ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’

La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
1 ora

Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti

Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
Ticino
1 ora

Cantonali ‘23, Gianella (Plr): ’Sarò nella lista per il governo’

La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
GALLERY
Mendrisiotto
9 ore

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
9 ore

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
11 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
12 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
12 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
12 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
12 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
12 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
13 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
13 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
13 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
13 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
14 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
13.12.2021 - 12:38
Aggiornamento: 18:21

Tre lupi adulti si aggirano a Olivone

Preoccupazione in paese per degli esemplari avvistati più volte anche nei pressi di abitazioni, ieri l’ultimo episodio

tre-lupi-adulti-si-aggirano-a-olivone
Foto di archivio

Sta destando preoccupazione tra gli abitanti dell’alta Valle di Blenio l’avvistamento di tre lupi che da alcuni giorni si aggirano a Olivone. Inquietudine soprattutto per il fatto che gli animali sono stati avvistati anche nei pressi di alcune abitazioni e di un parco giochi. L’ultimo avvistamento risale a ieri, domenica, ma il guardacaccia di zona sta monitorando la situazione già da alcuni giorni. Un esemplare è stato fotografato e sono pure state individuate delle orme. Sorprendente il fatto che lo scorso weekend nel tardo pomeriggio alcuni abitanti abbiano osservato i tre esemplari per alcuni minuti al limitare del bosco. A loro volta i tre predatori hanno osservato le persone senza scappare e senza mostrare il tipico atteggiamento di diffidenza. Un esemplare è più grosso degli altri due e i tre sembrerebbero avere età diverse. Potrebbero essere quindi di tre cucciolate differenti ma non è dato sapere se siano maschi o femmine. Né si conosce al momento la provenienza.

La sindaca: ‘Ne discuteremo stasera in Municipio’

In paese ovviamente la notizia è sulla bocca di tutti e gli abitanti sono chiaramente preoccupati. Tanto che alcuni allevatori della zona hanno deciso di tenere in stalla le proprie pecore e capre. Da noi interpellata, la sindaca di Blenio Claudia Boschetti-Straub non ha nascosto una certa apprensione. «So di alcuni avvistamenti negli scorsi giorni», conferma. «La questione ci preoccupa molto. C’è panico e ne discuteremo già questa sera in Municipio», aggiunge. Poiché in questo periodo la selvaggina si spinge più a valle, il lupo ne è attirato. Tuttavia in passato nella zona non sono mai stati registrati avvistamenti di questo tipo.

Intensificato il monitoraggio

Il Dipartimento del territorio ha avviato i consueti approfondimenti, come si è sempre fatto negli anni in presenza di predazioni e come si è fatto per le cucciolate della Val Morobbia e per quella segnalata a inizio mese nella zona fra l’alta Valle Onsernone e la Valle di Vergeletto dove si è accertata la presenza di una coppia di adulti con tre cuccioli. Raggiunto dalla ‘Regione’ Tiziano Putelli, capoufficio Caccia e pesca del Cantone, conferma che effettivamente è stato intensificato il monitoraggio. «La situazione non richiede ancora un intervento vero e proprio, però non va neanche presa sotto gamba», rileva. Il guardacaccia di zona oggi ha posizionato delle nuove fototrappole e domani ne posizionerà delle altre. «Inoltre sono state programmate delle ronde serali e notturne. Il monitoraggio ci permetterà di capire se sono lupi singoli o se si tratta di un branco e quanti esemplari sono esattamente».

Il comportamento dell’animale richiede attenzione

Al momento, spiega Putelli, il suo Ufficio non è a conoscenza di un branco noto in quella zona. «Si potrebbe trattare anche di tre lupi singoli che si sono riuniti per un momento». Sarà importante capire che tipo di comportamento hanno questi animali: «Al giorno d’oggi non sappiamo se questi lupi siano intimoriti dall’uomo o meno. Comunque finora non abbiamo nessuna segnalazione di atteggiamenti aggressivi verso l’uomo», spiega il capoufficio. «Se così fosse il comportamento sarebbe problematico», afferma riconoscendo che un problema c’è: il lupo è stato visto in prossimità dell’abitato. Presenze registrate comunque al calare del buio, se fosse stato avvistato in pieno giorno sarebbe stato più grave. «Ora attendiamo l’esito del monitoraggio per saperne di più».

Il fatto che vedendo delle persone il lupo non si sia dato alla fuga non rappresenta un problema? La Strategia lupo svizzera ha quattro gradi di valutazione: il comportamento normale, quello che richiede attenzione, quello critico e quello problematico (quello in cui si entra in discussione per l’abbattimento). Nel comportamento normale, quando un lupo viene avvistato da una persona all’interno di un veicolo, l’animale osserva a sua volta e si allontana lentamente dopo alcuni secondi. «A Olivone ci troviamo tra un comportamento che richiede attenzione – ed è per questo che abbiamo intensificato il monitoraggio – e nella prima fase di un comportamento critico che prevede che i guardacaccia possano mettere in atto delle azioni di disturbo per spaventare il predatore, come dei tiri di dissuasione di lato, a salve o con dei proiettili di gomma», spiega Putelli. Questo è previsto dal momento in cui il lupo viene visto almeno tre volte vicino all’abitato e la sua presenza diventa sempre più prolungata. Sia il monitoraggio che i tiri di dissuasione permetteranno di capire il comportamento dell’animale.

Il lupo segue la selvaggina che si spinge a valle

Quanto alla presenza del lupo a valle, Putelli fa presente che il lupo fa semplicemente il lupo: segue la selvaggina che scende di quota a causa della neve e viene attirata dal sale usato sulle strade per evitare il ghiaccio. «Nei prossimi giorni soleggiati la selvaggina dovrebbe tornare in quota e di conseguenza anche il lupo», rileva.

Come comportarsi in caso di avvistamento

Ma cosa fare in caso di avvistamento ravvicinato? Il capoufficio invita a tenere presente il fatto che si ha a che fare con un grande predatore e quindi un atteggiamento prudente è d’obbligo. «Se ci si sente minacciati è meglio allontanarsi e parlare ad alta voce, questo dovrebbe essere un sistema dissuasivo in grado di allontanare l’animale». Non bisogna assolutamente andare incontro al lupo per cercare di scattare foto o altro, né essere minacciosi. «Bisogna considerare che sono animali selvatici nel periodo invernale, che per loro è tutt’altro che facile. È molto più facile che sia la persona a disturbare il lupo che viceversa», conclude Putelli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved