposita fondazione.

Una strada verso l’alpe Monda?

Intanto l’Ufficio patriziale rivolgendosi all’assemblea convocata la sera del 28 aprile rimarca che la strada forestale Gordola-Coccio è utilizzata da molte persone, sia possessori di rustici che amanti della montagna. Da risolvere è ancora il collegamento agricolo da Coccio allʼalpe Monda, per il quale già nel 2013 lʼassemblea aveva stanziato 150’000 franchi da destinare al progetto di massima e alle procedure necessarie a ottenere la licenza edilizia. Nel contempo è prevista la sistemazione dellʼattuale pista agricola tra Marno e lʼAlpe Monda, sia per renderla più agibile, sia per rispettare la zona di protezione delle sorgenti. Lo scopo del collegamento agricolo è la salvaguardia dellʼAlpe Monda per la quale il Patriziato ha investito in 40 anni circa 2,5 milioni di franchi: lʼUfficio patriziale "desidera avere un alpe attrattivo e in quest’ottica la mancanza di un comodo accesso potrebbe avere gravi conseguenze nellʼimmediato futuro". La domanda di costruzione è poi stata presentata dalla Città di Bellinzona al Dipartimento del territorio nel febbraio 2020 per un esame preliminare. Esito: il Cantone nel luglio 2021 ha esposto una serie di criticità concludendo che la proposta è carente, non può essere preavvisata favorevolmente e va perciò approfondita. LʼUfficio patriziale si è quindi attivato per quantificare i costi degli approfondimenti e prossimamente chiederà di stanziare un credito supplementare.

Cantone critico: approfondire

In particolare il Cantone evidenzia che la strada è in parte prevista su un tracciato viario esistente ma non pianificato: per il resto la strada è da realizzare ex novo in area forestale o in zona agricola, attraversando anche alcuni corsi dʼacqua. Lʼintero tracciato, inoltre, si trova allʼinterno della Zona di protezione generale della natura e del paesaggio prevista dal Piano regolatore. Il Dt ricorda poi che le motivazioni a sostegno della pianificazione della strada agroforestale risiedono nella necessità di servire due aziende agricole e alcune aree boschive con funzione protettiva e produttiva; perciò un interesse pubblico di carattere agricolo alla realizzazione della strada è dato per assicurare a lungo termine la continuazione dellʼattività delle aziende agricole. Detto altrimenti, poiché la strada è concepita per un utilizzo agricolo e forestale, ma in definitiva allaccerebbe anche i numerosi rustici presenti, secondo il Cantone il delicato tema del suo utilizzo dev’essere maggiormente sviluppato già nella procedura pianificatoria poiché altamente problematico. Questo considerato peraltro che allʼinterno del comprensorio Puc-Peip non sono di principio ammesse nuove opere di urbanizzazione al servizio di privati. Ciò che rende evidente il conflitto insito con una nuova strada di accesso. Non da ultimo, visto che la strada attraverserebbe un’ampia superficie forestale, qualora questa superasse i 400 ettari la si dovrà sottoporre a un Esame d’impatto sull’ambiente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ente autonomo carasc milione strada
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved