ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
10 min

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
1 ora

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
2 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
3 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
3 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
3 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
3 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
4 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
4 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
5 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
5 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
5 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
5 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Bellinzonese
5 ore

Patriziato di Carasso in assemblea

Giovedì 15 dicembre alle 20.15 nella sala patriziale sarà, fra l’altro, discusso il preventivo 2023 che prevede un avanzo d’esercizio di 260mila franchi
Mendrisiotto
5 ore

Stabio, consegnate le Menzioni comunali 2022

Il Municipio incontra la popolazione per lo scambio di auguri e premia sportivi e cittadini meritevoli. Oltre a un edificio ecosostenibile
Ticino
5 ore

‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’

Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Bellinzonese
6 ore

La ‘Mostra d’arte solidale’ allo Spazio aperto di Bellinzona

L’inaugurazione con musica e rinfresco si terrà domenica 11 dicembre alle 16
Luganese
6 ore

Lugano, dibattito sulla protezione dei diritti umani

Convegno all’Usi, sabato 10 dicembre, per discutere del tema partendo dall’Esame periodico universale dell’Assemblea generale dell’Onu
laR
 
02.04.2022 - 05:10
Aggiornamento: 09:25

L’Eoc ‘crede con forza’ in un ospedale universitario in Ticino

Il direttore generale Glauco Martinetti: ‘un’occasione da non lasciarsi sfuggire’. Bellinzona in ‘pole position’, ma è pensabile un’istituzione multisito

l-eoc-crede-con-forza-in-un-ospedale-universitario-in-ticino
Ti-Press

Quella di realizzare un ospedale universitario in Ticino è un’opportunità che «non dobbiamo lasciarci sfuggire». Glauco Martinetti, direttore generale dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc), ritiene che sia il momento giusto per puntare con convinzione verso una simile istituzione, in cui «l’Eoc crede con forza». Ovviamente non basta crederci per realizzare questo sogno: servono passi concreti che per il momento non sono ancora stati fatti. Fondamentale sarà far sì che «tutta la popolazione ticinese e in particolare la politica sostenga in modo unanime un progetto simile», afferma Martinetti a ‘laRegione’. E in questo senso si potrebbe pensare a un «ospedale universitario multisito», quindi non legato a un solo luogo. In ogni caso, visto lo sviluppo che sta avendo nel settore della ricerca biomedica, e senza dimenticare il previsto nuovo ospedale sul terreno della Saleggina, «Bellinzona è in pole position».

‘Il Ticino deve mostrarsi unito’

Recentemente sulle pagine del ‘Cdt’ il direttore dell’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb) e il presidente dell’Istituto oncologico di ricerca (Ior) – rispettivamente Davide Robbiani e Franco Cavalli – hanno espresso l’auspicio di realizzare un ospedale universitario. Una possibilità evocata sul nostro quotidiano anche da Boas Erez, rettore dell’Università della Svizzera italiana (Usi). E l’Eoc – attore che in questo discorso non può mancare – cosa ne pensa? «Anche se per il momento di concreto c’è poco, questo è un progetto in cui bisogna credere assolutamente», sottolinea Martinetti. Il prossimo passo è quello di «convincere tutta la politica che vi è una possibilità, forse irripetibile, per il Ticino di riuscire a portare sul nostro territorio un ospedale universitario». Insomma, «a livello politico il Ticino deve mostrarsi unito com’è accaduto in passato quando l’Usi da sogno è diventata realtà». Questo spirito di unione va poi trasmesso anche dalla delegazione ticinese a Berna, visto che «è necessario coinvolgere anche la politica federale». In questo senso il momento storico sembrerebbe essere quello giusto, visto che in Consiglio federale siede anche un ticinese, Ignazio Cassis. «E questo è importante».

‘I quattro enti devono coordinarsi’

Un momento storico caratterizzato anche da uno sviluppo senza precedenti in ambito di ricerca scientifica, in particolare a Bellinzona, con Irb e Ior che negli ultimi anni sono cresciuti molto (e lo stanno ancora facendo) diventando istituti di punta a livello internazionale. Essendo affiliati all’Usi e grazie all’integrazione di ricercatori e dottorandi, i due istituti di ricerca hanno anche sempre più visibilità nel panorama universitario svizzero. Insomma, la componente di ricerca universitaria c’è, quello che manca è un progetto che possa valorizzare ulteriormente questo sviluppo in ambito medico, ovvero un ospedale universitario. «Le premesse sono buone, ma ora serve un atto concreto, magari elaborato dai quattro enti (Eoc, Irb, Ior e Usi) in modo coordinato», rileva Martinetti. Oltre a ciò è pure pensabile che sia necessario sviluppare la facoltà di medicina dell’Usi: «Attualmente gli studenti universitari hanno la possibilità di svolgere il Master nelle nostre sedi. In futuro sarà verosimilmente necessario offrire un percorso completo, iniziando magari già dal Bachelor». Vi è dunque ancora «molto lavoro da fare, in particolare per Eoc e Usi. Ma anche per la politica che dovrà appoggiare questo progetto anche garantendo i necessari finanziamenti».

Possibilità di essere attivi su più sedi

Ma dove dovrebbe sorgere un ospedale universitario? Vicino al settore della ricerca a Bellinzona o vicino all’università a Lugano? «Fino a quando non sarà concretizzato il concetto di ospedale universitario è prematuro parlare di un luogo», precisa il direttore generale dell’Eoc. «Attualmente Bellinzona sembra essere la località con più possibilità, ma molto dipenderà dal modello che sarà scelto. È infatti anche pensabile un’istituzione attiva su più sedi: ad esempio a Bellinzona potrebbe essere sviluppato il settore della biomedicina, mentre a Lugano quello delle neuroscienze». Insomma, prima si elabora il concetto (e questo «non si può rimandare») e in seguito si potrà discutere di quale sede o sedi siano più opportune.

Progetto da concretizzare ‘subito’

Martinetti ricorda poi che l’Eoc è attivo in modo capillare su tutto il territorio ticinese. Inoltre, «ci stiamo impegnando per ridare un ciclo di vita completo a tutte le sedi: a breve l’ospedale di Mendrisio avrà una nuova ala, così come quello di Locarno fra alcuni anni; quello di Lugano sarà completamente ristrutturato e ad Acquarossa è prevista una nuova costruzione. Entro il 2030 tutte le sedi saranno dunque o nuove o ristrutturate e a Bellinzona saranno iniziati i lavori di costruzione del nuovo ospedale regionale sul terreno della Saleggina». Questo per dire che l’intera infrastruttura cantonale sarà all’avanguardia in vista di un eventuale ospedale universitario, la cui sede potrà dunque «essere decisa anche dalle nuove generazioni. Il concetto, invece, dev’essere elaborato subito».

‘Porterà a un miglioramento delle cure’

Martinetti tiene infine a sottolineare che un «ospedale universitario deve tradursi per il paziente ticinese in un miglioramento delle cure. E questo è imprescindibile». In questo contesto sarebbe quindi opportuno «riflettere sul concetto di multisito, chiedendoci se non possa portare ulteriori vantaggi alla popolazione. Un ospedale universitario deve infatti creare ancora più sicurezza, simpatia e fiducia nel paziente».

Alcuni anni fa il Gran Consiglio aveva esaminato la richiesta di approfondire il discorso per un ospedale universitario, lanciata nel 2016 da un’iniziativa parlamentare generica (primi firmatari Simone Ghisla, Franco Denti e Maristella Polli) sottoscritta da 38 deputati e approvata nel 2018 a larga maggioranza dal plenum. L’iniziativa chiedeva di gettare le basi per l’istituzione in Ticino di un unico ospedale cantonale.

Leggi anche:

Un’antenna Usi nel Moesano? ‘Da prendere in considerazione’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved