ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
5 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
6 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
6 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
7 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
7 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
7 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
7 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
8 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
8 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
8 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
9 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
9 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
9 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
9 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Locarnese
9 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

In attesa del ritorno alla normalità post pandemia, archiviata un’edizione 2022 dal taglio diverso ma pur sempre gettonatissima dalla popolazione
laR
 
15.01.2022 - 05:30

Ad Airolo si scava in cerca della ‘zona di disturbo’

Seconda canna sotto il Gottardo: il tunnel di prospezione servirà a togliere la roccia più friabile localizzata a 5 chilometri dal portale sud

ad-airolo-si-scava-in-cerca-della-zona-di-disturbo
La sezione del massiccio del San Gottardo: in rosso le due zone ritenute geologicamente problematiche

Ad Airolo sono entrati nel vivo i lavori preliminari per la seconda canna autostradale sotto il San Gottardo che sarà transitabile, secondo il programma, nel 2029 consentendo poi il risanamento globale del primo tunnel entrato in servizio nel 1980. Attualmente tuttavia l’avanzamento nella montagna non interessa l’asse principale bensì un cunicolo laterale della lunghezza di circa 6 chilometri necessario a raggiungere la cosiddetta ‘zona di disturbo sud’. Detta anche ‘zona Guspis’, situata a 4,9 km dal portale di Airolo, è caratterizzata da una sedimentazione rocciosa spessa circa 300 metri e sfaldabile qualora si crei un vuoto essendo composta da scisti sericitici e argillosi finemente stratificati oltre a rocce calcaree, gesso e dolomia. Un quadro insomma puntualmente meno stabile rispetto alle altre varie tipologie di roccia che caratterizzano la stragrande maggioranza del massiccio lungo l’asse stradale. La stessa situazione si presenta per 270 metri a 4,1 km dal portale nord di Göschenen nella cosiddetta ‘zona del Mesozoico’. Volendo tracciare un paragone con la realizzazione della galleria di AlpTransit, la situazione appare abbastanza simile alla cosiddetta ‘Sacca di Piora’ la cui dolomia saccaroide, particolarmente friabile, aveva rallentato il cantiere ferroviario del secolo.


Marco Fioroni durante la recente presentazione dell’Infocentro airolese (Ti-Press)

La pressione bloccherebbe le frese

Quanto si presenta sotto il Gottardo non è una sorpresa essendo la situazione emersa negli anni ’70 durante la realizzazione della prima canna, e meglio scavando il cunicolo di sicurezza che costeggia tutt’oggi quello principale per tutta la sua lunghezza. Ma a differenza di allora quando si utilizzarono altri metodi di scavo, oggi il previsto avanzamento bidirezionale delle due grandi frese – che inizieranno a farsi strada dentro la montagna nel 2024 con una velocità media di due metri all’ora – rende necessario raggiungere anzitempo quei due punti attraverso la realizzazione di altrettanti cunicoli separati con lo scopo di togliere la porzione di roccia problematica e installare infrastrutture di drenaggio e sostegno. Obiettivo: assicurare la stabilità necessaria. «Senza questa operazione preliminare, caratterizzata ad Airolo dallo scavo del cunicolo con metodo tradizionale a brillamento dalla zona situata all’imbocco della Val Bedretto non lontano dal Caseificio, le due frese che in futuro entreranno da sud e da nord rischierebbero di rimanere incastrate una volta superati i due rispettivi punti problematici», spiega alla ‘Regione’ Marco Fioroni, direttore della filiale bellinzonese dell’Ufficio federale delle strade (ustra): «Infatti, volendo semplificare all’osso il concetto, la roccia friabile sottoposta a pressione si abbasserebbe in pochi giorni di diversi metri invadendo la calotta dopo il loro passaggio e riempiendo parzialmente il vuoto creato, vanificandone il lavoro e rendendo de facto impossibile proseguirlo perché le frese, dal costo di circa 50 milioni ciascuna, rimarrebbero bloccate e inservibili, come già successo in altri cantieri nel mondo». Il tunnel di prospezione servirà poi in futuro ad assicurare l’apporto d’aria fresca.

Primi operai all’albergo Alpina

Nel frattempo sempre ad Airolo è stata ricavata una nuova entrata per il cunicolo di sicurezza che finora sbucava in corrispondenza del futuro portale per il secondo tubo, portale che come il primo fu progettato dall’architetto Rino Tami: realizzati insieme, praticamente gemelli, vanno oggi mantenuti essendo monumenti protetti. In questa prima fase gli operai raggiungeranno quota cento durante la primavera, mentre a pieno regime il loro numero raddoppierà. L’albergo Alpina, situato nella parte alta del paese e messo a disposizione dal Comune che lo ha comprato da privati affittandolo in questo periodo a Ustra, è occupato dagli operai che vi dormono, mentre per i pasti fanno al momento capo a ristoranti della zona. Nei prossimi mesi l’hotel sarà affiancato da nuovi alloggi prefabbricati che sorgeranno proprio accanto per assicurare un numero sufficiente di letti ai duecento operai che lavoreranno nel periodo di picco; a sua volta la Valbianca Sa di Airolo, che si è aggiudicata l’appalto da 10 milioni di franchi per organizzare il vitto e l’alloggio, assumerà presto la gestione anche della mensa e del capiente refettorio. L’appalto decennale affidatole da Ustra, ricordiamo, era stato impugnato da una concorrente ticinese sconfessata però lo scorso settembre dal Tribunale amministrativo federale. Davanti al quale è attualmente pendente il ricorso di un consorzio scontento per l’aggiudicazione a un altro concorrente di un appalto per il trasporto via nastro del materiale estratto dalla montagna. Complessivamente, ricordiamo, dalla seconda canna usciranno 7,2 milioni di tonnellate di pietrame: 1,9 serviranno a rimodellare il fondovalle di Airolo col parziale interramento del tratto di autostrada oggi a cielo aperto (alcune sistemazioni sono in corso già adesso, come per esempio nei pressi della partenza della funivia di Valbianca); 3,5 milioni saranno destinate alla rinaturazione delle zone con acque basse nel Lago dei Quattro Cantoni; un milione e 800mila tonnellate verrà infine recuperato come materiale da costruzione. Il quantitativo che uscirà dal portale sud sarà trasferito nella zona di Stalvedro dove verrà vagliato e separato a dipendenza della sua futura destinazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved