tre-lupi-adulti-si-aggirano-a-olivone
Foto di archivio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
27 min

Teatro e musica all’aperto a Soazza

Sabato 27 agosto alle 16 (ritrovo ai piedi della scalinata della Chiesa di San Martino) andrà in scena lo spettacolo ‘Anime e sassi’
Luganese
36 min

Cantiere stradale in arrivo a Figino

Lunedì 22 agosto partono le opere di pavimentazione fonoassorbente, che dal 29 agosto e al 1° ottobre saranno parzialmente effettuate di notte
Bellinzonese
38 min

Monte Carasso, tradizionale festa del gruppo Amici San Bernardo

Appuntamento per domenica 21 agosto con messa e pranzo
Bellinzonese
45 min

Bellinzona, imparare a massaggiare le mani con Pro Senectute

Appuntamento per giovedì 25 agosto dalle 14.30 alle 16.30 al centro diurno Turrita. Dimostrazione a cura della riflessologa Chantal Bonny
Grigioni
48 min

Musica e arte si incontrano al Castello di Mesocco

Sabato 27 agosto si terrà la prima edizione del Maat Festival che coinvolgerà una serie di deejay. In programma anche installazioni, proiezioni e dipinti
Ticino
1 ora

Contagi in Ticino sotto le mille unità: 739 in una settimana

Coronavirus, in una settimana le nuove positività sono scese di quasi un terzo; in calo pure le persone ospedalizzate: ora sono 60. Tre i decessi
Locarnese
1 ora

Minusio, adattamento fermate bus fermo al palo

La Sinistra chiede lumi al Municipio sui ritardi nei lavori di adeguamento ed eliminazione delle barriere architettoniche
Luganese
4 ore

Svizzeri all’estero, verso il voto elettronico

Durante il 98° Congresso, che si terrà dal 19 al 21, si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione delle persone con l’Unione europea
Mendrisiotto
4 ore

Un gruppo autonomo unito da una passione comune: il Tai Chi

Nessun maestro, non c’è problema. A Riva San Vitale, una decina di persone si riunisce ogni giovedì per dedicarsi alla pratica orientale
Locarnese
7 ore

Turismo, una stagione dorata per lago, valli e monti

Il 2022 non farà registrare record ovunque, ma riporta il settore ai livelli pre-Covid. Volano le prenotazioni nelle strutture alberghiere e nei campeggi
Ticino
7 ore

‘I piccoli commerci resistono ai colossi delle multinazionali’

Sommaruga (Federcommercio) a tutto campo su settore della moda, differenze tra città in Ticino e ruolo - importante - delle botteghe e dei negozi
Ticino
17 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
17 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
17 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
18 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
18 ore

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
13.12.2021 - 12:38
Aggiornamento: 18:21

Tre lupi adulti si aggirano a Olivone

Preoccupazione in paese per degli esemplari avvistati più volte anche nei pressi di abitazioni, ieri l’ultimo episodio

Sta destando preoccupazione tra gli abitanti dell’alta Valle di Blenio l’avvistamento di tre lupi che da alcuni giorni si aggirano a Olivone. Inquietudine soprattutto per il fatto che gli animali sono stati avvistati anche nei pressi di alcune abitazioni e di un parco giochi. L’ultimo avvistamento risale a ieri, domenica, ma il guardacaccia di zona sta monitorando la situazione già da alcuni giorni. Un esemplare è stato fotografato e sono pure state individuate delle orme. Sorprendente il fatto che lo scorso weekend nel tardo pomeriggio alcuni abitanti abbiano osservato i tre esemplari per alcuni minuti al limitare del bosco. A loro volta i tre predatori hanno osservato le persone senza scappare e senza mostrare il tipico atteggiamento di diffidenza. Un esemplare è più grosso degli altri due e i tre sembrerebbero avere età diverse. Potrebbero essere quindi di tre cucciolate differenti ma non è dato sapere se siano maschi o femmine. Né si conosce al momento la provenienza.

La sindaca: ‘Ne discuteremo stasera in Municipio’

In paese ovviamente la notizia è sulla bocca di tutti e gli abitanti sono chiaramente preoccupati. Tanto che alcuni allevatori della zona hanno deciso di tenere in stalla le proprie pecore e capre. Da noi interpellata, la sindaca di Blenio Claudia Boschetti-Straub non ha nascosto una certa apprensione. «So di alcuni avvistamenti negli scorsi giorni», conferma. «La questione ci preoccupa molto. C’è panico e ne discuteremo già questa sera in Municipio», aggiunge. Poiché in questo periodo la selvaggina si spinge più a valle, il lupo ne è attirato. Tuttavia in passato nella zona non sono mai stati registrati avvistamenti di questo tipo.

Intensificato il monitoraggio

Il Dipartimento del territorio ha avviato i consueti approfondimenti, come si è sempre fatto negli anni in presenza di predazioni e come si è fatto per le cucciolate della Val Morobbia e per quella segnalata a inizio mese nella zona fra l’alta Valle Onsernone e la Valle di Vergeletto dove si è accertata la presenza di una coppia di adulti con tre cuccioli. Raggiunto dalla ‘Regione’ Tiziano Putelli, capoufficio Caccia e pesca del Cantone, conferma che effettivamente è stato intensificato il monitoraggio. «La situazione non richiede ancora un intervento vero e proprio, però non va neanche presa sotto gamba», rileva. Il guardacaccia di zona oggi ha posizionato delle nuove fototrappole e domani ne posizionerà delle altre. «Inoltre sono state programmate delle ronde serali e notturne. Il monitoraggio ci permetterà di capire se sono lupi singoli o se si tratta di un branco e quanti esemplari sono esattamente».

Il comportamento dell’animale richiede attenzione

Al momento, spiega Putelli, il suo Ufficio non è a conoscenza di un branco noto in quella zona. «Si potrebbe trattare anche di tre lupi singoli che si sono riuniti per un momento». Sarà importante capire che tipo di comportamento hanno questi animali: «Al giorno d’oggi non sappiamo se questi lupi siano intimoriti dall’uomo o meno. Comunque finora non abbiamo nessuna segnalazione di atteggiamenti aggressivi verso l’uomo», spiega il capoufficio. «Se così fosse il comportamento sarebbe problematico», afferma riconoscendo che un problema c’è: il lupo è stato visto in prossimità dell’abitato. Presenze registrate comunque al calare del buio, se fosse stato avvistato in pieno giorno sarebbe stato più grave. «Ora attendiamo l’esito del monitoraggio per saperne di più».

Il fatto che vedendo delle persone il lupo non si sia dato alla fuga non rappresenta un problema? La Strategia lupo svizzera ha quattro gradi di valutazione: il comportamento normale, quello che richiede attenzione, quello critico e quello problematico (quello in cui si entra in discussione per l’abbattimento). Nel comportamento normale, quando un lupo viene avvistato da una persona all’interno di un veicolo, l’animale osserva a sua volta e si allontana lentamente dopo alcuni secondi. «A Olivone ci troviamo tra un comportamento che richiede attenzione – ed è per questo che abbiamo intensificato il monitoraggio – e nella prima fase di un comportamento critico che prevede che i guardacaccia possano mettere in atto delle azioni di disturbo per spaventare il predatore, come dei tiri di dissuasione di lato, a salve o con dei proiettili di gomma», spiega Putelli. Questo è previsto dal momento in cui il lupo viene visto almeno tre volte vicino all’abitato e la sua presenza diventa sempre più prolungata. Sia il monitoraggio che i tiri di dissuasione permetteranno di capire il comportamento dell’animale.

Il lupo segue la selvaggina che si spinge a valle

Quanto alla presenza del lupo a valle, Putelli fa presente che il lupo fa semplicemente il lupo: segue la selvaggina che scende di quota a causa della neve e viene attirata dal sale usato sulle strade per evitare il ghiaccio. «Nei prossimi giorni soleggiati la selvaggina dovrebbe tornare in quota e di conseguenza anche il lupo», rileva.

Come comportarsi in caso di avvistamento

Ma cosa fare in caso di avvistamento ravvicinato? Il capoufficio invita a tenere presente il fatto che si ha a che fare con un grande predatore e quindi un atteggiamento prudente è d’obbligo. «Se ci si sente minacciati è meglio allontanarsi e parlare ad alta voce, questo dovrebbe essere un sistema dissuasivo in grado di allontanare l’animale». Non bisogna assolutamente andare incontro al lupo per cercare di scattare foto o altro, né essere minacciosi. «Bisogna considerare che sono animali selvatici nel periodo invernale, che per loro è tutt’altro che facile. È molto più facile che sia la persona a disturbare il lupo che viceversa», conclude Putelli.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lupo olivone
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved