ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
4 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
10 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
10 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
13 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
13 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
13 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
14 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
14 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
15 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
15 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
15 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
15 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
laR
 
23.03.2022 - 05:25
Aggiornamento: 19:47

Lupo a Olivone: timori degli allevatori ‘ancora più vivi’

La presenza del predatore preoccupa i contadini: ‘Delle ultime predazioni non siamo stati informati’. L’Ucp intensifica il monitoraggio in zona Polisport

lupo-a-olivone-timori-degli-allevatori-ancora-piu-vivi
Depositphotos

Il lupo in Valle di Blenio continua a far paura. Le due predazioni di settimana scorsa, avvenute nei pressi dell’abitato di Olivone, preoccupano allevatori e cittadini. Intervistato dalla Rsi l’allevatore Stefano Morosi aveva espresso un certo malcontento per «la mancanza di comunicazione» da parte dell’Ufficio caccia e pesca (Ucp). Da noi raggiunto Luigi Arcioni, presidente della Società agricola Bleniese che raggruppa una settantina di aziende con animali, conferma l’insoddisfazione riguardo alle informazioni ricevute dal Cantone: «Per noi la situazione è molto preoccupante, l’allerta dev’essere mantenuta e il monitoraggio deve continuare». Preoccupazioni che un paio di settimane fa la società aveva espresso all’Ucp in occasione di un incontro. «Adesso i nostri timori sono ancora più vivi a causa della costante presenza del lupo», rileva. Dal 2016 è attivo un sistema di allerta della Sezione dell’agricoltura che via sms avverte gli allevatori iscritti in caso di attacco da parte di grandi predatori. «Un sistema non sempre efficace. Abbiamo quindi chiesto che vengano segnalati in maniera tempestiva ogni avvistamento o predazione, anche di animali selvatici, avvenuti nei pressi di aziende agricole, com’è stato il caso recentemente ma di cui non abbiamo ricevuto informazioni». In questo periodo l’erba giovane attira gli ungulati a valle, anche nei pressi dell’abitato di Olivone, e questi animali vengono così seguiti dal lupo. Lo stesso dovrebbe avvenire nei prossimi mesi quando la selvaggina tornerà in quota poiché l’erba sarà cresciuta anche lì. «Questo non ci tranquillizza, anzi. Quando prossimamente il bestiame tornerà al pascolo sarà problematico, perché non sempre è possibile garantire una sorveglianza continua con cani o pastori», spiega Arcioni. Per un allevatore le preoccupazioni sono anche di carattere economico: «Più tempo dobbiamo tenere gli animali in stalla e più aumentano i costi. Inoltre al di là dei possibili risarcimenti in caso di predazione, va anche detto che nessun allevatore vuole che i propri animali vengano uccisi dai lupi».

Serata pubblica nelle prossime settimane

Per Arcioni alla fine sarà la politica che dovrà decidere che strada prendere e, in collaborazione con gli altri Cantoni confinanti, agire sulla base della politica federale, a cui compete la gestione dei grandi predatori, per decidere se sarà necessario procedere con una regolazione degli esemplari come auspicato dalla Società agricola Bleniese. Il mondo agricolo locale avrà occasione di esprimere le proprie preoccupazioni in occasione di una serata informativa aperta al pubblico prevista entro metà aprile in valle di Blenio a cui parteciperà anche l’Ucp che dal canto suo farà il punto della situazione e spiegherà il lavoro fatto finora.

L’Ucp: ‘La comunicazione con gli allevatori non manca’

Tiziano Putelli, capo dell’Ufficio cantonale caccia e pesca, interpellato dalla ‘Regione’, nega che non vi sia comunicazione e spiega che ogni volta che c’è un avvistamento o una predazione nei pressi di aziende agricole gli allevatori vengono avvisati il giorno stesso con un sms. E quando ci sono delle predazioni di lupo confermate, l’avviso viene pubblicato anche sul sito dell’Ucp. «La convivenza con i grandi predatori è possibile, si stratta di trovare il giusto equilibrio fra i vari interessi. Occorre individuare delle soluzioni di compromesso mettendo in sicurezza le greggi, fornendo un adeguato sopporto agli allevatori e monitorando la situazione», osserva. Nonostante le preoccupazioni del mondo agricolo, Putelli spiega che secondo la Strategia lupo svizzera – che ha quattro gradi di valutazione: il comportamento normale, quello che richiede attenzione, quello critico e quello problematico (quando si entra in discussione per l’abbattimento) – in Alta Valle la situazione è quella tra un comportamento normale e che richiede attenzione. Ciò che andrà verificato è che i lupi non sviluppino un’abitudine alla presenza dell’uomo o un interesse verso l’abitato durante le ore diurne. Lo scorso dicembre invece la situazione a Olivone era tra il grado che richiede attenzione e quello critico. Cosa è cambiato? Putelli risponde che a essere cambiata è la frequenza: in dicembre c’erano stati tre-quattro avvistamenti ravvicinati in qualche giorno, mentre nei mesi successivi gli avvistamenti in prossimità dell’abitato si sono ridotti a un paio al mese e sempre durante la notte, documentati con fototrappole notturne. Il capoufficio ci conferma che la rete di monitoraggio è stata adattata in funzione di quanto segnalato nei giorni scorsi nei pressi del Polisport.

Due esemplari al massimo

Anche da questi ultimi avvistamenti i lupi sembrerebbero essere al massimo due. L’atteggiamento degli animali secondo l’Ucp al momento non desta particolare preoccupazione, poiché non sono mai giunte segnalazioni di comportamenti minacciosi e la loro presenza sul fondovalle in questo periodo si spiega con un comportamento naturale dovuto alla presenza di cervi e caprioli a basse quote alla ricerca della ricrescita del foraggio. Se aumenterà il numero delle volte in cui i lupi si avvicineranno all’abitato, l’Ucp potrebbe tuttavia intensificare le azioni di disturbo per spaventare il predatore, come i tiri dissuasivi con proiettili di gomma. Putelli tiene infine a ricordare che i lupi sono molto mobili e si spostano su aree di alcune centinaia di chilometri quadrati, quindi è normale aspettarsi dei movimenti sul territorio molto marcati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved