ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
14 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
14 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
15 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
16 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
16 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
laR
 
10.12.2021 - 05:15
Aggiornamento: 19:32

Radiografia completa sulla parte bassa dei riali giubiaschesi

Guasta, Fossato e Vallascia a scadenze pluriennali esondano creando forti disagi nella zona abitata: il Municipio mira a studiare possibili rimedi

radiografia-completa-sulla-parte-bassa-dei-riali-giubiaschesi
Regione
Il muro della camera collassato il 7 agosto

Riali di Giubiasco, tutto a posto? Lo dirà lo studio idrologico che il Municipio di Bellinzona, in accordo con l’Ufficio cantonale dei corsi d’acqua, ha deciso di effettuare andando a verificare i tratti finali dei torrenti Guasta, Fossato e Vallascia fino all’immissione nel fiume Ticino. Lo spiega l’Esecutivo nel messaggio sottoposto con clausola d’urgenza al Consiglio comunale contenente la richiesta di credito di 250’000 franchi (al beneficio di sussidi cantonali fino al 60%) per il rifacimento del tratto d’argine del Fossato crollato durante il nubifragio del 7 agosto che ha danneggiato la Scuola dell’infanzia Palasio resa inagibile. “Gli interventi eseguiti durante l’ultimo decennio nella parte alta dei tre riali hanno evidenziato, con l’evento di agosto, la loro efficacia e verranno ovviamente considerati nello studio idrologico”, evidenzia l’Esecutivo. Obiettivo della verifica sarà “comprendere le problematiche idrologiche che possono verificarsi nella parte bassa in corrispondenza della zona abitata” nella quale vi sono anche infrastrutture pubbliche. In seguito “verranno studiati dei possibili rimedi per migliorare i punti critici nei tre corsi d’acqua”.

Palasio, il nuovo muro sarà più alto di un metro

Quanto alla parete collassata in corrispondenza della camera del comparto Palasio e della griglia dove ha inizio la parte sotterranea del Fossato, che prosegue intubato fino al riale Guasta, tre giorni dopo l’evento sono stati eseguiti dei lavori di messa in sicurezza provvisoria con la posa di blocchi in calcestruzzo; spesa 23mila franchi. Parallelamente uno studio d’ingegneria civile è stato incaricato di pianificare il ripristino dell’argine crollato; progetto ultimato in ottobre e condiviso con l’Ufficio corsi d’acqua che “ha sollecitato il Comune a procedere il prima possibile con i lavori”. Progetto e preventivo che il Municipio ha nel frattempo già sottoposto alla Commissione dell’edilizia, dalla quale è giunto preavviso favorevole. Pertanto a fine novembre sono iniziati i lavori per la realizzazione di un nuovo muro d’argine in calcestruzzo situato completamente fuori dal corso d’acqua; in questo modo sarà possibile evitare di demolire l’alveo in buono stato. Il nuovo argine sarà composto da un muro di sostegno in cemento armato col ‘piede’ rivolto verso il centro scolastico. L’interno del corso d’acqua verrà rivestito in pietra naturale mantenendo così la trama dell’argine esistente. L’estensione del nuovo muro sarà di 22 metri, mentre l’altezza rispetto all’interno della vasca varierà da 3,3 a 3,8 metri, ossia un metro in più di quello ceduto. Il raccordo col muro esistente verrà eseguito “in modo armonioso ed equilibrato”.

A Gudo necessaria una terza tappa

Altri 610mila franchi (di cui 340mila al beneficio di sussidi cantonali) serviranno a pagare l’importante lavoro di messa in sicurezza resosi necessario dopo i due crolli (scivolamento di roccia il 5 dicembre 2020 e colata detritica il 28 luglio 2021) verificatisi sulla collina di Gudo in zona Sasso Grande. Interventi protrattisi per più mesi quest’anno, a protezione della strada comunale e di alcune abitazioni. Oltre alle due fasi già realizzate resta ancora da eseguire l’intervento di consolidamento di due speroni di roccia secondari situati sul lato a est della parete interessata dal crollo del dicembre 2020. Le verifiche effettuate permettono di ritenere precaria la loro stabilità rendendo necessaria la realizzazione di due contrafforti di sostegno a partire dalla primavera 2022, il tutto completato de seminagione e rinverdimento della superficie del pendio scosceso e dallo spurgo puntuale dei detriti che, fino all’attecchimento della vegetazione, interesseranno la zona in occasione di nuovi eventi piovosi di una certa intensità. I barbacani saranno eseguiti in calcestruzzo armato e fissati mediante ancoraggi permanenti alla parete rocciosa. Da notare che essendo gli interventi principalmente volti a mettere in sicurezza la zona e ripristinare la situazione antecedente, non possono essere oggetto di prelievo dei contributi. Per contro la realizzazione dei due barbacani essendo un’opera di premunizione che va direttamente a beneficio di una delle abitazioni presenti, è “possibile applicare la procedura di prelievo dei contributi coinvolgendo la sola proprietà interessata”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved