chi-e-il-presunto-molestatore-scintille-branda-pronzini
Ti-Press
Alta tensione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
5 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
12 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
12 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
12 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
19 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
19 ore

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
22 ore

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
17.02.2022 - 19:04
Aggiornamento: 18.02.2022 - 15:10

Chi è il presunto molestatore? Scintille Branda-Pronzini

Bellinzona: in Consiglio comunale l’esponente Mps insiste nel dire di non conoscere il nome, ma in Gran Consiglio avrebbe affermato il contrario

Scintille fra Matteo Pronzini (Mps) e il sindaco di Bellinzona Mario Branda martedì sera durante la seduta di Consiglio comunale al momento di rispondere all’interpellanza inoltrata verso metà dicembre dal Movimento per il socialismo, secondo cui un funzionario dirigente alle dipendenze della Città sfrutterebbe la propria posizione gerarchica per richiedere prestazioni lesive dell’integrità personale delle dipendenti a lui subordinate. La segnalazione era stata subito presa sul serio dal Municipio che in base all’articolo 104 della Legge organica comunale aveva inviato una segnalazione al Ministero pubblico «per i pesanti sospetti, ma non sostanziati, sollevati nell’interpellanza medesima a carico di un collaboratore», ha ripercorso Branda rivolgendosi questa settimana al plenum del Legislativo, cui ha ricordato che il Municipio ha nel frattempo anche aperto e avviato un’inchiesta amministrativa, «con accertamenti attualmente in corso». Accertamenti avviati dopo che il procuratore pubblico Zaccaria Akbas ha comunicato verso inizio anno all’Esecutivo di non intravedere né disporre di elementi sufficienti per avviare un’inchiesta penale.

Botta e risposta

Rimane però un grande punto di domanda sull’identità del funzionario e su cosa esattamente egli avrebbe combinato. Il tutto complicato dal fatto, ha annotato il sindaco, che «gli interpellanti si sono rifiutati di essere sentiti e di portare il loro personale contributo al chiarimento di fatti che loro, considerato il tenore dell’interpellanza, sembrano conoscere. Tale comportamento sorprende poiché arriva da persone che a parole dicono di voler tutelare i lavoratori, specialmente quelli di sesso femminile». Il Municipio «si riserva comunque di procedere ancora ai sensi di legge, non accontentandosi dell’atteggiamento defaticatorio». Pronzini ha quindi subito ribattuto assicurando di non conoscere tutt’oggi l’identità del funzionario, aggiungendo che «parecchi dipendenti continuano a indicarmi la reale esistenza dei fatti, rifiutandosi però di svelare chi ne sarebbe il responsabile». Strano, ha invece ribattuto il sindaco finendo per metterlo alle strette, «perché alcuni granconsiglieri sostengono che lei avrebbe svelato a qualche deputato, durante i lavori parlamentari cui lei partecipa, di conoscere bene il nome del sospettato». Al che Pronzini ha replicato che se così veramente stessero le cose, il sindaco dovrebbe conoscere il nome. Il botta e risposta si è concluso con un nulla di fatto.

Leggi anche:

Funzionario di Bellinzona, il ‘caso’ ritorna alla Città

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
branda consiglio comunale funzionario pronzini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved