ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
18 min

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
18 min

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
32 min

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
38 min

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
41 min

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
45 min

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
1 ora

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
Bosco Gurin
1 ora

Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’

L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
GALLERY
Luganese
2 ore

Valorizzazione e conservazione alla torbiera di Gola di Lago

Gli interventi dell’Ufficio della natura e del paesaggio avevano l’obiettivo di conservare la qualità ecologica del biotopo
Ticino
3 ore

In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità

Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Mendrisiotto
3 ore

‘Il benessere alimentare’, se ne parla a Chiasso

Nell’incontro promosso da Acd a Villa Olimpia si affronteranno vari temi legati all’alimentazione
Luganese
4 ore

Massagno festeggia con i tifosi la sua prima Coppa della Lega

Al termine della partita contro il Monthey, domenica 5 febbraio ci sarà una maccheronata conviviale. Prima della contesa iniziale parola alle autorità
Ticino
4 ore

In Ticino la Legge sul salario minimo è rispettata al 97%

Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
5 ore

Il ‘Giardino di Albert’ trova casa a Vacallo

Il progetto dello studio Montemurro Aguiar Architetti si è aggiudicato il concorso di progettazione per la riqualifica del comparto ex scuola ed ex asilo
Locarnese
5 ore

Riazzino, la metafisica dopo Kant

Prosegue il ciclo di conferenze che ‘Orizzonti filosofici’ dedica quest’anno alle filosofie dell’Illuminismo
Locarnese
6 ore

Locarno, lo spettacolo ‘Carnage’ annullato

Previsto sabato sera al Teatro Paravento non potrà essere portato in scena a causa di forza maggiore
Mendrisiotto
7 ore

Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi

Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
laR
 
30.03.2022 - 17:26
Aggiornamento: 17:47

Un’antenna Usi nel Moesano? ‘Da prendere in considerazione’

Boas Erez, rettore dell’Università della Svizzera italiana: ‘Sin dall’inizio abbiamo sempre cercato un contatto con il Grigioni italiano’

un-antenna-usi-nel-moesano-da-prendere-in-considerazione
Usi
Un progetto simile a quello previsto ad Airolo

L’idea di istituire un’antenna dell’Università della Svizzera italiana (Usi) nel Moesano non sembra per nulla essere fuori luogo: «Siamo aperti a prendere seriamente in considerazione questa possibilità», afferma a ‘laRegione’ Boas Erez, rettore dell’Usi. Insomma, non resterà inascoltato l’appello lanciato il 21 marzo dalle autorità locali durante l’incontro tenutosi a Roveredo col presidente del governo grigionese Marcus Caduff. Sebbene di concreto al momento c’è poco o nulla, l’Usi è in ogni caso interessata alla possibilità di realizzare un progetto che potrebbe essere simile a quello che si sta portando avanti ad Airolo con la ‘Casa della sostenibilità’. «Sin dall’inizio abbiamo sempre cercato un contatto con il Grigioni italiano – sottolinea Erez –. Anche perché siamo l’Università della ‘Svizzera italiana’, di cui evidentemente fa parte anche questa regione».

Airolo, inoltrata la domanda di costruzione per la Casa della sostenibilità

Ad Airolo, lo ricordiamo, l’ex ufficio postale situato vicino alla stazione diventerà un’antenna dell’Usi, ovvero una struttura finalizzata a ospitare gruppi di studenti che seguiranno seminari incentrati sul tema della sostenibilità. Un progetto che sta andando avanti spedito: dopo l’approvazione del relativo credito complessivo di 2,9 milioni di franchi da parte del Consiglio comunale di Airolo avvenuta lo scorso dicembre (e il contemporaneo via libera da parte del Consiglio dell’Usi all’avvio delle operazioni per la creazione della Casa della sostenibilità), ora il Comune, che si occuperà dei lavori di ristrutturazione dello stabile, ha inoltrato la domanda di costruzione. Una volta ricevuti i preavvisi positivi da parte dei preposti servizi comunali e cantonali, il Municipio rilascerà la licenza edilizia. «Se non vi saranno intoppi, potremo iniziare i lavori tra agosto e settembre», afferma da noi contattato il sindaco Oscar Wolfisberg. «L’obiettivo è quello di riuscire a inaugurare la Casa della sostenibilità entro l’inizio dell’anno accademico 2023/24, ovvero a fine estate dell’anno prossimo».

Individuare ‘cosa può offrire il Moesano’

Ovviamente in un’antenna dell’Usi si svolgeranno attività strettamente legate al territorio in cui si trova. Ad Airolo si punterà quindi a questioni legate ai cambiamenti climatici e alla produzione di energia (grazie ad esempio al Parco eolico sul San Gottardo), alla biodiversità (di particolare interesse risulta la Val Piora con la Fondazione del Centro di biologia alpina), all’architettura paesaggistica (pensiamo al risanamento ambientale del fondovalle), ma anche ai trasporti o al turismo. «Le migliori collaborazioni si concretizzano quando l’interesse è reciproco», spiega Boas Erez. «Nel caso di Airolo il nostro interesse è quello di accompagnare gli studenti a scoprire le problematiche legate alla sostenibilità con un’esperienza sul ‘campo’ e non solo con l’insegnamento in classe». Il Comune da parte sua vede la presenza di studenti, professori e ricercatori come un’opportunità per sviluppare nuovi progetti sul territorio e contribuire allo sviluppo della regione.


Ti-Press
Boas Erez

In questo contesto «bisogna ora capire cosa può offrire il Moesano», ovvero su quali attività economiche, culturali, sociali o ambientali già presenti sul territorio si vuole puntare per poi svilupparle ulteriormente. Durante l’incontro con Marcus Caduff erano ad esempio stati citati il settore delle cave o quello dell’industria del legname.

A Bellinzona uno sviluppo ‘assolutamente non banale’

Incontro durante il quale era anche emersa la vicinanza del Moesano a Bellinzona, dove si sta sviluppando il polo di ricerca in biomedicina, senza poi dimenticare il previsto Parco dell’innovazione nel nuovo quartiere delle Officine e il futuro nuovo ospedale sul terreno della Saleggina. Uno sviluppo che «non è assolutamente banale», rileva il rettore dell’Usi, sottolineando come a Bellinzona vi sia «una convergenza sempre più importante verso l’università». Infatti il polo di ricerca in biomedicina dovrebbe espandersi con un ulteriore stabile accanto a quello nuovo situato in via Chiesa dove hanno trovato spazio i ricercatori di Irb, Ior e dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc). Erez ricorda che l’Istituto di ricerca in biomedicina e l’Istituto oncologico di ricerca sono affiliati all’Usi. «Questo permette loro una crescita armoniosa nel panorama universitario svizzero, in particolare integrandovi ricercatori e dottorandi, rendendo più organico il sostegno della Confederazione, in vista della creazione di un polo ancora maggiormente riconosciuto a livello nazionale e internazionale». Per quanto riguarda il nuovo nosocomio «Usi, Eoc e Città di Bellinzona stanno portando avanti una strategia congiunta che potrebbe anche sfociare nella realizzazione di un ospedale universitario». Non da ultimo vi è poi il Parco dell’innovazione che in futuro dovrebbe favorire la collaborazione tra ricerca universitaria e aziende, con l’obiettivo di sviluppare progetti sostenibili e innovativi. E ovviamente anche in questo caso l’Usi seguirà con attenzione gli sviluppi di questo progetto promosso dalla Fondazione Agire su mandato del Cantone.

Insomma, l’Università della Svizzera italiana continua a crescere, cercando di essere sempre più presente su tutto il territorio e valorizzando le peculiarità di quest’ultimo. E questo genera sicuramente vantaggi reciproci a favore di tutti gli attori coinvolti.

Leggi anche:

‘Un’antenna universitaria anche nel Moesano’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved