ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 ora

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
3 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
4 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
5 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
8 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
10 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
13 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
17 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
17 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
17 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
17.01.2022 - 11:00
Aggiornamento: 17:16

Centro per richiedenti l’asilo di Camorino, la domanda all’albo

Sarà costruito sopra il criticato ‘bunker’ che sarà ristrutturato e integrato nella nuova struttura la quale tuttavia non ospiterà più i cosiddetti Nem

centro-per-richiedenti-l-asilo-di-camorino-la-domanda-all-albo
Ti-Press
L’edificio sarà costruito sopra l’impianto della Protezione civile

Passi avanti per il Centro cantonale polivalente di Camorino dedicato all’accoglienza di richiedenti l’asilo. La domanda di costruzione per l’edificazione della struttura, di un nuovo posteggio esterno e di un percorso pedonale di accesso è in pubblicazione da oggi all’albo comunale di Bellinzona e vi rimarrà fino al 31 gennaio.

Lo scorso 22 settembre il progetto aveva ricevuto luce verde da parte del Gran Consiglio – con 65 voti favorevoli, 5 contrari e 5 astenuti – agli 11 milioni di franchi per la sua realizzazione. Si tratta di un progetto pilota, visto che sarà di proprietà e gestito dal Cantone e non più da enti esterni come la Croce Rossa. Questo centro andrà in particolare a sostituire quello di Paradiso (uno dei tre centri collettivi per richiedenti l’asilo presenti in Ticino, oltre a quelli di Cadro e Castione) che dovrebbe chiudere al più tardi a fine 2022.

Il centro polivalente (i cui lavori dovrebbero terminare nel 2023) avrà una capacità totale compresa tra i 173 e i 189 posti letto, si svilupperà su tre livelli e comprenderà spazi comuni e amministrativi. Gli ospiti avranno a disposizione camere singole per portatori di handicap, camere doppie, quadruple, altre di dimensioni maggiori e appartamenti, questi ultimi pensati prevalentemente per l’accoglienza di famiglie o per chi si trova nella fase finale del suo percorso integrativo. Visto che si tratta di un centro ‘polivalente’, esso sarà pure utilizzato per accogliere persone in cerca di protezione a seguito di eventi straordinari (come catastrofi naturali) che rappresentano una minaccia o un pericolo per la popolazione.

L’edificio sarà costruito sopra il criticato ‘bunker’, l’impianto di Protezione civile (che sarà ristrutturato) nel quale sono ospitati i cosiddetti Nem, la cui domanda d’asilo è stata respinta o per i quali è scattata la procedura di non entrata in materia. Tuttavia, il nuovo centro non ospiterà queste persone che beneficiano dell’aiuto d’urgenza.

Alternative per i Nem, verifiche in corso

La scorsa estate il Cantone aveva pubblicato un appello sul Foglio ufficiale, per la messa a disposizione nell’arco di almeno cinque anni di una struttura fuori terra dotata di minimo 30 posti letto, ma nessuno aveva risposto. «Siamo sempre alla ricerca di soluzioni, attualmente la Sezione della logistica del Cantone sta approfondendo alcune possibilità. In particolare sta lavorando su due piste che sembrerebbero essere piuttosto idonee, ma al momento non abbiamo ancora individuato una soluzione concreta», spiega Gabriele Fattorini, direttore della Divisione dell’azione sociale e delle famiglie.

Mesi fa il Cantone aveva espresso la volontà di voler chiudere il bunker entro la fine del 2021, ma visto che non sono state trovate alternative adatte il centro è tuttora aperto. «Ormai sono mesi che siamo alla ricerca di soluzioni. Abbiamo pubblicato il concorso sul Foglio ufficiale che però non ha dato l’esito sperato, dopodiché abbiamo approfondito due interessanti alternative che però non sono andate in porto», spiega Fattorini. L’auspicio è ora di trovare l’alternativa definitiva in tempi ragionevoli, anche se questa ricerca non è così semplice: «Non è evidente individuare una nuova sede perché per strutture di questo tipo è necessario che vi sia un consenso da parte delle autorità comunali, ma anche un consenso della popolazione», osserva. Va inoltre considerato che la struttura dovrebbe essere facilmente accessibile con i mezzi pubblici.

Quando a Camorino cominceranno i lavori per il Centro polifunzionale, le persone che attualmente sono accolte nel rifugio della protezione civile (attualmente una ventina) dovranno lasciare la sede. L’attuale struttura di accoglienza dei Nem si trova infatti proprio sotto il futuro cantiere. «Ora stiamo cercando alternative e vorremmo trovarle il più presto possibile, questo indipendentemente dalla tempistica dei lavori previsti per il nuovo centro», rileva Fattorini. Quanto all’ubicazione, non è detto che la nuova sede sarà nelle vicinanze di quella attuale, come ci è stato spiegato le ricerche si sono concentrate su tutto il territorio cantonale e tra le ipotesi attualmente al vaglio ve ne sono sia nel Bellinzonese che in altri distretti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved