03.01.2022 - 15:56
Aggiornamento: 16:57

Gorduno-Galbisio, l’invito dei Re Magi a intonare l’antico canto

Annullato il consueto giro di porta in porta, ma viene proposta un’alternativa... casalinga

La situazione pandemica non ferma completamente la tradizione dell’Epifania e dei Re Magi di Gorduno e Galbisio. Se il consueto giro di casa in casa per le vie dei due paesi, intonando il canto religioso popolare ‘Noi siamo i tre re’, è stato annullato, gli organizzatori non vogliono però lasciar passare inosservato questo atteso momento, e considerato non solo che la tradizione viene portata avanti da diversi anni, ma anche che il brano è orecchiabile e tanti concittadini lo conoscono, la popolazione viene invitata ad affacciarsi alla porta o sul balcone alle 20 di mercoledì 5 gennaio per intonarlo.

Noi siamo i tre re, venuti dall’oriente, per adorar Gesù;
Un re superiore, di tutti i maggiori, di quanti al mondo ne furono giammai;
Ei fu che ci chiamò, mandando una stella, che ci condusse qui;
Dov’è il bambinello, vezzoso e bello, in braccio a Maria, che madre è di lui;
L’amabile Signor, si merita i doni, assieme ai nostri cuor;
Perciò abbiam portato, incenso odoroso e mirra ed oro, in dono al Re Divin;
Quell’oro che portiam, soccorre a Maria, la Vostra povertà;
L’incenso odoroso, ne toglie il fetore, di stalla immonda, in cui troviam Gesù;
E questa mirra poi, insegna al bambino, la vera umanità;
E mostra di passione l’amaro boccone, l’amara bevanda, che per noi soffrirà;
Or noi ce ne andiam, ai nostri paesi, da cui venuti siam;
Ma qui resta il cuore, in braccio al Signore, in braccio al bambino, al Bambinel Gesù.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gorduno-galbisio re magi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved