Bellinzonese
Cosa si può fare a casa per dare più spazio alla natura
Serata pubblica il 13 aprile a Claro con Pro Natura e altri enti che stanno elaborando in paese uno specifico progetto
8 Aprile 2022
|

‘Biodiversità negli insediamenti: cosa offre e come favorirla’. Detto in altri termini: come favorire la biodiversità lungo i bordi stradali, perché lasciar fiorire i prati, cosa si può fare a casa propria per dar più spazio alla natura. Una serata pubblica su questi temi si terrà mercoledì 13 aprile a Claro (ore 20 nell’atrio della Scuola elementare in via Ca di Patrizi 39). Organizza Pro Natura Ticino, che col sostegno dell’Alleanza territorio e biodiversità, del Wwf e della Fondazione Ernst Göhner sta portando a termine proprio a Claro un progetto per favorire la biodiversità lungo le strade. "La gestione ecologica del verde urbano è ormai una realtà consolidata in molti Comuni d’Oltralpe come Zurigo e Losanna e ora, grazie anche a questo progetto, in Ticino si sta implementando questo tema di particolare importanza e attualità". Molti – rimarcano gli organizzatori della serata – si ricorderanno quanto erano belli i bordi stradali durante il primo lockdown: il taglio dell’erba era stato ritardato e i bordi stradali erano più fioriti e colorati che mai. "Un accorgimento semplice ma efficace che va però coordinato e pianificato con attenzione". Vi sono molti altri modi per favorire la natura nelle zone urbane sia a livello istituzionale che a livello privato. Durante la serata verranno presentati il progetto pilota dei bordi stradali di Claro e alcuni suggerimenti per aumentare la biodiversità anche nelle proprietà private. Inoltre a fine mese sarà organizzata un’escursione pomeridiana per scoprire dal vivo la natura cittadina. Principale difficoltà per promuovere la natura in ambiente urbano è il pregiudizio che tutto debba essere pulito e ordinato. Una serata destinata quindi non solo agli interessati e ai curiosi ma anche agli scettici. Relatori Andrea Persico, botanico e responsabile dei progetti per Pro Natura Ticino, ed Erika Franc biologa indipendente e progettista dell’iniziativa ‘Bordi fioriti a Claro’.