a-castione-idee-alternative-per-la-ciclopista-intercantonale
Via Retica oggi: via i binari, il Cantone prevede una ciclopista, mentre l’opponente suggerisce una struttura per lo svago della popolazione (Regione)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
11 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
15 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
15 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
15 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
16 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
16 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
16 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
16 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
17 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
18 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
18 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
18 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
18 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
18 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
18 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
19 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
19 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
laR
 
25.01.2022 - 20:37

A Castione idee alternative per la ciclopista intercantonale

Il co-fondatore dell’Amica, Fabrizio Falconi, nella propria opposizione suggerisce un tracciato più sicuro e l’inserimento di strutture per la popolazione

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Opporsi a un nuovo progetto per difendere i propri interessi. Oppure in alternativa opporsi per difendere, con spirito costruttivo e propositivo, non solo (o per nulla) i propri interessi ma soprattutto (o soltanto) quelli della collettività. È questa seconda via che un abitante di Castione ha imboccato nei giorni scorsi inoltrando opposizione al Consiglio di Stato contro la parte castionese di ciclopista intercomunale e intercantonale fra la locale stazione Ffs/Tilo e Lumino lungo il tracciato dismesso della Ferrovia retica che attraversa in obliquo l’abitato; opera, ricordiamo, che proseguirà poi verso la Mesolcina coinvolgendo i Comuni di San Vittore, Roveredo e Grono la cui popolazione ha approvato in autunno il finanziamento di loro competenza. Un’opposizione quella di Fabrizio Falconi, co-fondatore dell’Associazione per il miglioramento ambientale di Castione, che va ad aggiungersi a quelle inoltrate dall’Amica stessa, di cui Falconi è tutt’oggi membro di comitato, e da una decina di privati i quali intravedono criticità puntuali nei pressi delle rispettive proprietà. Con un approccio collaborativo Falconi – tecnico edile in pensione con conoscenze di pianificazione, tanto da aver contribuito ormai alcuni decenni or sono all’elaborazione del Piano regolatore di Castione – non solo contesta la soluzione individuata dai servizi cantonali ritenendola troppo pericolosa per chi si sposta pedalando, ma mette sul tavolo un percorso alternativo di qualità che a suo dire risolverebbe alcune criticità. Il tutto aprendo inoltre a nuove opportunità, a favore della popolazione, lo spazio lasciato libero dall’ex Ferrovia che andrebbe strutturato per il tempo libero.


Fabrizio Falconi (Ti-Press)

Tragitto ‘in conflitto con cinque strade’

Nella premessa Falconi evidenzia la debolezza contenutistica della zona industriale situata a sud della linea ferroviaria Ffs e caratterizzata da insediamenti che sollevano polvere frenando così, per motivi tecnici, l’arrivo di altre attività a valore aggiunto. Infatti le Ffs hanno previsto le nuove Officine non a sud ma a nord dei depositi di inerti, così da evitare effetti negativi causati dalle frequenti turbolenze ventose. In linea generale, scrive poi l’opponente, “malgrado le buone intenzioni di pianificazione, a Castione manca una lettura profonda e concreta della realtà e del territorio, una visione della situazione in cui ci si trova”. Andando poi al sodo, afferma che la proposta di pista ciclabile “entra in conflitto” con due strade cantonali a forte percorrenza e tre comunali dove i ciclisti “tenderanno a forzare l’attraversamento per evitare l’attesa”. Piccola parentesi: una delle strade citate è la ‘famosa’ via Cantonale di competenza comunale (quella che dalla rotonda della Coop va verso Claro) i cui lavori di sistemazione viaria si sono ultimati recentemente rispecchiando le proposte fatte dallo stesso Falconi oppostosi negli anni a quelle dei tecnici del traffico a suo tempo incaricati, senza successo, dal Municipio di Arbedo-Castione.

‘Incidente dietro l’angolo’

“Discutibile e pericoloso – scrive Falconi nell’opposizione – è il fatto che in un solo chilometro la pista ciclabile attraversi ben cinque strade di cui tre di grande traffico”. Parliamo di via San Bernardino da e per Lumino in corrispondenza all’entrata della zona industriale, di via delle Scuole, della parte finale di via Cantonale e di via San Gottardo in prossimità della stazione. Inoltre all’incrocio con via delle Scuole il piccolo manufatto risalente all’ex Ferrovia retica, che non verrebbe demolito, “toglie la visibilità e l’incidente è dietro l’angolo”. Pure criticato il fatto che nel primo tratto in entrata da via San Bernardino e fino all’incrocio con via delle Scuole è previsto uno slargo dell’ex tracciato ferroviario per consentire l’accesso dei bus scolastici (oggi transitanti in Carrale di Bergamo), andando però a occupare parte del sedime delle Elementari previsto per l’ampliamento del complesso scolastico, il cui progetto come si ricorderà è contestato dal vicinato e dall’Amica stessa.

Costeggiare l’A13 o la Moesa in sicurezza

E qui arriviamo alla soluzione alternativa di Falconi che aggiunge quattro elementi nuovi. Per la ciclopista suggerisce un tracciato privo di incroci con strade principali e secondarie. Due la varianti indicate: provenendo da Lumino, all’altezza della palestra Gimnasium anziché immettersi a destra sull’ex tracciato ferroviario si svolterebbe a sinistra; qui nella prima variante si costeggerebbe l’autostrada A13 sul lato destro per poi giungere nella zona dello svincolo e tramite l’esistente sottopassaggio del campo sportivo immettersi sulla ciclopista (via Cerinasca) che sale da Molinazzo e porta alla stazione Ffs/Tilo di Castione; nella seconda variante si passerebbe sotto l’autostrada usando il sottopasso esistente per poi raggiungere, come la prima variante, il campo sportivo.

Spazio per gioco e fitness all’aperto

Dal tragitto alternativo – prosegue Falconi – scaturiscono altri quattro suoi spunti per vivere diversamente il vecchio tracciato ferroviario. Primo, integrare nel comparto scolastico, sotto forma di prato, il primo tratto da via San Bernardino a via delle Scuole. Secondo, trasformare in percorso pedonale – dotato di strutture ludiche e per il fitness all’aria aperta, come già fatto ad Arbedo nel parco pubblico Moesa – la parte laterale di via Retica (stradina di quartiere) nel tratto fra via delle scuole e via Cantonale. Terzo, sempre in questo tratto assegnare ad attrezzature pubbliche per il gioco e lo sport il terreno comunale situato a ridosso del cimitero, mappale oggi usato per il pascolo. E quarto, trasformare in viale alberato con panchine la parte di ex ferrovia accanto a via Retica fra via Cantonale e via San Gottardo. Così facendo, conclude Fabrizio Falconi, si raggiungerebbe una riqualifica mirata di questa parte di Castione “trasformandola in una zona di incontro di qualità oggi mancante e orientata a migliorare la vivibilità degli abitanti”. Pure suggerito, infine, l’inserimento sul piazzale della stazione Ffs di una piccola rotonda per la manovra dei bus, così da migliorare la circolazione interna ed eliminare il semaforo che regola il loro rientro sulla cantonale.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved