GIRON M. (USA)
NADAL R. (ESP)
04:50
 
balzello-rifiuti-cosi-non-va-critico-il-ppd-di-bellinzona
Rifiuti, spese e tasse: il tema scalda gli animi a Palazzo Civico (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
10 ore

Assemblea generale alla Domus Poetica

L’incontro è previsto giovedì 27 gennaio nella sede di Bellinzona
Ticino
10 ore

Livelli alle medie, Vpod pronta a iniziativa per eliminarli

Il sindacato dei docenti chiede al Gran Consiglio di rifiutare lo stralcio della spesa inserita nel Preventivo 2022
Bellinzonese
11 ore

Frontale a Cadenazzo, strada bloccata

Traffico fortemente congestionato sul Piano di Magadino a causa di un incidente
Ticino
11 ore

Offerta Trenord-Tilo ridotta almeno per un’altra settimana

Le assenze di macchinisti e capitreno a causa della pandemia si fanno ancora sentire. Soppresse anche tutte le linee notturne
Mendrisiotto
11 ore

Opere d’arte per i campus di Mendrisio e Viganello

Il concorso ha premiato Davide Cascio e Adriana Beretta. Le opere saranno inaugurate nel corso del prossimo autunno
Mendrisiotto
12 ore

Riva, annullata la Sagra del Beato Manfredo

L’evento era in programma il 30 gennaio. Lo ha deciso il Municipio considerato l’evolversi della situazione pandemica
Bellinzonese
12 ore

‘Trasporti pubblici gratuiti per giovani e anziani’

A proporlo con una mozione è il consigliere comunale Ppd di Bellinzona Pietro Ghisletta
Mendrisiotto
13 ore

Castel San Pietro ha 43 abitanti in più

Il saldo migratorio di +47 ha compensato il saldo naturale di -4. Ad aumentare maggiormente sono stati i ticinesi
Mendrisiotto
13 ore

Solidarit’eau, il sostegno di Stabio va all’Uganda

Comune e Aziende municipalizzate hanno deciso di devolvere il contributo all’Associazione SwissLimbs
Bellinzonese
14 ore

Il grande nord in un documentario

Appuntamento sabato 22 gennaio alle 20.30 al Cinema Leventina di Airolo
Mendrisiotto
14 ore

Riri sempre più polo dedicato agli accessori di lusso

La società di Mendrisio ha acquisito l’azienda toscana Dmc, specializzata nei componenti metallici per l’alta moda
Bellinzonese
14 ore

Riprendono gli spettacoli di Minimusica

Primo appuntamento mercoledì 19 gennaio all’oratorio parrocchiale di Salita alla Motta a Bellinzona
Luganese
14 ore

Quando il robot te lo costruisci tu

Dal 5 febbraio a Lugano corsi per bambini dai 9 agli 11 anni promossi dall’associazione Robo-Si
23.11.2021 - 11:560
Aggiornamento : 16:27

‘Balzello rifiuti, così non va’: critico il Ppd di Bellinzona

Il gruppo in Cc chiede di congelare l’aumento per le persone fisiche fino a una revisione globale del regolamento. Finanze: sollecitato un pre-Consuntivo

a cura de laRegione

Al gruppo Ppd in Consiglio comunale a Bellinzona va di traverso il Preventivo 2022 elaborato dal Municipio con un disavanzo di 3,45 milioni. E formula tre richieste, di cui una inerente ai rincari nella raccolta rifiuti a cominciare dall’aumento dagli attuali 80 a 150 franchi, a partire dal prossimo gennaio, della tassa base per tutte le economie domestiche, siano esse formate da una o più persone; cui si aggiunge l’eliminazione del sussidio per i sacchi della plastica (il rotolo da 10 passerà da 21,50 a 25 franchi) e il rincaro della tessera per la raccolta del verde. Il gruppo, coordinato da Paolo Locatelli, chiederà pertanto di “inserire nel dibattito in Cc sul P22 la possibilità di emendare tutti gli aumenti sulle tasse rifiuti” lasciando invariati gli importi validi nell’anno corrente e “rimandando il dibattito alla presentazione di un messaggio municipale inerente la revisione completa del Regolamento comunale rifiuti”, revisione che dovrebbe includere – stando a quanto annunciato dal Municipio – anche una revisione della tassa base per le economie domestiche, ma non è ben chiaro (l’Esecutivo non è unanime) se da applicare già per il 2022 o da rinviare al 2023. Una revisione che il Ppd sollecita “in tempi brevi, che sappia tenere conto di tutti gli elementi della complessa gestione dei rifiuti, ovvero costi, differenziazioni tra economie domestiche, persone giuridiche, trattamento della plastica e dei rifiuti vegetali”.

‘Più convinzione nella revisione della spesa’

Riguardo ai principali temi contenuti nel P22, il gruppo Ppd chiede anche la presentazione – prima del dibattito in agenda il 20-21 dicembre – di un pre-Consuntivo 2021 e, sulla base di esso, la ponderazione delle previsioni di gettito fiscale. Inoltre i popolari-democratici sollecitano il Municipio “a procedere con maggior convinzione e concretezza con la revisione della spesa per evitare una repentina erosione del capitale proprio e un aumento del moltiplicatore, dinamica da noi considerata come ultima ratio”. Infatti il Ppd ritiene che il P22 porti con sé “un grosso difetto d’impostazione: dice poco o nulla su dove la Città sta andando finanziariamente”. In particolare oltre a “due indirizzi politici condivisibili, come il mantenimento del livello degli investimenti a 25 milioni annui e l’inopportunità di incidere sul moltiplicatore d’imposta in questa fase post pandemica”, il messaggio contiene “almeno tre elementi che rendono l’esercizio contabile politicamente deludente”: appunto “una valutazione del gettito fiscale che lascia alcune perplessità, la modestia delle misure di contenimento strutturale della spesa e l’aumento non calibrato delle tasse sui rifiuti”. Sul gettito fiscale la previsione “è molto incerta ed è dovuta alla pandemia i cui reali effetti sui redditi dei cittadini e sull’economia in generale sono ancora tutti da verificare. Riteniamo fondamentale prestare la dovuta attenzione ai dati forniti dal Cantone che ha recentemente corretto in positivo le previsioni dei gettiti fiscali delle persone fisiche e giuridiche. Dati questi, naturalmente, non richiamati nel preventivo 2022”. Da qui la necessità di presentare in tempi stretti un pre-Consuntivo 2021.

‘Andare oltre la cosmesi’

Capitolo spending rewiew: salvo “cosmesi di carattere contabili, collaboratori non sostituiti e alcune scelte semplici da adottare, non si trova evidenza della capacità di procedere a un reale esercizio di contenimento della spesa duraturo”. Dopo un anno e mezzo di analisi sulle possibilità di incidere sulla spesa, “si giunge al P22 con indirizzi complessivamente deboli se non, spesso, procrastinati nel tempo. Troppo poco”. Quindi i rifiuti: “Etichettandola come misura ineludibile dal rispetto di leggi cantonali e federali con un pareggio costi/ricavi senza incidere sul moltiplicatore d’imposta, il Municipio introduce impopolari e socialmente iniqui balzelli dalla portata di circa 1,8 milioni nel capitolo introduttivo ‘Equilibrio finanziario’. Utilizzare prosaicamente delle nuove tasse sui rifiuti, percepite dai cittadini come un abbellimento contabile del P22 a spese loro, non risponde alle responsabilità politiche. Non piace dunque la modalità del ‘salire le scale partendo dallo scalino più alto’, ovvero aumentare in modo indiscriminato alle persone fisiche la tassa base rifiuti sino al valore massimo consentito dal vigente regolamento (da 80 a 150) e poi solo dopo mettere mano a un nuovo regolamento con l’obiettivo di migliorarlo, adeguandolo con chiari indirizzi sociali e comprendendo le attività produttive ed economiche”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved