villa-dei-cedri-apra-le-sue-porte-agli-eventi-e-agli-abitanti
Il museo civico di Bellinzona con il suo parco alberato (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Parroco rimosso, tra ‘bicchieri di troppo’ e palpeggiamenti

Emergono nuovi dettagli sul fermo di sabato al sacerdote del Mendrisiotto. Quello della discoteca non l’unico caso sopra le righe
Locarnese
5 ore

Finisce in rissa la festa dei liceali al Bagno pubblico

Sabato sera amaro in via Respini a Locarno, a causa di poche teste calde che hanno scatenato la violenza. Un ragazzo ferito al volto
Luganese
10 ore

Lugano, piazza Riforma celebra i suoi campioni

Serata di festa sfrenata a Lugano in piazza Riforma. La Città ha concesso una serata di notte libera. Guarda le foto.
Luganese
10 ore

Accoltellamento in piazza Dante, autore in fuga

Le informazioni sono ancora frammentarie, ma un uomo avrebbe aggredito un giovane con un taglierino. Polizia e ambulanza sono sul posto.
Mendrisiotto
11 ore

Morbio Superiore: si rovescia col trattore, arriva la Rega

L’uomo non ha riportato ferite che ne mettono in pericolo la vita. Da stabilire la dinamica dell’incidente.
Ticino
12 ore

Vitta: Preventivo 2023 primo step, disavanzo massimo 80 milioni

Il direttore del Dfe: il pareggio nel 2025 è già un obiettivo del governo. Il voto di oggi responsabilizza non solo l’Esecutivo, ma anche il parlamento
Bellinzonese
15 ore

A Bellinzona tornano i Beatles Days

Da giovedì 19 a sabato 21 maggio in Piazza del Sole si terrà la ventesima edizione della manifestazione musicale
Bellinzonese
15 ore

Patriziato di Daro, il consuntivo 2021 si è chiuso in attivo

Conti positivi grazie alla squadra che si è occupata dei primi interventi sui Monti di Daro e alla collaborazione del Comune di Bellinzona e dei pompieri
12.12.2021 - 14:57

Villa dei Cedri ‘apra le sue porte agli eventi e agli abitanti’

Bellinzona: la Commissione della Gestione spinge affinché il museo civico diventi ‘uno spazio veramente pubblico’

“Aprire le porte di Villa dei Cedri a diverse manifestazioni, non necessariamente mostre e occasioni espositive figurative, renderebbe giustizia all’obiettivo iniziale di dare al Comune uno spazio veramente pubblico, godibile su più piani, a favore degli abitanti, senza preclusioni di cultura e di formazione”. Firmato Commissione Gestione del Consiglio comunale (relatore Brenno Martignoni Polti di Lega/Udc) che con queste considerazioni invita da una parte il plenum del Cc a votare il mandato di prestazione 2022/24 tra il Comune di Bellinzona e l’Ente autonomo Bellinzona Musei con il relativo contributo di 1,089 milioni di franchi per l’anno prossimo; dall’altra auspica che il complesso museale cittadino assuma un ruolo diverso rispetto a quello datole in origine, negli anni 70 al momento dell’acquisizione da parte della Città, quando partì come pinacoteca urbana nella forma di ‘civica galleria’.

A inizio 2022 direttrice e capodicastero a rapporto

La Commissione – si legge nel rapporto – prende atto della “manifestata volontà di migliorare e chiarire l’azione sia nel proprio interno sia verso l’esterno”. Il punto sarà fatto nei primi mesi dell’anno prossimo quando direttrice e municipale capodicastero saranno ascoltati dalla Gestione per “verificare il lavoro sulle collezioni museali e sui restauri in corso a fini di conservazione a lungo termine”. Quanto a programmazione ed eventi la Gestione “mantiene l’occhio vigile su come l’Ente autonomo saprà fare luce sul proprio contesto operativo staccandosi dall’idea originaria di Civica galleria d’arte e imboccando altre vie, magari non condizionate dalla ristretta denominazione di Museo”. La via “potrebbe essere quella, già esplorata, di incrementare le collaborazioni con altre realtà analoghe. Di certo, la Villa e i suoi complementi logistici contingenti dovrebbero maggiormente assorbire le dinamiche degli eventi cittadini”. Come detto in apertura, aprire le porte. D’altronde il contributo globale annuo “ricalca quanto beneficiato finora dall’Ente per continuare il lavoro di conservazione del patrimonio artistico proprio, proseguire l’analisi di potenziamento del Museo dal punto di vista di visibilità e posizionamento e perseguire ulteriori traguardi positivi in termini di affluenze, visite e donazioni”. E proprio riguardo ai lasciti e a quanto accumulato in poco meno di cinquant’anni di esistenza, la Commissione chiede più attenzione circa la concreta valorizzazione e divulgazione del patrimonio che giace, forse dimenticato, in luoghi non accessibili alla collettività”. La quale “è la legittima titolare di questi preziosi averi affidatici”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona brenno martignoni polti commissione della gestione villa dei cedri
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved