ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
6 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
6 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
6 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
8 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
8 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
9 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
9 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
10 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
23.11.2021 - 21:41
Aggiornamento: 21:57

Ridotta la pena all’autore dei botti, uscirà presto dal carcere

Come chiesto dalla difesa, la Carp ha abbandonato i capi d’imputazione riferiti alle esplosioni riconoscendo una violazione del principio ‘ne bis in idem’

ridotta-la-pena-all-autore-dei-botti-uscira-presto-dal-carcere
(Ti-Press)

Non tre anni e mezzo di carcere come sancito in primo grado bensì due, sospesi, per consentirgli di far fronte alla sua turba psichica in una struttura specializzata. La Corte di appello e di revisione penale (Carp) di Locarno ha ridotto la pena nei confronti del 22enne di Bellinzona responsabile, singolarmente e in correità con terze persone, dei botti notturni tra il gennaio del 2019 e il marzo del 2020, compresa l’esplosione alle Scuole Sud di Bellinzona del febbraio 2020 quando non era tuttavia stato lui l’autore materiale della deflagrazione ma l’amico al quale aveva affidato il potente ordigno artigianale da lui assemblato. Dietro le sbarre dal marzo 2020, alla luce della sentenza odierna della Carp il 22enne dovrebbe essere presto trasferito in un apposito centro per seguire la cosiddetta misura per giovani adulti.

Sul conto del 22enne la Carp ha confermato il reato di delitto contro la Legge federale sugli esplosivi (per avere importato e confezionato illegalmente almeno 26 petardi che poi smontava per estrarre la polvere pirica e confezionare ordigni più grandi) unitamente a quello di ripetuto danneggiamento e quello di fabbricazione, occultamento e trasporto di materie esplosive. Sono invece caduti i capi d’imputazione riferiti alle deflegrazioni, nello specifico il reato di uso delittuoso di materie esplosive. C’è infatti stato l’abbandono, e di conseguenza il proscioglimento, per tutti i sei episodi. In questo senso la Corte presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will ha accolto la richiesta dell’avvocato difensore Niccolò Giovanettina il quale in apertura del processo bis aveva sollevato una questione pregiudiziale. Il legale aveva portato all’attenzione della Carp quella da lui ritenuta una violazione del cosiddetto principio ‘ne bis in idem’ da parte della Corte delle assise. Nell’atto d’accusa la procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis (battutasi per una conferma della sentenza pronunciata in primo grado) chiedeva la condanna per uso delittuoso di materie esplosive. Subordinatamente, chiedeva l’uso colposo. In prima istanza la Corte delle assise aveva optato per l’uso delittuoso, prosciogliendo il giovane dell’uso colposo. Così facendo, spiega da noi contattato un evidentemente soddisfatto Niccolò Giovanettina, è stato violato il principio svizzero che non permette di condannare e assolvere (e quindi giudicare una persona due volte) per lo stesso fatto. Una violazione formale ravvisata dalla Carp, che non è dunque nemmeno entrata nel merito dell’analisi dei fatti e ha di conseguenza prosciolto il giovane dai reati riferiti alle esplosioni. Ricordiamo che il giovane ha ammesso di essere l’autore materiale dei botti notturni in zona Golena a Giubiasco, sostenendo però che non era d’accordo con il complice (condannato a 16 mesi sospesi) sul fatto di far esplodere il sesto ordigno alle Scuole Sud.

A differenza del processo in prima istanza, il 22enne è stato prosciolto anche dal reato di discriminazione e incitamento all’odio per avere indossato un costume dell’esercito militare tedesco con svastiche al Carnevale di Bellinzona: per la Carp la volontà non era quello di propagare un’ideologia nazista.

Leggi anche:

Esplosione nella notte alle Scuole Sud di Bellinzona

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved