val-di-blenio-una-strada-per-promuovere-montegreco
Ti-Press
Un punto di ristoro e di riposo a 1’156 metri di altitudine
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
38 min

Alla scoperta del materiale tecnico del soccorso alpino

La stazione di soccorso di Bellinzona sostiene la campagna Montagne Sicure e propone una giornata di divertimento e sensibilizzazione a Curzútt
Bellinzonese
48 min

Concerto di musica classica tra la Surselva e la Valle di Blenio

Domenica 21 agosto in programma due esibizioni: la mattina a Disentis e nel tardo pomeriggio a Leontica
Mendrisiotto
52 min

Feste di San Lorenzo in Valle di Muggio: premi della lotteria

Sono ancora da riscuotere due vincite, ottenute durante l’ultima edizione dei festeggiamenti svoltasi con successo pochi giorni fa
Mendrisiotto
1 ora

Torna la Festa del Mulino di Bruzella

Il tradizionale appuntamento di fine estate si svolgerà domenica 28 agosto. Tra l’altro, possibilità di acquistare prodotti macinati tradizionalmente
Grigioni
3 ore

Teatro e musica all’aperto a Soazza

Sabato 27 agosto alle 16 (ritrovo ai piedi della scalinata della Chiesa di San Martino) andrà in scena lo spettacolo ‘Anime e sassi’
Luganese
3 ore

Cantiere stradale in arrivo a Figino

Lunedì 22 agosto partono le opere di pavimentazione fonoassorbente, che dal 29 agosto e al 1° ottobre saranno parzialmente effettuate di notte
Bellinzonese
3 ore

Monte Carasso, tradizionale festa del gruppo Amici San Bernardo

Appuntamento per domenica 21 agosto con messa e pranzo
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, imparare a massaggiare le mani con Pro Senectute

Appuntamento per giovedì 25 agosto dalle 14.30 alle 16.30 al centro diurno Turrita. Dimostrazione a cura della riflessologa Chantal Bonny
Grigioni
3 ore

Musica e arte si incontrano al Castello di Mesocco

Sabato 27 agosto si terrà la prima edizione del Maat Festival che coinvolgerà una serie di deejay. In programma anche installazioni, proiezioni e dipinti
Ticino
4 ore

Contagi in Ticino sotto le mille unità: 739 in una settimana

Coronavirus, in una settimana le nuove positività sono scese di quasi un terzo; in calo pure le persone ospedalizzate: ora sono 60. Tre i decessi
Locarnese
4 ore

Minusio, adattamento fermate bus fermo al palo

La Sinistra chiede lumi al Municipio sui ritardi nei lavori di adeguamento ed eliminazione delle barriere architettoniche
Luganese
7 ore

Svizzeri all’estero, verso il voto elettronico

Durante il 98° Congresso, che si terrà dal 19 al 21, si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione delle persone con l’Unione europea
Mendrisiotto
7 ore

Un gruppo autonomo unito da una passione comune: il Tai Chi

Nessun maestro, non c’è problema. A Riva San Vitale, una decina di persone si riunisce ogni giovedì per dedicarsi alla pratica orientale
Locarnese
10 ore

Turismo, una stagione dorata per lago, valli e monti

Il 2022 non farà registrare record ovunque, ma riporta il settore ai livelli pre-Covid. Volano le prenotazioni nelle strutture alberghiere e nei campeggi
Ticino
10 ore

‘I piccoli commerci resistono ai colossi delle multinazionali’

Sommaruga (Federcommercio) a tutto campo su settore della moda, differenze tra città in Ticino e ruolo - importante - delle botteghe e dei negozi
laR
 
16.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:27

Val di Blenio, una strada per promuovere Montegreco

Sul credito di 550mila franchi per il ‘sentierino’ e il ‘sentierone’ devono esprimersi i patrizi di Malvaglia. Eros Valchera si appella alla solidarietà

«Manca solamente la strada» per completare l’offerta turistica e finalmente partire con i progetti ancora in fase di realizzazione nella regione di Montegreco, sopra Malvaglia, in Valle di Blenio. Eros Valchera, presidente della fondazione Monte Greco, lancia un appello ai patrizi di Malvaglia che domani, 17 dicembre, si riuniranno in assemblea per decidere, fra l’altro, se approvare il credito di 550mila franchi per realizzare i cosiddetti ‘sentierino’ e ‘sentierone’. Il primo è una pista agricola larga 1,70 metri per accedere anche con piccoli mezzi meccanici (ad esempio un quad) o e-bike al nucleo di Muncréch (italianizzato: Montegreco) partendo da Piüghéi. Il secondo è una via carrabile larga 2,50 metri che collega quest’ultimo nucleo alla strada comunale che serve Prastinéi. «Il sentierino, il sentierone e la strada asfaltata di fatto formeranno una ciclovia per biciclette elettriche tra Malvaglia e Montegreco, con 800 metri di dislivello», precisa Valchera a ‘laRegione’.

Con un sì, via libera all’apertura dell’ostello

Sono cinque i prodotti turistici legati alla natura e alla storia del luogo che propone la regione di Montegreco. Da quest’ultima località situata a 1’156 metri di altitudine parte ad esempio il cosiddetto sentiero celtico che porta a Solgone, a 1’400 metri di altitudine. Si tratta di un tragitto (originariamente percorso dell’antica processione di San Giuliano) lungo quattro chilometri con sette postazioni energetiche. Sempre in ambito pedestre Valchera sottolinea che «Montegreco è al centro tra le capanne di Cava (Val Pontirone) e Quarnei (Val Malvaglia)» che distano circa 6 ore di viaggio. Questo è anche uno dei motivi che hanno portato la fondazione a realizzare un ostello in stile Walser con 25 posti letto e 40 posti per la ristorazione, ristrutturando l’edificio più antico di Montegreco, ovvero una torba. Torba nella quale era custodita la campana dell’antica chiesa, demolita nel corso dell’800 a seguito di un incendio. Tuttavia anche in questo caso la fondazione ha ricostruito l’edificio: la chiesetta di San Giuliano è stata inaugurata nel 2006 e ha dato il la ad altre ristrutturazioni come quella della Cappelletta di Ranch, del vecchio forno del pane, così come al risanamento di due chilometri di muri a secco o alla prevista sistemazione del nucleo per renderlo accessibile pure ad anziani e a persone con disabilità.

Il Parco del castagno per combattere lo stress

Oltre al sentiero celtico e all’ostello (che dovrebbe essere aperto una volta completati il sentierino e il sentierone), la regione propone poi altre tre offerte turistiche nel Parco del castagno situato a Piüghei, a 953 metri di altitudine. Il nome è dovuto alla presenza di un castagno ultramillenario (la cui circonferenza alla base misura ben 13,50 metri) e di altri cinque castagni vecchi più di 500 anni.

Nel comparto sono inoltre stati piantati altri alberi autoctoni provenienti dal vivaio forestale di Lattecaldo. In questo luogo i visitatori potranno praticare il Forest Bathing, la Nature Therapy e lo yoga all’aperto su una piattaforma (ovviamente) in legno di castagno. Si tratta di attività che negli ultimi anni hanno preso sempre più piede: «Grazie all’energia elettromagnetica benefica emanata dagli alberi è possibile promuovere la salute psico-emozionale delle persone», osserva Valchera. Uno degli effetti più percettibili per chi svolge yoga oppure semplicemente passeggia tranquillamente in un bosco è il senso di relax che permette di contrastare lo stress. Oltre a rilanciare e valorizzare il territorio di questa regione, la fondazione Monte Greco punta proprio a mettere a disposizione dei visitatori possibilità di svago e di relax, grazie a quello che ha da offrire la natura con i suoi effetti positivi sul benessere delle persone.

Realizzazione prevista entro la prossima estate

Tuttavia per rendere più attrattive e funzionali questi prodotti turistici è necessario offrire anche collegamenti adatti. Ed è per questo che la fondazione spera in una decisione positiva da parte dell’assemblea patriziale di Malvaglia per quanto riguarda il sentierino e il sentierone. «Dall’epoca della civiltà romana strade e acquedotti erano sinonimo di progresso», rileva Valchera che si appella alla solidarietà della comunità: «Ai patrizi chiedo semplicemente di dare una mano a Montegreco. Essere patrizi significa infatti manifestare quel fuoco che abbiamo dentro di noi che rappresenta un sentimento di identità, di appartenenza a un luogo, alla Madre Terra». Grazie a questa strada – i cui costi sono suddivisi fra Comune di Serravalle (80mila franchi), patriziato (80mila), proprietari terrieri (80mila), progettazione e lavori già eseguiti dalla fondazione (70mila), sussidi agricoli federali e cantonali (240mila franchi) – potranno poi partire al 100% tutte le attività legate alle offerte turistiche, come l’ostello o il Parco del castagno che attualmente sono «pronti all’80%». Con un sì da parte dell’assemblea patriziale «il sentierino e il sentierone dovrebbero essere realizzati entro l’estate dell’anno prossimo», precisa Valchera, permettendo così a tutti gli interessati di «approfittare della storia e della natura che offre il nostro territorio».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assemblea patriziale eros valchera malvaglia montegreco offerta turistica sentierone
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved