ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

Nell’hangar di Agno ‘non c’è presenza di amianto’

Lo spiega il Municipio di Lugano, interrogato da Sara Beretta Piccoli. La struttura è stata oggetto di perizia nel 2014.
Locarnese
5 min

Pranzo e tombola Atte ogni giovedì

Proseguono gli appuntamenti proposti dall’Associazione ticinese terza età, che propone anche gite e corsi di interesse vario per le persone in Avs
Locarnese
10 min

Fescta di castegn in quel di Vairano

Domenica 9 ottobre il bar sarà in funzione dalle 11. Alle 12.15 maccheronata e dalle 13.30 castagne, vermicelles e dolci fatti in casa
Locarnese
13 min

Visita alla scoperta della Collezione Ghisla

Un tour condotto dal proprietario in persona è in programma domenica 9 ottobre, alle 16. Visitabile la mostra temporanea d’autunno di Andrea Mariconti
Locarnese
18 min

Moghegno, castagne... a tutta birra

Sabato 8 ottobre verrà presentata, alle 11.30, la “Bira di Baröi”. Da mezzogiorno grigliata, musica con i Trii Bütt, giochi in piazza e tanto altro
Locarnese
27 min

Castagnata con la Pro Minusio in zona Rivapiana-Portigon

Le caldarroste saranno distribuite dalle 15 e ad allietare la manifestazione (che sarà annullata in caso di cattivo tempo) vi sarà un gruppo musicale.
Locarnese
33 min

Essere adolescenti nell’epoca della fragilità adulta

La clinica Santa Croce di Orselina propone una conferenza sul tema giovedì 13 ottobre dalle 18 nella Sala dei congressi di Muralto
Locarnese
48 min

‘Ascona è un Comune ricco, abbassiamo il moltiplicatore’

Lo chiede, per andare incontro ai cittadini già confrontati con crisi energetica e aumento dei premi delle casse malati, il gruppo Lega/Udc/Indipendenti
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, la Giornata internazionale della salute mentale

In vista del 10 ottobre, arriva la presa di posizione congiunta di Supsi, Osc, Pro Mente Sana e Club ’74
Ticino
1 ora

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Mendrisiotto
1 ora

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
3 ore

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
18.11.2021 - 16:55

Corrieri di Smood: Unia chiede condizioni di lavoro migliori

Azione di sensibilizzazione del sindacato a Sant’Antonino. Migros Ticino collabora con l’azienda, ma auspica un contratto collettivo in tempi brevi

corrieri-di-smood-unia-chiede-condizioni-di-lavoro-migliori
Ti-Press/Golay
Il volantinaggio di Unia davanti alla Migros di Sant’Antonino

Il malcontento dei ‘driver’ di Smood sta crescendo in tutta la Svizzera a causa di condizioni di lavoro ritenute inadeguate. Oggi, 18 novembre, il sindacato Unia ha quindi organizzato un’azione di volantinaggio per evidenziare queste problematiche in tutta la Confederazione. In Ticino l’azione di sensibilizzazione è avvenuta a Sant’Antonino, all’esterno della Migros, che collabora con Smood. L’obiettivo di Unia è, da un lato, sensibilizzare la popolazione su questa tematica e dall’altro cercare di indurre Migros a fare pressione sull’azienda di ‘delivery’, affinché si risolva questa situazione. Da parte sua Luca Corti, responsabile del servizio comunicazione di Migros Ticino, da noi raggiunto, sottolinea che “l’azienda per il tramite dei colleghi della Cooperativa Migros Ginevra [che è azionista di minoranza di Smood, ndr] ha verificato le condizioni di lavoro che Smood offre ai suoi collaboratori. Ci risulta siano corrette, tuttavia abbiamo chiesto che queste vengano formalizzate nel quadro di un contratto collettivo. Verificheremo che ciò avvenga in tempi stretti: in qualità di azienda responsabile, Migros Ticino lavora solo con imprese che operano rispettando determinati standard sociali e ambientali”.

‘Malcontento diffuso anche in Ticino’

Smood è un’azienda che consegna a domicilio pasti provenienti da ristoranti della regione o la spesa. Per farlo impiega dei corrieri, i cosiddetti ‘driver’. Questi ultimi sottostanno tuttavia a condizioni di lavoro di certo non ottimali, tanto da indurli a scioperare: in Romandia le proteste sono iniziate a Yverdon lo scorso 2 novembre. Proteste che nelle ultime due settimane hanno coinvolto altre località della Svizzera francese. «In Ticino i corrieri di Smood (circa 45) condividono le stesse preoccupazioni che ci sono nel resto della Svizzera», afferma a ‘laRegione’ Chiara Landi di Unia. A far crescere questo «malcontento diffuso» sono in particolare «ore di lavoro non pagate, rimborsi spese insufficienti, cambi turno costanti, una ripartizione delle mance non trasparente e un sistema di penalità da noi ritenuto abusivo che viene utilizzato per mettere pressione ai ‘driver’», spiega la sindacalista. ‘Driver’ che «utilizzano i loro veicoli privati per effettuare le consegne». Il problema è che percepiscono «rimborsi minimi che non sono sufficienti a coprire i costi, come quelli dell’assicurazione o del carburante». Inoltre, «la pianificazione del lavoro viene definita ‘disumana’ dagli stessi collaboratori, visto che viene modificata all’ultimo minuto a seconda delle esigenze dell’azienda». E ancora: «Con le evidenze in nostro possesso possiamo dire che i corrieri non ricevono tutte le mance lasciate loro dai clienti». Non da ultimo vengono applicate «penalità salariali in caso di ritardo nella consegna, anche se ciò non dipende dal corriere (come il traffico)». In Ticino non si parla ancora di sciopero, ma «non possiamo escludere che ci possa essere qualche reazione, visto che le problematiche sono condivise».

A ciò si aggiunge poi il fatto che Smood sembra non voler discutere con Unia: «Da subito – prosegue Landi – abbiamo sollecitato Smood affinché si sedesse al tavolo con noi per discutere di queste problematiche. Tuttavia, l’azienda si è rifiutata anche solo di risponderci. Per questa ragione abbiamo deciso di organizzare questa azione di sensibilizzazione in tutta la Svizzera». La sindacalista ricorda che nella Confederazione vige la libertà sindacale e che quindi non si possono ignorare le rivendicazioni dei lavoratori che hanno scelto di farsi rappresentare da Unia. Il sindacato ha inoltre lanciato una petizione: firmandola si appoggiano le richieste del personale di Smood (ovvero che il salario, i rimborsi e gli orari di lavoro siano stabiliti in modo corretto) e si chiede all’azienda di sedersi al tavolo delle trattative con Unia.

‘Negoziati costruttivi e prossimi alla conclusione’ con syndicom

Va detto che vi è un altro sindacato coinvolto in questa storia: syndicom sta infatti negoziando dallo scorso gennaio con Smood per concludere un contratto collettivo di lavoro. Un “dialogo costruttivo” che Migros Ticino “saluta con gioia”. “Questa discussione – rileva Luca Corti – è stata fortemente incoraggiata da Migros e i negoziati si sono rivelati molto costruttivi e sono prossimi alla conclusione, il che è un’ottima notizia per tutti”. Inoltre, “queste conversazioni dimostrano che Migros ha saputo assumersi il proprio ruolo e le proprie responsabilità con la serietà richiesta in un contesto, quello dell’home delivery, che è molto competitivo anche alle nostre latitudini”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved