ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
3 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
7 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
7 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
7 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
15 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
15 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
16 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
16 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
16 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
16 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
17 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
18 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
14.04.2022 - 09:21
Aggiornamento: 15:25

Chiusura Stella Alpina: ‘Un passo indietro per tutta la regione’

Il rammarico di Juri Clericetti (Otr) e Luca Merlo (Gastro) sulla chiusura dell’albergo e ristorante a Ronco Bedretto. ‘Ma per la valle qualcosa si muove’

chiusura-stella-alpina-un-passo-indietro-per-tutta-la-regione

«Si perderà una realtà molto interessante che registra diverse migliaia di pernottamenti all’anno. Lo consideriamo un passo indietro, dal momento che stiamo facendo di tutto per avere più posti letti nella nostra regione dove, secondo il nostro punto di vista, il problema è proprio la carenza di strutture ricettive». Da noi sollecitato, il direttore dell’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino, Juri Clericetti, si esprime sull’annunciata chiusura dello Chalet Stella Alpina a Ronco Bedretto, storico e rinomato albergo che il prossimo 19 aprile – come riferito dalla ‘Regione’ un paio di settimane fa – terminerà la sua centennale attività.

Come ci aveva spiegato il direttore e proprietario, Mauro Oliani, lo stabile – che era in vendita da circa tre anni – è stato recentemente ceduto a un privato che non intende mantenere attivi hotel e ristorante. Oltre a uno dei pochi punti di ritrovo, la valle perderà una realtà dimostratasi in grado di generare un interessante flusso di turisti. Nessuno degli albergatori ticinesi che si sono interessati, sottolineava Oliani, ha creduto fino in fondo nel potenziale della struttura per acquistarla e mantenere l’attività. Conseguenza di una regione troppo poca attrattiva? «È sicuramente fondamentale che l’albergatore o l’esercente possa contare su un’offerta turistica sul territorio da proporre al cliente, e in questo senso qualcosa si sta muovendo».

Clericetti fa riferimento a due ambiziosi progetti nel settore della mountain bike. Il primo è quello chiamato ‘Bike Gotthard’, un percorso attorno al massiccio del San Gottardo (Valle Bedretto compresa) coordinato dall’Ente regionale per lo sviluppo del Bellinzonese e Valli con collaborazione dell’Otr-Bat così come di quella degli enti turistici di Andermatt, Sedrun e Goms. Il secondo è invece un progetto Interreg denominato ‘Laghi & Monti Bike’ che consiste nel completamento del percorso per mountain bike transfrontaliero Gottardo-Airolo-Domodossola-Lago Maggiore, che attraverso il Passo San Giacomo passerà dalla Valle Bedretto. «Premettendo che ci vorrà ancora del tempo per concretizzarli, sono due progetti che se sviluppati bene potranno essere delle belle opportunità per il settore alberghiero e della ristorazione, tenendo infatti ben presente l’attuale grande successo del settore della mountain bike in Ticino».

‘Target specifico possibile mossa vincente’

Dopo la ristrutturazione a inizio 2000 (con tanto di realizzazione di una Spa) che aveva elevato ulteriormente gli standard di un hotel da sempre all’avanguardia, negli ultimi anni lo Stella Alpina era riuscito a fidelizzare una nicchia di clienti puntando in particolare sulla cucina vegetariana e vegana (nell’intervista rilasciata al nostro giornale Oliani ha riferito che insieme allo chef Andrea Palazzini – entrambi vegani – porteranno avanti in Valle Bedretto la produzione alimentare di alternative vegetali ai formaggi stagionati). «Il concetto per una struttura ricettiva di focalizzarsi su un target è interessante e in questo caso ha dimostrato di essere una mossa vincente». Pure in Leventina e in Valle di Blenio, conclude il direttore dell’Otr-Bat, alcune strutture ricettive hanno iniziato a puntare su segmenti specifici, in particolare escursionismo e ciclismo.

Merlo (Gastro): ‘Sempre più difficile trovare personale a nord di Biasca’

«È sempre un peccato quando c’è una chiusura, perlopiù di una struttura apprezzata, che funzionava bene e rinnovata da relativamente poco», dice Luca Merlo, direttore di Gastro Bellinzona e Alto Ticino. Parlando in generale del settore, ritiene che il futuro non sarà facile, in particolare nell’Alto Ticino. «Trovare personale che vada a lavorare a nord di Biasca è sempre più difficile». Una questione evidenziata anche da Mauro Oliani, pur premettendo che il motivo principale della vendita è legato ai suoi problemi di salute. «Il momento non è di sicuro dei più promettenti. Se gli ultimi due anni sono stati davvero complicati a causa della pandemia, l’attuale conflitto in Ucraina e l’aumento dei prezzi delle materie prima fa sì che non andare al ristorante diventi una delle prime opzioni di risparmio. E questo lo osserviamo da quello che ci dicono i clienti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved