rabadan-municipio-il-sindaco-replica-meglio-la-prudenza
Ti-Press
Rabadan e Municipio, ciascuno un’istituzione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 min

Vira Gambarogno, festa annullata

A causa delle previsioni meteo avverse
Luganese
22 min

Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare

Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
1 ora

Conferenza sull’ambiente: 1° premio a una classe di Acquarossa

La quinta elementare della docente Nora Antonini ha vinto a livello nazionale grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite)
Locarnese
1 ora

Cevio, la Fondazione Silene Giannini fa spazio all’arte

Obiettivo: sostenere chi eccelle in pittura, fotografia, grafica e altri settori figurativi, creando anche una rete regionale
Luganese
1 ora

Al Liceo di Lugano 1 è tempo di premiati

L’elenco degli studenti dell’ultimo anno più meritevoli fra alte medie e scelta opzionale di materie
Luganese
1 ora

Liceo 1, nel 170° della fondazione sono 249 i neo maturati

Riportiamo tutti i nomi dei giovani studenti che hanno ottenuto a Lugano la licenza di scuola media superiore per l’anno 2021/2022
Locarnese
1 ora

Losone, la Lega: ‘Il sindaco dimissiona?’. Catarin: ‘Macché...’

Un’interpellanza ipotizza tensioni in Municipio. Secca la smentita: ‘Clima sereno e costruttivo’
GALLERY
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio e ‘l’energia positiva’ della Festa della Musica

Gli organizzatori tracciano il bilancio della nona edizione svoltasi nel fine settimana nel cuore del Borgo. L’appuntamento è per il giugno 2023
Bellinzonese
4 ore

Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord

Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
6 ore

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
10 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
10 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua – già rientrati – non toccavano due importanti ditte
Ticino
21 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
22 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
23 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
1 gior

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
1 gior

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
1 gior

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
laR
 
18.03.2022 - 05:30

Rabadan-Municipio, il sindaco replica: ‘Meglio la prudenza’

Bellinzona, Mario Branda risponde alle critiche del comitato sul mancato coinvolgimento della Società al RabaBar e sul no al carnevale di metà giugno

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Rapporti tesi fra società Rabadan e Municipio di Bellinzona? Punzecchiature all’indirizzo di Palazzo civico non sono mancate mercoledì sera durante l’assemblea straordinaria del Carnevale convocata nell’insolitamente affollata sede di Carasso. Oltre agli attriti interni evidenziati da tre membri di Comitato dimissionari, alcuni problemi sono emersi anche nei rapporti con l’autorità cittadina. Situazioni puntuali originate dapprima dall’annullamento, già lo scorso autunno, dell’edizione 2022 in ossequio delle disposizioni federali, e in seguito dall’autorizzazione rilasciata ai bar del centro per un prolungamento d’orario nella settimana del Carnevale nell’intento di favorire l’organizzazione del cosiddetto RabaBar. Il presidente del Rabadan Giovanni Capoferri ha dal canto suo motivato il divieto imposto dal Comitato a re, regina e corte di presenziare ufficialmente alle varie serate: «A differenza di quanto avvenuto nelle altre località ticinesi, qui da noi il Municipio non ci ha contattati né coinvolti. Un gesto che non abbiamo gradito molto. Cui si è aggiunto il mancato accordo sull’utilizzo del Parco urbano dal 15 al 19 giugno, quando il Gruppo cantonale grandi eventi di cui facciamo parte intendeva proporre un Carnevale estivo che si svolgerà invece probabilmente a Lumino».

‘Bisognava evitare un’affluenza eccessiva’

Sollecitato dalla ‘Regione’ il sindaco Mario Branda ricorda anzitutto che la decisione adottata in autunno di rinunciare al Rabadan 2022 «era stata condivisa dal Municipio insieme al Comitato organizzatore facendo le debite riflessioni» sui rischi sanitari e finanziari cui si sarebbe andati incontro qualora la macchina organizzativa si fosse messa in moto. Comitato «che aveva infine compreso e accettato la decisione». Si arriva a febbraio, Berna sancisce il ‘liberi tutti’ e alcune località ticinesi coinvolgono le rispettive società di Carnevale per organizzare degli eventi in maschera. Non si poteva fare altrettanto a Bellinzona? «Autorizzando il prolungamento d’orario dei bar – risponde il sindaco –, si è voluto aiutare gli esercenti confrontati con i molti problemi della pandemia e assecondare specialmente i giovani nel loro desiderio di fare un po’ di festa. Tutto questo pur considerando che il rischio di contagio era pur sempre presente. Perciò abbiamo ritenuto di non sollecitare il Rabadan nell’organizzare eventi, evitando che quanto pensato con una dimensione modesta e sopportabile ne assumesse una assai più importante, con tutti i rischi e le conseguenze del caso». E in effetti dopo la partenza in sordina del giovedì, durante le serate di venerdì e sabato il centro città si è affollato «richiedendo un impegno non indifferente alla polizia e alla Croce Verde» per gestire situazioni puntuali e accompagnare oltre trenta persone all’ospedale in stato di alcolemia. «Rabadan non è un Carnevale qualsiasi, mobilita moltissima gente. Avessimo aggiunto degli eventi gestiti dalla società Rabadan – motiva Mario Branda – avremmo finito per attirare ancora più persone in una situazione sanitaria, ripeto, non ancora risolta. Anche una semplice risottata avrebbe facilmente attirato due o tremila persone di tutte le età. Abbiamo voluto evitarlo e credo che il Comitato, saggiamente, abbia a sua volta fatto le medesime nostre riflessioni». La conferma arriva dallo stesso presidente Capoferri, il quale durante l’assemblea non ha in effetti nascosto che «forse è stato meglio così, perché quasi certamente saremmo stati ancora una volta additati, dopo l’edizione 2020, come i responsabili del picco pandemico». Ripresa dei contagi che una settimana dopo il ‘liberi tutti’ annunciato da Berna si è puntualmente manifestata un po’ ovunque, specialmente fra i giovani.

‘Avanti così, per tutta la popolazione’

Resta sul terreno un certo strappo con le autorità. Accentuato poi dal mancato accordo sull’utilizzo del Parco urbano. Situazione sanabile? «Nel corso dei mesi abbiamo avuto diversi contatti con il Comitato del Rabadan o con suoi rappresentanti e continueremo ad averne – risponde Branda – nella convinzione che si tratta di un’organizzazione importante e con molte competenze per un evento in grado di coinvolgere tutta la popolazione e non solo una sua parte. Purtroppo la situazione generale è ancora delicata. In ogni caso per l’edizione 2023 faremo nuove riflessioni e certamente torneremo a confrontarci con la società Rabadan». Come le avete fatte, chiediamo, per il Parco urbano? «Purtroppo le loro date combaciavano con l’open air di Monte Carasso da molti anni organizzato da un intraprendente gruppo di giovani. Volendo evitare doppioni e anche in segno di rispetto verso chi a sua volta si impegna a proporre degli eventi di qualità, abbiamo sottoposto al Rabadan delle date alternative prima e dopo metà giugno, che purtroppo per un motivo o l’altro non andavano bene. A ogni modo, ripeto, Bellinzona e il Rabadan sono portatori di una tradizione significativa e importante che va tutelata».

RISPOSTA AI VERDI

‘Spirito critico ma
priorità alla sicurezza’

Peraltro martedì sera Branda ha risposto in Consiglio comunale a un’interpellanza dei Verdi che chiedevano se il Carnevale "militarizzato organizzato dalla società Rabadan conservi lo spirito originale". «Non si tratta di disquisire sullo spirito del Carnevale e non è nemmeno corretto parlare di Carnevale militarizzato», ha replicato il sindaco: «Il dispositivo di sicurezza aveva il pregio di permettere un filtro all’entrata della Città del Carnevale, evitando che nel centro storico fossero introdotti oggetti pericolosi e bottiglie di vetro (criticità quest’ultima riscontrata quest’anno), ma che permetteva anche di bloccare all’entrata soggetti facinorosi. Inoltre, grazie all’impegno della società Rabadan veniva offerto un trasporto pubblico ad hoc e gratuito e il dispositivo di sicurezza e di pronto intervento consentiva d’intervenire tempestivamente in caso di necessità. D’altro canto la chiusura della Città del Carnevale ha pur sempre rappresentato una certa limitazione della libertà individuale, seppur entro limiti ritenuti ragionevoli». Sempre i Verdi sollecitavano il Municipio a ripensare radicalmente l’impostazione del Carnevale dal 2023 favorendo una città aperta. «Il Municipio valuterà sicuramente con spirito critico la situazione – ha concluso Branda – con l’obiettivo di garantire anche in futuro, pandemia permettendo, lo svolgimento del Carnevale nel modo più sicuro possibile».

Leggi anche:

Rabadan: tensioni interne e col Municipio di Bellinzona

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona carnevale giovanni capoferri mario branda rababar rabadan
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved