Verona
2
Bologna
1
fine
(1-1)
Bienne
2
Zurigo
3
fine
(1-0 : 0-1 : 1-1 : 0-0 : 0-1)
ad-airolo-si-scava-in-cerca-della-zona-di-disturbo
La sezione del massiccio del San Gottardo: in rosso le due zone ritenute geologicamente problematiche
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
3 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
4 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
4 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
4 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
4 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
5 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
5 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
5 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
6 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
6 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
6 ore

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
6 ore

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
6 ore

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
6 ore

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
Luganese
7 ore

Lugano, Ignazio Cassis in visita ai pazienti Covid-19

Il presidente della Confederazione si è recato all’Ospedale regionale dove ha ringraziato tutto il personale sanitario per l’enorme impegno
 
15.01.2022 - 05:300

Ad Airolo si scava in cerca della ‘zona di disturbo’

Seconda canna sotto il Gottardo: il tunnel di prospezione servirà a togliere la roccia più friabile localizzata a 5 chilometri dal portale sud

Ad Airolo sono entrati nel vivo i lavori preliminari per la seconda canna autostradale sotto il San Gottardo che sarà transitabile, secondo il programma, nel 2029 consentendo poi il risanamento globale del primo tunnel entrato in servizio nel 1980. Attualmente tuttavia l’avanzamento nella montagna non interessa l’asse principale bensì un cunicolo laterale della lunghezza di circa 6 chilometri necessario a raggiungere la cosiddetta ‘zona di disturbo sud’. Detta anche ‘zona Guspis’, situata a 4,9 km dal portale di Airolo, è caratterizzata da una sedimentazione rocciosa spessa circa 300 metri e sfaldabile qualora si crei un vuoto essendo composta da scisti sericitici e argillosi finemente stratificati oltre a rocce calcaree, gesso e dolomia. Un quadro insomma puntualmente meno stabile rispetto alle altre varie tipologie di roccia che caratterizzano la stragrande maggioranza del massiccio lungo l’asse stradale. La stessa situazione si presenta per 270 metri a 4,1 km dal portale nord di Göschenen nella cosiddetta ‘zona del Mesozoico’. Volendo tracciare un paragone con la realizzazione della galleria di AlpTransit, la situazione appare abbastanza simile alla cosiddetta ‘Sacca di Piora’ la cui dolomia saccaroide, particolarmente friabile, aveva rallentato il cantiere ferroviario del secolo.


Marco Fioroni durante la recente presentazione dell’Infocentro airolese (Ti-Press)

La pressione bloccherebbe le frese

Quanto si presenta sotto il Gottardo non è una sorpresa essendo la situazione emersa negli anni ’70 durante la realizzazione della prima canna, e meglio scavando il cunicolo di sicurezza che costeggia tutt’oggi quello principale per tutta la sua lunghezza. Ma a differenza di allora quando si utilizzarono altri metodi di scavo, oggi il previsto avanzamento bidirezionale delle due grandi frese – che inizieranno a farsi strada dentro la montagna nel 2024 con una velocità media di due metri all’ora – rende necessario raggiungere anzitempo quei due punti attraverso la realizzazione di altrettanti cunicoli separati con lo scopo di togliere la porzione di roccia problematica e installare infrastrutture di drenaggio e sostegno. Obiettivo: assicurare la stabilità necessaria. «Senza questa operazione preliminare, caratterizzata ad Airolo dallo scavo del cunicolo con metodo tradizionale a brillamento dalla zona situata all’imbocco della Val Bedretto non lontano dal Caseificio, le due frese che in futuro entreranno da sud e da nord rischierebbero di rimanere incastrate una volta superati i due rispettivi punti problematici», spiega alla ‘Regione’ Marco Fioroni, direttore della filiale bellinzonese dell’Ufficio federale delle strade (ustra): «Infatti, volendo semplificare all’osso il concetto, la roccia friabile sottoposta a pressione si abbasserebbe in pochi giorni di diversi metri invadendo la calotta dopo il loro passaggio e riempiendo parzialmente il vuoto creato, vanificandone il lavoro e rendendo de facto impossibile proseguirlo perché le frese, dal costo di circa 50 milioni ciascuna, rimarrebbero bloccate e inservibili, come già successo in altri cantieri nel mondo». Il tunnel di prospezione servirà poi in futuro ad assicurare l’apporto d’aria fresca.

Primi operai all’albergo Alpina

Nel frattempo sempre ad Airolo è stata ricavata una nuova entrata per il cunicolo di sicurezza che finora sbucava in corrispondenza del futuro portale per il secondo tubo, portale che come il primo fu progettato dall’architetto Rino Tami: realizzati insieme, praticamente gemelli, vanno oggi mantenuti essendo monumenti protetti. In questa prima fase gli operai raggiungeranno quota cento durante la primavera, mentre a pieno regime il loro numero raddoppierà. L’albergo Alpina, situato nella parte alta del paese e messo a disposizione dal Comune che lo ha comprato da privati affittandolo in questo periodo a Ustra, è occupato dagli operai che vi dormono, mentre per i pasti fanno al momento capo a ristoranti della zona. Nei prossimi mesi l’hotel sarà affiancato da nuovi alloggi prefabbricati che sorgeranno proprio accanto per assicurare un numero sufficiente di letti ai duecento operai che lavoreranno nel periodo di picco; a sua volta la Valbianca Sa di Airolo, che si è aggiudicata l’appalto da 10 milioni di franchi per organizzare il vitto e l’alloggio, assumerà presto la gestione anche della mensa e del capiente refettorio. L’appalto decennale affidatole da Ustra, ricordiamo, era stato impugnato da una concorrente ticinese sconfessata però lo scorso settembre dal Tribunale amministrativo federale. Davanti al quale è attualmente pendente il ricorso di un consorzio scontento per l’aggiudicazione a un altro concorrente di un appalto per il trasporto via nastro del materiale estratto dalla montagna. Complessivamente, ricordiamo, dalla seconda canna usciranno 7,2 milioni di tonnellate di pietrame: 1,9 serviranno a rimodellare il fondovalle di Airolo col parziale interramento del tratto di autostrada oggi a cielo aperto (alcune sistemazioni sono in corso già adesso, come per esempio nei pressi della partenza della funivia di Valbianca); 3,5 milioni saranno destinate alla rinaturazione delle zone con acque basse nel Lago dei Quattro Cantoni; un milione e 800mila tonnellate verrà infine recuperato come materiale da costruzione. Il quantitativo che uscirà dal portale sud sarà trasferito nella zona di Stalvedro dove verrà vagliato e separato a dipendenza della sua futura destinazione.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved