un-antenna-usi-nel-moesano-da-prendere-in-considerazione
Usi
Un progetto simile a quello previsto ad Airolo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
20 min

Cerimonia di passaggio del comando delle Scuole sanitarie 42

Daniele Meyerhofer venerdì 1° luglio ha riconsegnato la bandiera, il comando della scuola e della piazza d’armi a Silvano Barilli
Bellinzonese
26 min

Centro sci nordico, fallita la società incaricata della gestione

La Sagl responsabile di ristorante e albergo ha depositato i bilanci. A pesare sarebbero i costi di gestione. Questa sera l’assemblea della Sa
Bellinzonese
1 ora

Festa della Madonna del Rosario con Milizia napoleonica

La manifestazione avrà luogo domenica 3 luglio ad Aquila: alle 8 presa della bandiera e saluto delle autorità, poi Santa Messa e processione
Grigioni
2 ore

Ferma alcuni giorni la teleferica Arvigo-Braggio

La linea rimarrà chiusa per importanti lavori da martedì 5 luglio alle 8 fino a venerdì 8 luglio alle 17
Grigioni
2 ore

Soazza, è tempo di open air ‘Rock di Fra’

La manifestazione è in calendario sabato 9 luglio a partire dalle 18, ora in cui entrerà in funzione anche una fornitissima griglia
Bellinzonese
2 ore

Osco, sagra di San Bernardo a Freggio

Domenica 10 luglio alle 10.30 è in programma la Santa Messa con banco dei dolci e aperitivo, seguirà poi il pranzo all’azienda agricola ‘La Parpaiora’
Grigioni
2 ore

Torna la SanbeRun, la ‘classica’ attorno al lago

Domenica 10 luglio è in programma la nuova edizione della corsa podistica sulle strade di San Bernardino
Gallery
Ticino
3 ore

Da Sciaffusa a Mendrisio: il Consiglio federale in Ticino

Prima la visita a Tenero, poi lo spostamento nel Sottoceneri. Dove, dopo la parte ufficiale, i sette ‘saggi’ hanno incontrato la popolazione.
Mendrisiotto
3 ore

Zigzag in autostrada, multati vari motociclisti

La Polizia cantonale ha riscontrato 31 infrazioni durante alcuni controlli fatti a maggio e giugno.
Locarnese
4 ore

Lavori in corso per gli scali della Navigazione Ascona-Locarno

La prima fase per la sostituzione dei vecchi pali degli imbarchi partirà il 4 luglio e si protrarrà fino al 15 luglio.
Locarnese
4 ore

Lilly Polana espone alla Galleria Amici dell’Arte di Brissago

Mostra personale dedicata all’artista di Montagnola e ai suoi quadri realizzati unicamente con francobolli
Locarnese
4 ore

Tè danzante a Tenero

Al Tertianum Al Vigneto l’appuntamento con la musica è per martedì prossimo
Bellinzonese
5 ore

’Pranzo dell’amicizia’ con il Gruppo ATTE Leventina

La giornata è in programma giovedì 14 luglio ai laghetti Audan ad Ambrì, obbligatorio iscriversi entro il 10 luglio
Bellinzonese
5 ore

Il Piccolo Museo della Scatola di Latta riapre i battenti

Da domenica 3 luglio sino al 31 ottobre a Grumarone è possibile scoprire i quasi 6’500 pezzi della collezione di Franco Grassi
Bellinzonese
6 ore

‘Sua figlia ha avuto un incidente’, ma è una truffa

Una sedicente poliziotta al telefono ha chiesto, invano, a una 78enne del Bellinzonese 50mila franchi per evitare a sua figlia la prigione
Locarnese
7 ore

Russo, lavori agricoli nella campagna Grande

Prosegue il lavoro nell’ambito del progetto di riqualifica di questi terreni in alta Onsernone
Gallery
Luganese
8 ore

Centra lo spartitraffico e si rovescia su un fianco: è grave

Serie ferite per l’uomo rimasto vittima di un incidente nella notte in via San Gottardo a Lugano, poco prima del tunnel di Besso
laR
 
30.03.2022 - 17:26
Aggiornamento: 17:47

Un’antenna Usi nel Moesano? ‘Da prendere in considerazione’

Boas Erez, rettore dell’Università della Svizzera italiana: ‘Sin dall’inizio abbiamo sempre cercato un contatto con il Grigioni italiano’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

L’idea di istituire un’antenna dell’Università della Svizzera italiana (Usi) nel Moesano non sembra per nulla essere fuori luogo: «Siamo aperti a prendere seriamente in considerazione questa possibilità», afferma a ‘laRegione’ Boas Erez, rettore dell’Usi. Insomma, non resterà inascoltato l’appello lanciato il 21 marzo dalle autorità locali durante l’incontro tenutosi a Roveredo col presidente del governo grigionese Marcus Caduff. Sebbene di concreto al momento c’è poco o nulla, l’Usi è in ogni caso interessata alla possibilità di realizzare un progetto che potrebbe essere simile a quello che si sta portando avanti ad Airolo con la ‘Casa della sostenibilità’. «Sin dall’inizio abbiamo sempre cercato un contatto con il Grigioni italiano – sottolinea Erez –. Anche perché siamo l’Università della ‘Svizzera italiana’, di cui evidentemente fa parte anche questa regione».

Airolo, inoltrata la domanda di costruzione per la Casa della sostenibilità

Ad Airolo, lo ricordiamo, l’ex ufficio postale situato vicino alla stazione diventerà un’antenna dell’Usi, ovvero una struttura finalizzata a ospitare gruppi di studenti che seguiranno seminari incentrati sul tema della sostenibilità. Un progetto che sta andando avanti spedito: dopo l’approvazione del relativo credito complessivo di 2,9 milioni di franchi da parte del Consiglio comunale di Airolo avvenuta lo scorso dicembre (e il contemporaneo via libera da parte del Consiglio dell’Usi all’avvio delle operazioni per la creazione della Casa della sostenibilità), ora il Comune, che si occuperà dei lavori di ristrutturazione dello stabile, ha inoltrato la domanda di costruzione. Una volta ricevuti i preavvisi positivi da parte dei preposti servizi comunali e cantonali, il Municipio rilascerà la licenza edilizia. «Se non vi saranno intoppi, potremo iniziare i lavori tra agosto e settembre», afferma da noi contattato il sindaco Oscar Wolfisberg. «L’obiettivo è quello di riuscire a inaugurare la Casa della sostenibilità entro l’inizio dell’anno accademico 2023/24, ovvero a fine estate dell’anno prossimo».

Individuare ‘cosa può offrire il Moesano’

Ovviamente in un’antenna dell’Usi si svolgeranno attività strettamente legate al territorio in cui si trova. Ad Airolo si punterà quindi a questioni legate ai cambiamenti climatici e alla produzione di energia (grazie ad esempio al Parco eolico sul San Gottardo), alla biodiversità (di particolare interesse risulta la Val Piora con la Fondazione del Centro di biologia alpina), all’architettura paesaggistica (pensiamo al risanamento ambientale del fondovalle), ma anche ai trasporti o al turismo. «Le migliori collaborazioni si concretizzano quando l’interesse è reciproco», spiega Boas Erez. «Nel caso di Airolo il nostro interesse è quello di accompagnare gli studenti a scoprire le problematiche legate alla sostenibilità con un’esperienza sul ‘campo’ e non solo con l’insegnamento in classe». Il Comune da parte sua vede la presenza di studenti, professori e ricercatori come un’opportunità per sviluppare nuovi progetti sul territorio e contribuire allo sviluppo della regione.


Ti-Press
Boas Erez

In questo contesto «bisogna ora capire cosa può offrire il Moesano», ovvero su quali attività economiche, culturali, sociali o ambientali già presenti sul territorio si vuole puntare per poi svilupparle ulteriormente. Durante l’incontro con Marcus Caduff erano ad esempio stati citati il settore delle cave o quello dell’industria del legname.

A Bellinzona uno sviluppo ‘assolutamente non banale’

Incontro durante il quale era anche emersa la vicinanza del Moesano a Bellinzona, dove si sta sviluppando il polo di ricerca in biomedicina, senza poi dimenticare il previsto Parco dell’innovazione nel nuovo quartiere delle Officine e il futuro nuovo ospedale sul terreno della Saleggina. Uno sviluppo che «non è assolutamente banale», rileva il rettore dell’Usi, sottolineando come a Bellinzona vi sia «una convergenza sempre più importante verso l’università». Infatti il polo di ricerca in biomedicina dovrebbe espandersi con un ulteriore stabile accanto a quello nuovo situato in via Chiesa dove hanno trovato spazio i ricercatori di Irb, Ior e dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc). Erez ricorda che l’Istituto di ricerca in biomedicina e l’Istituto oncologico di ricerca sono affiliati all’Usi. «Questo permette loro una crescita armoniosa nel panorama universitario svizzero, in particolare integrandovi ricercatori e dottorandi, rendendo più organico il sostegno della Confederazione, in vista della creazione di un polo ancora maggiormente riconosciuto a livello nazionale e internazionale». Per quanto riguarda il nuovo nosocomio «Usi, Eoc e Città di Bellinzona stanno portando avanti una strategia congiunta che potrebbe anche sfociare nella realizzazione di un ospedale universitario». Non da ultimo vi è poi il Parco dell’innovazione che in futuro dovrebbe favorire la collaborazione tra ricerca universitaria e aziende, con l’obiettivo di sviluppare progetti sostenibili e innovativi. E ovviamente anche in questo caso l’Usi seguirà con attenzione gli sviluppi di questo progetto promosso dalla Fondazione Agire su mandato del Cantone.

Insomma, l’Università della Svizzera italiana continua a crescere, cercando di essere sempre più presente su tutto il territorio e valorizzando le peculiarità di quest’ultimo. E questo genera sicuramente vantaggi reciproci a favore di tutti gli attori coinvolti.

Leggi anche:

‘Un’antenna universitaria anche nel Moesano’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved