ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

‘I pirati del Lago Maggiore’ al Centro Triangolo

Marco Bazzi presenterà il suo libro giovedì 1 dicembre alle 17.30, in occasione del finissage della mostra di Maddalena Mora e Luca Albrecht
Locarnese
1 ora

Contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse in piazza

Azione di sensibilizzazione in via Ramogna sulla tematica da parte delle socie di Soroptimist Club e Zonta Club Locarno
Locarnese
1 ora

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
3 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
5 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
5 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
13 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
14 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
14 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
14 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
14 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
14 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
laR
 
18.01.2022 - 20:53
Aggiornamento: 21:55

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore

lupo-in-alta-valle-la-societa-agricola-bleniese-scrive-al-cds

L’avvistamento di tre lupi nei pressi di alcune abitazioni di Olivone lo scorso 12 dicembre aveva generato una certa inquietudine tra gli abitanti dell’alta Valle di Blenio. All’inizio di gennaio due esemplari si erano fatti vedere anche vicino a una casa situata sulla strada cantonale, poco prima del paese di Campo Blenio. Come ci conferma il sindaco di Blenio Claudia Boschetti-Straub oltre a questi due episodi non sono più stati registrati ulteriori avvistamenti. Dal canto suo Tiziano Putelli, capo dell’Ufficio cantonale caccia e pesca, ribadisce che le zone abitate non sono l’habitat ideale per il predatore. In dicembre gli esemplari si erano abbassati, spingendosi fino al fondovalle, seguendo la selvaggina scesa di quota in cerca di cibo a causa della neve; ora, in assenza di altre precipitazioni, la selvaggina resta in quota e di conseguenza nemmeno il lupo si abbassa più sul fondovalle a predare.

Le anomale visite da parte del lupo hanno particolarmente preoccupato – e l’allerta rimane alta – la Società agricola Bleniese che nelle scorse settimane ha scritto al Consiglio di Stato per sollecitare un incontro al quale sono stati invitati a prendere parte anche i Comuni di Blenio, Acquarossa e Serravalle. Tra i punti critici sollevati nella lettera vi è la comunicazione considerata lacunosa: con la richiesta in particolare di un miglior coordinamento tra l’Ufficio caccia e pesca e la Sezione dell’agricoltura per un’informazione più puntuale e trasparente verso gli agricoltori e i Comuni interessati. «Negli ultimi casi di avvistamento del lupo nell’alta valle ci siamo resi conto che l’informazione è stata carente», rileva Luigi Arcioni, presidente della Società agricola Bleniese che raggruppa una settantina di aziende con animali. «Vorremmo anche capire come muoverci in futuro visto che questi episodi di avvistamento del lupo tenderanno a ripetersi sempre più frequentemente e capire che strategia intenderà adottare il Cantone per affrontare questi casi e sostenere gli agricoltori», aggiunge.

Informazione da migliorare

Dal 2016 è attivo un sistema di allerta della Sezione dell’agricoltura che via sms avverte gli allevatori iscritti in caso di attacco da parte di grandi predatori. «Purtroppo questo sistema non è sempre stato efficace», osserva Arcioni evidenziando che in prossimità di aziende agricole sono stati ritrovati dei cervi morti quasi certamente vittime del lupo: «Su aspetti di questo tipo ci piacerebbe venire informati direttamente, ma così finora non è stato». Inoltre, fa presente il nostro interlocutore, a seguito della posa delle fototrappole da parte dell’Ucp e del monitoraggio serale e notturno «abbiamo faticato a sapere se ci sono stati altri avvistamenti o meno». L’auspicio ribadito è dunque quello di un’informazione più efficace, tempestiva e puntuale. D’altronde il lupo non preoccupa soltanto gli allevatori di pecore e capre ma anche chi possiede bestiame più grosso: «Se le vacche nutrici vengono spaventate dalla sua presenza iniziano a scappare e a correre rischiando di cadere in qualche burrone», sottolinea il presidente della Società agricola Bleniese.

Chiesto più supporto

La richiesta è anche quella di maggior supporto agli agricoltori riguardo al sistema di protezione da adottare: «Ci vengono dati dei consigli ma necessitiamo di indicazioni più precise in modo da trovare una soluzione definitiva, praticabile e sostenibile che ci permetta di salvaguardare i nostri animali da reddito». Tuttavia spesso, evidenzia Arcioni, né la sorveglianza, né i cani da protezione e le recinzioni sono sufficienti a tenere lontano il grande predatore. Oltre a maggior supporto, per gli agricoltori è importante poter contare anche su un sostegno finanziario per la partecipazione ai costi. «Gli agricoltori non devono essere lasciati a sé stessi», conclude Arcioni.

In occasione della seduta del 20 dicembre, ricordiamo, il Consiglio comunale di Blenio aveva approvato una risoluzione con cui esprimeva solidarietà all’agricoltura (“settore economico di primaria importanza” che “soffre maggiormente la presenza di lupi”), al turismo e alla popolazione, preoccupata per la situazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved