ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
1 ora

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
1 ora

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
3 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
3 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
3 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
4 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
4 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
4 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
5 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
5 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
Mendrisiotto
5 ore

Pompieri e beneficenza, torna la raccolta fondi per Telethon

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre dalle 8 alle 17 sia in piazzale del Municipio di Mendrisio sia al Centro di pronto intervento
Ticino
5 ore

Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni

La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
5 ore

Docenti, ne mancano di tedesco e matematica

Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
5 ore

Gudo, festa di San Nicolao con Acli

Appuntamento per domenica 4 dicembre dalle 11.30 al campo sportivo
Mendrisiotto
5 ore

A2, tra terza corsia che verrà e potenziamenti in atto

Il deputato Alessandro Speziali (Plr) ne chiede conto al Consiglio di Stato. E interroga sull’impatto ambientale e fonico del progetto PoLuMe
Bellinzonese
6 ore

Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco

Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
23.12.2021 - 22:03

‘2021 difficile, ma che ha segnato il nuovo corso di Bellinzona’

Pandemia e futuro sviluppo della Città al centro dei discorsi della cerimonia di fine anno. Premiati Roberto Pasotti, Nicola Fumagalli e Claudio Bassetti

2021-difficile-ma-che-ha-segnato-il-nuovo-corso-di-bellinzona
Ancora isolata a causa della positività al Covid-19, il sindaco Mario Branda ha portato il saluto via streaming (Ti-Press/Bianchi)
+4

Le note della filarmonica di Monte Carasso-Sementina diretta dal maestro Paolo Cervetti hanno di certo portano emozione all’interno del Teatro Sociale. Quell’emozione che in occasione della consueta cerimonia per lo scambio degli auguri organizzata dalla Città di Bellinzona è stata al centro del discorso del vicepresidente del Consiglio comunale Alberto Casari: «Siamo in un momento della storia in cui un piccolo virus, ma letale, è riuscito a diminuire la capacità di provarle, ciò di cui noi esseri umani abbiamo tanto bisogno. L’impossibilità di avere dei momenti di aggregazione, di abbracciare le persone a noi più care, di far giocare i nostri ragazzi a scuola». Ma in attesa di tempi migliori che possano far riassaporare a pieno queste sensazioni, oggi Bellinzona ha già degli elementi in grado di emozionare, ha detto Casari riferendosi ai grandi progetti avviati o portati a termine dalla Città. Come il nascente Parco fluviale, il comparto Officine da progettare e costruire, la prevista nuova fermata della ferrovia in Piazza Indipendenza e la nuova sede degli istituti di ricerca Irb e Ior. Proprio l’inaugurazione di quest’ultima struttura avvenuta a fine novembre «ha segnato un nuovo corso e l’idea di sviluppo della nostra Città che moltissimo ha investito in questo ambito, ma è anche emblematica dell’importanza delle sfide che attendono la nostra società in campo medico-scientifico, basti pensare all’attuale pandemia e ai suoi effetti», ha dal canto suo affermato Mario Branda, ancora in isolamento dopo la positività al Covid-19 e quindi collegato via streaming. «Un pensiero di riconoscenza va quindi anche ai ricercatori che con la loro opera instancabile e la loro curiosità, si adoperano per approfondire ancora e sempre le conoscenze dell’uomo sui meccanismi che sorreggono la vita, ma anche sulla malattia e sul dolore che accompagnano la nostra esistenza. Un impegno incessante e interminabile – ha aggiunto Branda –, ma che ha l’immensa capacità di alimentare la nostra speranza». Il sindaco ha poi ricordato il compianto architetto Aurelio Galfetti (scomparso lo scorso 5 dicembre) il quale ha disegnato la nuova casa di Irb e Ior in Via Chiesa. «Con la sua opera e il suo genio ha notevolmente contribuito a rendere più bella e interessante la nostra Città. Si pensi anche alla ristrutturazione di Castelgrande, al complesso del bagno pubblico e ad altri edifici pubblici e privati».

Bertoli: ‘Vinceremo noi, non il virus’

«Con l’aggregazione Bellinzona sta dimostrando le potenzialità di un grande Comune e sta giocando bene le sue carte: altre regioni di questo Cantone devono fare un passo simile, perché più avremo Poli forti e più il Ticino potrà guardare al futuro con positività», ha affermato Manuele Bertoli. Il presidente del Consiglio di Stato ha poi parlato di pandemia, dando un messaggio di speranza. «Siamo tutti stanchi e stufi, ma non dimentichiamoci che siamo stati capaci, e lo saremo anche nei prossimi mesi, di trovare le risorse per far fronte a questo momento difficile. Sono certo che saremo noi a vincere, non il virus».

I premiati

Spazio poi alle onorificenze conferite alle personalità che hanno tenuto alto il nome di Bellinzona in Ticino, in Svizzera e addirittura in ambito internazionale. A cominciare da Fra Roberto Pasotti (assente per motivi di salute), vincitore del Premio al merito culturale per la ricca e apprezzata opera artistica che spazia dai disegni alle vetrate, dai mosaici ai graffiti. Nato a Bellinzona nel 1933, inizia a dipingere nel 1954 in concomitanza con l’entrata nell’Ordine dei Cappuccini. Autodidatta, ha frequentato lo studio dell’artista luganese Filippo Boldini, mentre a Basilea ha ricevuto l’insegnamento di Hans Stocker per la tecnica delle vetrate. Dal 1966 è responsabile del Convento del Bigorio, dove si occupa del Centro sociale, religioso e culturale.

In ambito sportivo si è invece distinto il giovane Nicola Fumagalli, ostacolista del Gruppo atletica Bellinzona (Gab) che dopo un 2020 sfortunato contraddistinto da un infortunio si è preso le sue rivincite nel 2021. Oltre ad aver partecipato ai Campionati europei U20 disputati a Tallinn, il 19enne si è laureato campione svizzero sui 110 metri ostacoli e ha stabilito, sulla stessa distanza, il record ticinese. «Dietro a questo premio – ha detto il classe 2002 – c’è tutto il percorso che ho fatto negli ultimi due anni, dall’infortunio fino ai risultati di quest’anno che hanno ancora più valore. Ringrazio il Gab e i miei allenatori, perché chiaramente senza di loro non sarei qui».

Il Premio speciale al merito è andato al professor Claudio Bassetti per la sua vita dedicata alla cura, alla ricerca e all’insegnamento per quanto riguarda le malattie neurologiche. Cresciuto sul viale Stazione a Bellinzona, oggi è direttore del Dipartimento di neurologia e decano della Facoltà di medicina all’Università di Berna, nonché presidente dell’Accademia europea di neurologia. Dal 2009 al 2011 è stato direttore del Cardiocentro della Svizzera italiana. «Questo premio mi onora profondamente. Insieme a mia moglie, la neurologia è la mia fedele compagna da 30 anni. Le malattie neurologiche quali ictus, demenza, cefalea ed epilessia rappresentano un problema di sanità pubblica, perché oggi colpiscono una persona su tre, sono la prima causa di disabilità e la seconda causa di decesso nel mondo. Il mio sogno nel cassetto è quello di lanciare, in collaborazione con l’Accademia europea di neurologia, una strategia di salute cerebrale per promuovere nella nostra società una prevenzione sistematica delle malattie neurologiche».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved