pistole-coltelli-e-minacce-da-gangster
Ti-Press
L’imputato ha minacciato una donna puntandole una pistola alla tempia
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
7 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
7 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
8 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
8 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
8 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
8 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
9 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
9 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
9 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
9 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
24.01.2022 - 15:41
Aggiornamento : 17:57

Pistole, coltelli e minacce da gangster

La Corte delle Assise criminali di Bellinzona ha condannato a quasi tre anni un 32enne per estorsione aggravata, truffa e infrazione alla legge sulle armi

È in un contesto di minacce, intimidazioni, truffe, armi e soldi estorti che si è svolta la vicenda approdata questa mattina alle Assise criminali di Bellinzona riunite a Lugano. Con una pistola puntata alla tempia, l’imputato, un 32enne domiciliato in Svizzera tedesca, ha pure cercato di costringere una donna a consegnargli del denaro. Tentativo non andato a buon fine poiché la vittima nei giorni seguenti ha sporto denuncia e sono scattate così le manette ai polsi dell’uomo che agiva sempre in correità con un altro, un 26enne, arrestato anche lui e pure lui domiciliato oltre Gottardo, che prossimamente comparirà dinanzi alla Corte delle Assise criminali. L’ammontare del denaro estorto alle vittime è di circa 160mila franchi. Gli uomini estorcevano i soldi con la scusa di impiegarlo per finanziare attività di una loro società specializzata nella fabbricazione di prodotti derivanti dalla canapa, ma in realtà si ripartivano tra loro il maltolto che impiegavano per scopi personali. Questa mattina la Corte delle Assise criminali di Bellinzona ha condannato il 32enne reo confesso, e quindi giudicato secondo la modalità del rito abbreviato, a una pena detentiva di 35 mesi, da dedursi il carcere preventivo sofferto (351 giorni), mentre la parte restante è sospesa per un periodo di prova di cinque anni; gli è stata inoltre inflitta una pena pecuniaria di venti aliquote giornaliere, pure sospese per cinque anni. La Corte, presieduta dal giudice Siro Quadri, giudici a latere Emilie Mordasini e Aurelio Facchi, ha dunque condiviso la pena proposta dalla procuratrice pubblica Anna Fumagalli. L’imputato, difeso dall’avvocato Yasar Ravi, è stato dunque ritenuto colpevole di estorsione aggravata, truffa, infrazione alla legge federale sulle armi e sulle munizioni e maltrattamento di animali. La Corte ha apprezzato il cambio di rotta dell’imputato che dopo il periodo di detenzione ha garantito di sapersi comportare bene e che ha dimostrato di tenere ai valori della famiglia. «Questo ha indotto la Corte ad accettare la proposta di pena formulata in aula, che ha il vantaggio di non comportare più una detenzione effettiva», ha spiegato il giudice Quadri pronunciando la sentenza. «Sull’imputato pesa però una spada di Damocle che consiste nel periodo di prova – ha ricordato –, ma la prognosi sembra essere favorevole e pertanto c’è una certa certezza che non riprenderà a delinquere».

‘Non conosci il mio passato da delinquente’

La vicenda si è consumata nel periodo tra il 23 giugno 2017 e il 27 novembre 2017 in varie località della Svizzera interna e a Bellinzona, luogo di residenza di due vittime e motivo per cui il processo si è celebrato in Ticino. I soldi venivano estorti con varie modalità violente, gli uomini si mostravano di persona armati con coltelli o pistole. Oppure minacciavano verbalmente, anche di morte, con frasi intimidatorie: “Vi sparo alle ginocchia” o ancora “io ammazzo tuo figlio, lo uccido e vendo i suoi organi” e addirittura “non conosci il mio passato, io ero un delinquente, ho ucciso diverse persone” formulando ingiurie tramite numerosi messaggi Sms. Sono le tipiche frasi pronunciate dai gangster nei film quelle che in questa vicenda, nelle incalzanti richieste di denaro, sono state ripetute più volte alle vittime, che sono state letteralmente terrorizzate dai due criminali. L’imputato ha pure truffato una banca, trasmettendo agli impiegati certificati di salario fittizi e inducendo così l’istituto di credito a erogare un prestito di 59mila franchi sul conto di una vittima che per effetto dell’estorsione subita ha poi consegnato all’autore. Al domicilio del 32enne, che aveva l’abitudine di girare armato, sono inoltre state rinvenute diverse armi possedute senza averne il permesso tra cui alcune pistole, un coltello a farfalla, una sciabola e due pugnali. Oltre a ciò, l’uomo ha pure maltrattato il suo cane, di razza pastore tedesco, omettendo di nutrirlo e di accudirlo adeguatamente, provocandogli un importante deperimento fisico che ha comportato il ricovero dell’animale.

L’ultima parola

Quando è stata data l’ultima parola all’imputato questi ha sottolineato la volontà di voltare pagina. «Voglio cambiare, sto anche seguendo una terapia psicologica, perché voglio essere un buon esempio per i miei figli», ha affermato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi assise criminali bellinzona minacce truffa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved