KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
2
3 set
(3-6 : 2-6 : 1-1)
niente-licenza-edilizia-per-l-antenna-sul-pizzo-campo-tencia
La società ginevrina McKay Brothers intendeva installare un’antenna radio direzionale al fine di migliorare il proprio servizio di trasmissione dati fra le Borse europee
26.11.2021 - 15:540
Aggiornamento : 16:57

Niente licenza edilizia per l’antenna sul Pizzo Campo Tencia

Il Comune di Faido non la rilascerà tenuto conto del preavviso negativo del Dipartimento del territorio

È negativo il preavviso del Cantone in merito al progetto per l’installazione da parte della società ginevrina McKay Brothers di un’antenna radio direzionale di 13 metri a cavallo di Leventina e Lavizzara – fra il Pizzo Penca e il Pizzo Campo Tencia a circa 3’000 metri di altitudine – al fine di migliorare il proprio servizio di trasmissione dati fra le Borse europee. Come comunica la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio (SL-FP), il parere negativo del Dipartimento del territorio (Dt) è stato comunicato nei giorni scorsi dal Comune di Faido (notizia confermata alla ‘Regione’ dal sindaco Corrado Nastasi). Una decisione, quella del Dt, che è infatti vincolante per il rilascio della licenza edilizia da parte dell’ente locale della Bassa Leventina ed è basata sul preavviso negativo formulato dalla Commissione federale natura e paesaggio alla quale l’Ufficio cantonale della natura e paesaggio aveva sottoposto la domanda di costruzione. La Commissione ha concluso che la “prevista infrastruttura non sia compatibile con il paesaggio intatto delle creste del massiccio di Tencia”, indica nel comunicato stampa la SL-FP, che esulta per quello che reputa “un successo per la tutela del paesaggio”.

Contro la costruzione, prevista in una zona non edificabile, erano state inoltrate opposizioni al Municipio di Faido da parte della stessa SL-FP, unitamente a Comune di Lavizzara, Patriziato di Prato Vallemaggia, Club alpino svizzero, Wwf e Pro Natura. Tramite un’interpellanza, anche il gruppo del Ppd in Gran Consiglio aveva chiesto lumi al Consiglio di Stato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved