Seattle Kraken
5
FLO Panthers
3
3. tempo
(0-1 : 3-2 : 2-0)
VAN Canucks
1
STL Blues
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
disagio-nelle-case-anziani-colloqui-con-tutti-i-dipendenti
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
9 min

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Ticino
9 min

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Mendrisiotto
9 min

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
7 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
10 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
10 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
10 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
10 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
10 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
Locarnese
10 ore

Locarnese, il premio Giovanna Dalcol a Formation Partage

L’Ong si occupa di progetti di formazione e di educazione in diversi Paesi dell’Africa francofona
Luganese
11 ore

Lugano, si adotti il label ‘VilleVerte Suisse’

Mozione dei Verdi chiede passi avanti: la certificazione avrebbe effetti benefici sul necessario aumento della biodiversità in città
Bellinzonese
11 ore

‘Contrastare il traffico parassitario’ a Monte Carasso

Il consigliere comunale di Bellinzona Luca Madonna torna alla carica sul problema irrisolto ormai da anni
Bellinzonese
12 ore

Ampio sostegno trasversale alla fusione nella Bassa Leventina

In un volantino un centinaio di persone e alcuni ‘tenori’ si schierano a favore dell’aggregazione
Locarnese
13 ore

Ascona, Antoinette al cinema Otello

Secondo appuntamento con il cineclub dell’Alliance française, martedì 25 e mercoledì 26 alle 18.15
Mendrisiotto
13 ore

‘30x30’, mostra collettiva alla Filanda di Mendrisio

Esposizione del Gruppo Acquarellisti Ticinesi fino al 30 gennaio per sottolineare il nuovo traguardo del sodalizio
Mendrisiotto
14 ore

‘Ri-pensare i confini’, a Mendrisio film sulle frontiere

Al via dal 26 gennaio un ciclo organizzato da Museo etnografico della Valle di Muggio e Cineclub
Bellinzonese
14 ore

Quartieri Bellinzona: avanti con 3 commissioni ma non in centro

Al via la pubblicazione per candidarsi a Monte Carasso, Sementina e Gudo: deciderà poi il Municipio chi incaricare
07.12.2021 - 12:420
Aggiornamento : 18:18

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale

Nei prossimi mesi tutti i 250 collaboratori delle tre case per la terza età dell’Istituto leventinese per anziani saranno sentiti dagli specialisti del Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale (Osc) a cui la Delegazione consortile ha deciso di affidare un audit esterno. Obiettivo: avere un quadro completo della situazione e permettere ai dipendenti di esprimere l’eventuale malessere che percepiscono nell’attività quotidiana per poi trovare soluzioni per risolvere i problemi, in modo che il clima di lavoro possa tornare sereno a beneficio di ospiti e dipendenti. Un malessere, come alcuni collaboratori avevano denunciato, legato soprattutto ai ritmi di lavoro irregolari e alle pressioni esercitate da alcuni superiori. «Vogliamo considerare questo periodo come un momento di crescita dell’Istituto, un’occasione per adeguarci alle nuove esigenze delle case anziani, con particolare riferimento al problema della carenza di personale dovuta alle nuove competenze legate alle cure medico e infermieristiche che anche nelle case per la terza età è necessario disporre». È l’auspicio del presidente della Delegazione consortile Marzio Eusebio. I colloqui individuali, nel rispetto dell’anonimato, prenderanno il via all’inizio del prossimo anno e si protrarranno per alcuni mesi. Verranno sentiti tutti i dipendenti, compresi i quadri, delle tre strutture – la Santa Croce di Faido, la Elena Celio di Giornico e la Prà Verde di Prato Leventina – e una volta raccolte le informazioni si cercheranno i correttivi necessari da adottare affinché i collaboratori possano svolgere in futuro il loro lavoro nelle migliori condizioni. Come fa notare alla ‘Regione’ il direttore Giulio Allidi, negli ultimi tempi sono già stati messi in atto degli interventi sul corto termine, in particolare con momenti formativi sulla leadership per le figure responsabili. In previsione vi è anche una formazione mirata con uno specialista interno rivolta ai terapisti, sarà inoltre analizzato il reparto protetto Alzheimer con una geriatra, in modo da identificare se ci siano eventuali adattamenti e modifiche da apportare nell’approccio attuale verso i residenti secondo l’evoluzione dei loro bisogni.

I sindacati: ‘Soluzione migliore, spesso il lavoro della Osc è molto risolutivo’

«Riteniamo che sia la soluzione migliore – afferma contattato dalla ‘Regione’ Stefano Testa del sindacato Vpod –. La richiesta di affidare un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro cantonale è stata avanzata all’interno gruppo di lavoro dai sindacati e della Commissione del personale, trovando d’accordo la direzione e la Delegazione consortile. Vpod ripone molta fiducia nel lavoro della Osc. In passato, confrontati con altre situazioni, abbiamo infatti visto che sa spesso essere molto risolutivo».

Le misure adottate, precisa Testa, sono di fatto due: oltre all’audit esterno è stato creato anche un gruppo di ascolto e di sostegno (di cui fanno parte due membri della Delegazione consortile, una persona impiegata dalla casa per anziani rappresentante dei dipendenti e il presidente della Commissione interna del personale). «Gruppo che accompagnerà la fase dei colloqui con tutti i dipendenti fino al rapporto conclusivo, con lo scopo di gestire eventuali discussioni o altre criticità».

‘Non tollereremo più nessun tipo di sopruso’

Stefano Testa è dunque soddisfatto per «la volontà del datore di lavoro di voler risolvere la situazione e non insabbiare», ma tiene a far passare un concetto: «L’ho detto duramente durante l’assemblea: come V-Pod siamo stati molto collaborativi e continuiamo a esserlo, ma non tollereremo più nessun tipo di sopruso, maleducazione o violenza verbale nei confronti del personale». Il sindacalista sottolinea poi le preoccupazioni della Delegazione consortile per una situazione già resa complicata a causa della pressione che il Covid-19 mette sul personale. «Il vero problema è che oggigiorno, alla luce della pandemia, il finanziamento cantonale delle strutture per anziani è sottodimensionato in maniera importante. Gli strumenti di calcolo delle risorse finanziarie, anche nell’ottica di nuove assunzioni, sono superati dagli eventi. Deve dunque essere velocizzata la possibilità di un sostegno maggiore».

‘Trasparenza e volontà di affrontare il problema’

Anche Roberto Cefis, sindacalista Ocst, si dice soddisfatto dell’esito dell’assemblea, riconoscendo «l’ottima collaborazione» della Delegazione consortile e della direzione. «Hanno capito il problema. È stata fatta un’esposizione della situazione molto trasparente e il personale è apparso soddisfatto. A mio modo di vedere l’audit esterno è la soluzione migliore per permettere ai dipendenti di esprimere il loro pensiero, peraltro in maniera totalmente anonima». Una volta conclusa l’indagine, spiega ancora Cefis, ci saranno tutti gli elementi per effettuare «una valutazione concreta e scientifica della situazione, in maniera tale da prendere, se del caso, i provvedimenti necessari».

Il periodo necessario per l’audit (si parla di 3-4 mesi) «può sembrare molto lungo, ma questa tempistica è dovuta all’intenzione di sentire tutti i collaboratori, non solo la componente infermieristica», sottolinea Cefis. Alla scelta dell’audit si è giunti anche a seguito dell’indagine interna avviata dalla Commissione del personale. «È stata una raccolta di dati poi sottoposta alla direzione e alla delegazione in forma anonima. Ieri sera i vertici hanno esposto in maniera dettagliata le suggestioni ricevute, dimostrando trasparenza sulla tematica e la volontà di voler affrontare il problema. E come sindacalista sono contento perché questo non capita sempre».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved