ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
4 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
6 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
6 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
7 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
7 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
7 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
7 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
8 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
8 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
9 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
9 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
9 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
9 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
9 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
05.04.2022 - 11:41
Aggiornamento: 18:41

Rivivere il fiume Ticino: il parco fluviale passa alla fase 2

Sponda destra Sementina-Gudo: pubblicato il progetto da 51 milioni per la seconda tappa. La curva a S sulla cantonale sarà coperta per favorire la fauna

rivivere-il-fiume-ticino-il-parco-fluviale-passa-alla-fase-2
Ecco come sarà in futuro il tratto di fiume Ticino, sponda destra, che da Sementina scende fino a Gudo

Un progetto che «segna una svolta nel modo di concepire e di vivere un corso d’acqua». Il consigliere di Stato Claudio Zali, durante una conferenza stampa odierna a Palazzo delle Orsoline, ha definito la presentazione della seconda tappa del parco fluviale di Bellinzona (quella nel comparto Boschetti tra Sementina e Gudo) come «un momento molto significativo» per tutto il cantone. Questa ulteriore fase di sistemazione idraulica e rivitalizzazione lungo sei chilometri degli argini del fiume Ticino rappresenta infatti uno degli investimenti (circa 51 milioni di franchi) più importanti per quanto riguarda i corsi d’acqua. Un progetto che garantirà alla cittadinanza «una qualità di vita superiore rispetto a quella attuale», ha affermato da parte sua Simone Gianini, vicesindaco di Bellinzona, città che promuove quest’opera con il Consorzio correzione fiume Ticino (proprietario degli argini), sostenuti dal Dipartimento del territorio e dall’Ufficio federale dell’ambiente (Ufam).

Cosa si realizza e dove

Dopo l’ultimazione della prima tappa in zona Torretta inaugurata circa un anno fa, questa seconda tappa (che è attualmente il più importante intervento di rinaturazione in Ticino) prevede l’allargamento dell’alveo tra il ponte autostradale fra Sementina e Giubiasco e il settore Progero a Gudo, con in particolare la realizzazione di lanche sulla sponda destra e di conche su quella sinistra. Si tratta insomma di un «importante allargamento del fiume – ha spiegato Laurent Filippini a capo dell’Ufficio dei corsi d’acqua – che permetterà di frenare l’erosione del fondo, garantendo una maggiore sicurezza». Sono poi anche previsti una pozza multifunzionale (biotopo e punto di approvvigionamento per la lotta agli incendi boschivi) vicino al Centro sportivo di Sementina, così come un breve ponte faunistico sopra la strada cantonale tra Sementina e Gudo (la famosa curva a S) che garantirà più sicurezza per gli automobilisti e per gli animali di passaggio. A Progero è inoltre prevista la rinaturazione di tre riali e della loro zona di confluenza col fiume Ticino, che sarà ampliato grazie alla rimozione dell’arginatura destra e alla creazione di nuove scarpate. Infine, è pure previsto lo spostamento e interramento di due tratte di elettrodotti aerei da parte dell’Azienda elettrica ticinese e dell’Azienda multiservizi Bellinzona.

Confederazione e Cantone coprono il 90% dei costi

Entro la fine di questo mese verranno pubblicate le domande di costruzione e licenziati i messaggi da parte del Consiglio di Stato e del Municipio di Bellinzona all’attenzione dei rispettivi legislativi per la richiesta dei crediti di finanziamento. I lavori dovrebbero dunque iniziare nell’autunno 2023 e dovrebbero durare cinque anni. I costi di questa seconda tappa ammontano a circa 51 milioni di franchi. Consorzio e Città saranno chiamati a pagare per questa seconda tappa rispettivamente 4,2 milioni e 0,8 milioni di franchi. Importi che tutto sommato sono limitati, grazie ai sussidi garantiti dal Cantone (8 milioni) e dalla Confederazione (38 milioni) che copriranno il 90% dei costi. Tutti gli oratori (oltre a Zali, Gianini e Filippini, era presente anche Edgardo Malè, presidente del Consorzio correzione fiume Ticino) hanno sottolineato l’importanza dei contributi assicurati dall’Ufam.

L’intenzione è di intervenire anche a nord del Comune

Malé ha poi ricordato che a questa seconda tappa ne seguirà una terza sul comparto Saleggi. E il nuovo ospedale previsto «potrà solamente beneficiare di questa vicinanza». In questo caso la fase preparatoria proseguirà a partire dal 2023, in parallelo alla realizzazione del comparto Boschetti. Gianini ha da parte sua sottolineato l’importanza di quest’opera (in cui il Municipio «crede fortemente») per Bellinzona. Si tratta infatti di un «progetto strategico di sviluppo economico e sociale, al pari del polo biomedico, del prospettato nuovo ospedale alla Saleggina, del nuovo Quartiere Officine con il parco dell’innovazione, delle infrastrutture di mobilità pubblica del rilancio dei castelli». Si tratta insomma di «uno dei progetti principali che impegnerà la città nei prossimi anni». Anche perché dopo queste tre tappe vi è l’intenzione di rivitalizzare e rendere maggiormente fruibile il fiume «anche a nord del Comune, fino a Moleno e Preonzo». Già perché queste opere, in generale, garantiscono la sicurezza del territorio e la protezione contro le piene, la tutela dell’ambiente e del paesaggio (nel senso anche della sua biodiversità) e permettono una migliore fruibilità del fiume da parte della popolazione. Popolazione che «gradisce moltissimo» questi progetti: «Già oggi la zona golenale della Torretta è frequentata da moltissime persone in cerca di svago». Zali ha poi annotato come questi progetti permettono di «riappropriarci dei corsi d’acqua» che in passato sono stati «mortificati» in nome «della (auspicata) sicurezza, della produzione di energia elettrica o del recupero di terreni coltivabili».

Volantino a tutti i fuochi

Va infine segnalato che nei prossimi giorni tutti i fuochi di Bellinzona riceveranno un volantino che illustra gli aspetti principali del parco fluviale nelle sue tre tappe con informazioni che permetteranno di capire al meglio il progetto. Ulteriori dettagli sul sito www.ilmiofiume.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved