ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
15 min

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
1 ora

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
2 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
3 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
3 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
3 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
4 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
4 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
4 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
5 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
5 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
5 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
5 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Bellinzonese
5 ore

Patriziato di Carasso in assemblea

Giovedì 15 dicembre alle 20.15 nella sala patriziale sarà, fra l’altro, discusso il preventivo 2023 che prevede un avanzo d’esercizio di 260mila franchi
laR
 
23.03.2022 - 19:04

Un simbolo della Valascia? ‘Non dovrebbe essere un problema’

Roland David, a capo della Sezione forestale del Cantone, non esclude che possa restare un ricordo della vecchia pista di ghiaccio di Ambrì

un-simbolo-della-valascia-non-dovrebbe-essere-un-problema
Ti-Press
La struttura si trova in una zona con un forte grado di pericolo di valanghe

Cosa potrà restare esattamente al posto della vecchia Valascia che sarà demolita? Di principio ben poco, ma «il mantenimento di un elemento simbolico che ricordi la pista di ghiaccio non dovrebbe rappresentare un problema». Roland David – a capo della Sezione forestale del Cantone e che ha seguito sin dall’inizio la procedura di delocalizzazione dello stadio – non esclude quindi che ad Ambrì possa rimanere una parte della struttura che funga da simbolo per ricordare e celebrare la storica casa dell’Hcap.

Opposizione alla domanda di demolizione

Una richiesta, quest’ultima, proveniente non solo dai tifosi della squadra di hockey, ma anche dalla stessa società sportiva: nella domanda di costruzione per la demolizione della struttura presentata dalla Valascia Immobiliare Sa è infatti previsto che parte dello stadio venga salvato. Tuttavia, come anticipato dal Cdt, un confinante ha fatto opposizione. E la censura, stando a nostre informazioni, sembrerebbe essere rivolta proprio contro questo aspetto. Ora il Comune di Quinto cercherà di capire se è possibile una conciliazione (una procedura prevista dalla legge) fra le parti e in seguito sarà poi il Cantone a decidere se autorizzare il mantenimento di almeno un simbolo della Valascia.

Altre opzioni non possibili

Concretamente nella domanda di costruzione, che abbiamo potuto consultare, si prevede di mantenere alcune delle lame in beton che attualmente sostengono le capriate. Si dovrà poi valutare se mantenere anche alcune parti della capriate stesse o altri elementi simili come ricordo simbolico della pista di ghiaccio. Il progetto prevede anche il mantenimento dell’attuale impianto della Protezione civile 3 Valli che attualmente si trova nello stadio e che resterà interrato. Ma quindi è veramente possibile mantenere qualcosa della vecchia Valascia, come chiesto dalla Gioventù Biancoblu (Gbb) in una petizioneappoggiata anche da Franco Celio, già municipale di Quinto – o come vorrebbe la società? Un minimo margine di manovra sembrerebbe esserci, anche se, in ogni caso, non potranno trovare spazio né gli spalti della Curva Sud, né un parco giochi, né un parcheggio coperto. «La condizione principale posta alla Valascia Immobiliare Sa da Confederazione e Cantone per ottenere i sussidi – di circa 12 milioni di franchi, ndr – per la delocalizzazione, prevede la demolizione dell’attuale struttura», precisa Roland David a ‘laRegione’. Inoltre, «con la delocalizzazione è anche previsto il dezonamento». In altre parole questo significa che la zona diventerà agricola e quindi non più edificabile. Realizzare ad esempio un’area di svago dove organizzare anche eventi non sarà dunque possibile. Tuttavia, «se nella domanda di costruzione per la demolizione è previsto di mantenere una sorta di monumento, verosimilmente ciò dovrebbe essere possibile. Le altre opzioni, invece, sono in contrasto con le condizioni poste per l’ottenimento del contributo di delocalizzazione». Il capo della Sezione forestale tiene a sottolineare che la parte della struttura che eventualmente resterà, dovrà «essere sostenibile a lungo termine: il proprietario del monumento, nel caso, dovrà mantenerlo in buono stato e curarlo. È fondamentale che qualcuno si assuma questo onere».

Deciderà il Cantone

Ricordiamo che la delocalizzazione della Valascia (la società sportiva ha ‘traslocato’ nella nuova Gottardo Arena posta a lato dell’aeroporto di Ambrì lo scorso settembre) si è resa necessaria, visto che la struttura con una capienza di circa 6’500 posti si trova in una zona con un forte grado di pericolo di valanghe: circa la metà della pista (compresa la Curva Sud) si trova infatti nella cosiddetta zona rossa (area più esposta al pericolo), mentre l’altra metà (quella che si affaccia sulla strada) si trova in zona blu e gialla. Le lame in beton che si prevede di mantenere si trovano in quest’ultima area, meno esposta al pericolo, dove attualmente si trovano le tribune della pista. Tuttavia c’è anche chi un simbolo della vecchia Valascia sembra non volerlo: un confinante ha presentato un’opposizione alla domanda di costruzione. Questo potrebbe allungare un po’ i tempi per la demolizione prevista per metà-fine maggio. Infatti, ora il Comune proverà verosimilmente dapprima a trovare una soluzione che accontenti entrambe le parti. In seguito l’incarto sarà sottoposto al Cantone che deciderà se concedere la licenza edilizia, tenendo anche conto dell’eventuale opposizione, e autorizzare o meno la presenza di un ricordo della storica pista dell’Hcap.

Leggi anche:

Un pezzo della storica Valascia potrebbe restare in piedi

Storica Valascia: una petizione da sostenere

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved