stazione-ticino-a-camorino-eppur-si-muove
Ti-Press/Crinari
La destinazione già in parte agricola sarà ulteriormente consolidata
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Rete mobile carente e i fai da te scontenti della Val Pontirone

Municipio e Patriziato di Biasca hanno scritto a tutti i proprietari di rustici intimando loro di togliere i ripetitori casalinghi illegali
Ticino
2 ore

La pioggia diserta il Mendrisiotto: ‘è sfortuna, non la regola’

A sud ha piovuto pochissimo, anche quando altrove in Ticino ci sono stati temporali. Marco Gaia (MeteoSvizzera): ‘non c’è un vero motivo scientifico’
Luganese
2 ore

Rovio, analfabetismo emotivo dietro gli spari del papà al figlio

Dallo psichiatra e psicoterapeuta Michele Mattia una chiave di lettura per decifrare il fatto di sangue capitato ad Agno una dozzina di giorni fa
Ticino
12 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
13 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
13 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
13 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
13 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
13 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
14 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
15 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
15 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
15 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
15 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
16 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
16 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
laR
 
18.02.2022 - 05:20
Aggiornamento: 16:43

Stazione Ticino a Camorino, eppur si muove

Presto la dismissione del cantiere AlpTransit e il passaggio alle Ffs: sarà tutto verde per evitare contrasti edilizi con le future opere ferroviarie

Nulla è cambiato – ma c’è comunque una significativa evoluzione nel comparto AlpTransit di Camorino – nel recente aggiornamento del Piano settoriale dei trasporti, parte dedicata all’infrastruttura ferroviaria, per la circonvallazione di Bellinzona prevista con una galleria fra Gnosca e Sementina, con un viadotto di attraversamento del Piano di Magadino e col suo allacciamento al portale nord della galleria di pianura sotto il Ceneri che sbuca a Camorino, dov’è indicata la realizzazione di una stazione per la fermata dei treni a lunga percorrenza. La cosiddetta Stazione Ticino, com’era stata battezzata ormai diversi anni fa. Ebbene, mentre due settimane fa la Confederazione ha ufficialmente inserito nel Piano settoriale dei trasporti ferroviari la nuova officina di manutenzione Ffs che sorgerà a Castione, le altre opere ferroviarie appena citate rimangono, come prima, procrastinate a dopo il 2040 nell’ambito del Programma di sviluppo strategico dell’infrastruttura ferroviaria (Prossif) che le autorità federali aggiornano ogni cinque anni. Opere la cui realizzazione durante l’ultimo ventennio è stata sollecitata a più riprese dalla Città di Bellinzona, dal Cantone e dalla deputazione ticinese alle Camere federali, desiderosi di vedere la Turrita e l’abitato presente ai lati della linea ferroviaria non più attraversati dalle odierne decine di treni merci. L’ultima lettera del Municipio indirizzata a Berna risale al dicembre 2020, nell’ambito della consultazione sul Piano settoriale: un anno dopo, come detto, è stata accolta positivamente la richiesta d’inserire la nuova Officina di Castione quale dato acquisito; nessun anticipo di priorità invece per la circonvallazione ferroviaria (costo previsto fra 1,5 e 2,5 miliardi), che viene comunque confermata nella categoria dai dati acquisiti da affrontare con un prossimo Programma d’investimenti della Confederazione, e per la Stazione Ticino, strettamente connessa con la circonvallazione, inserita a livello d’informazione preliminare.


Ti-Press
Il vicesindaco Simone Gianini

Garantire l’insediamento dello scalo ferroviario

Intanto però, come detto, a Camorino qualcosa sta maturando. Ed è la futura destinazione dei terreni occupati da AlpTransit durante il lungo cantiere e ancora oggi di sua proprietà. Terreni dove un giorno è appunto previsto sorgere la nuova Stazione Ticino e dove un tempo vi erano aziende agricole e infrastrutture di vario tipo, mentre oggi la fanno da padrone i due tracciati ferroviari per i collegamenti nord-sud ed est-ovest e il cantiere, la cui dismissone si concluderà quest’anno. «L’indirizzo preso – spiega alla ‘Regione’ il vicesindaco Simone Gianini, capodicastero Territorio e mobilità nonché presidente della Commissione regionale dei trasporti – corrisponde agli auspici già indicati nel Programma d’agglomerato del Bellinzonese, poi oggetto di convenzione tra il Comune di Camorino, il Cantone e AlpTransit e confermati ancora dal Municipio del nuovo Comune di Bellinzona alla fine del 2020: si mira dunque a pianificare l’intero comparto quale zona agricola, destinarlo alla coltivazione diretta locale e mantenere la proprietà in mano pubblica per garantire, in futuro, l’insediamento dello scalo ferroviario». L’ipotesi di lavoro è quella di concludere la pianificazione del comparto – che dopo l’aggregazione il Consiglio comunale di Bellinzona aveva sospeso nella sua revisione generale, appunto per permettere le riflessioni che erano in corso e già al beneficio di una Zona di pianificazione introdotta dal precedente Esecutivo camorinese – conclamandolo interamente agricolo. Ciò, spiega Gianini, «sia per preservarlo dal punto di vista paesaggistico, sia per destinarlo nuovamente e integralmente all’agricoltura nella parte libera da opere ferroviarie; sia, pensando alla futura Stazione Ticino, per evitare costruzioni che possano poi venire a trovarsi in contrasto con essa».


AlpTransit San Gottardo Sa
Il rendering indica come sarà l’area del portale una volta dismesso il cantiere AlpTransit

Tre ettari Sac per compensare in parte Castione

Per quanto riguarda la proprietà, questa dovrebbe passare, come da legge a chiusura della società AlpTransit San Gottardo Sa, alle Ffs e quindi garantendola in mano alla Confederazione: «La quale se la troverà così già in casa quando si tratterà di progettare e realizzare lo scalo ferroviario». Ferrovie federali che acquisirebbero in tal modo anche i terreni un tempo artigianali che è previsto vengano trasformati in zona agricola Sac a parziale compensazione, per tre ettari, degli otto ettari che si perderanno a Castione per la realizzazione del nuovo stabilimento industriale. Rispondendo a due interpellanze nel novembre 2020, il Municipio aveva spiegato che con quella soluzione, oltre a convertire l’intera area del cantiere a Camorino in "zona paesaggisticamente di pregio", si sarebbe in definitiva favorita non solo l’ubicazione dell’Officina Ffs a Castione, ma anche il riorientamento dello storico comparto industriale cittadino con contenuti formativi, tecnologici, residenziali, amministrativi e commerciali, di cui circa la metà è previsto diventi di proprietà comunale e cantonale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alptransit bellinzona simone gianini stazione ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved