a-dieci-anni-dall-attentato-risollevarsi-per-guardare-avanti
Ti-Press
Morena Pedruzzi con alcune copie del suo libro
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
13 sec

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
4 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
13 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
14 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
14 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
14 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
14 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
14 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
15 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
15 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
15 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
15 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
16 ore

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
16 ore

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Locarnese
16 ore

Locarno, il valore economico della competenza linguistica

Alla Biblioteca cantonale martedì prossimo un incontro sull’importanza della lingua
Mendrisiotto
16 ore

Riva e le aree a lago, la pianificazione è un ‘tema prioritario’

Lo spiega il Municipio, sollecitato da un’interpellanza. Verrà organizzata una serata pubblica per presentare la variante pianificatoria
Locarnese
16 ore

Maggia, lunedì l’Assembla della Parrocchia

Ritrovo alle 20, nella sala della Fondazione San Maurizio
Bellinzonese
16 ore

Bellinzona, prime misure per la riorganizzazione della scuola

La nomina di 3 vicedirettori e la prevista figura di un responsabile generale segue l’obiettivo di sgravare i direttori d’area dalla parte amministrativa
Ticino
16 ore

Attenzione alla ‘pioggia’ di multe: ecco dove saranno i radar

Come ogni venerdì, la Polizia cantonale comunica l’elenco dei comuni oggetto la prossima settimana dei controlli elettronici della velocità
Grigioni
16 ore

Utile milionario per il Comune di Grono

Il Consuntivo 2021 passa da una prevista perdita di 220mila franchi a un avanzo d’esercizio di 928mila, grazie in particolare a maggiori entrate fiscali
Bellinzonese
16 ore

Bellinzona, yoga al castello Montebello con i Verdi

Appuntamento per domenica 26 giugno dalle 10 alle 11 nel prato interno
Locarnese
16 ore

Rinnovo funivie nelle Centovalli: tempistica e costi

Interrogazione al Municipio sul maxiprogetto da 11,7 milioni di franchi da parte del consigliere Stefan Früh
Mendrisiotto
16 ore

C’è anche Vacallo: via libera al Consorzio idrico

Dopo Chiasso, Morbio Inferiore e Balerna, è arrivato il quarto e ultimo sì alla costituzione del servizio idrico del Basso Mendrisiotto
Bellinzonese
16 ore

Mercato sul passo del Lucomagno

Domenica 26 giugno dalle 10 alle 16 si potranno trovare specialità montane e dell’alpe
Bellinzonese
16 ore

Galleria del Gottardo chiusa per incidente con feriti

Le collisioni intorno alle 14.15 nella parte urana del traforo. Tunnel chiuso fino a nuovo avviso
Locarnese
16 ore

Brissago, tiro in campagna e obbligatorio

Il programma si svolgerà allo stand di Piodina
Bellinzonese
16 ore

Inaugurazione della capanna Gesero alla Biscia

Appuntamento per sabato 2 luglio
Locarnese
17 ore

Verzasca, inaugurazione della Capanna Efra

La Società escursionistica verzaschese organizza una giornata speciale
18.11.2021 - 05:30
Aggiornamento : 16:36

A dieci anni dall’attentato risollevarsi per guardare avanti

Morena Pedruzzi, unica sopravvissuta ticinese, rompe il silenzio e in un libro racconta di come quella bomba a Marrakech le abbia cambiato la vita

Dondolare avanti e indietro su un’altalena scrutando l’orizzonte. Oscillare, cercando di mantenere l’equilibrio e allo stesso tempo quello sguardo ludico che i bambini hanno sul mondo. “Risollevarsi – La mia vita dopo un attentato terroristico” (Istituto editoriale ticinese) è il libro fresco di stampa scritto da Morena Pedruzzi, che a dieci anni dalla bomba esplosa al caffè Argana di Marrakech decide di rompere il silenzio e raccontare la sua storia e il suo percorso di guarigione. La ragazza ritratta di spalle in copertina è proprio Morena, l’altalena è anche simbolica e richiama in lei l’equilibrio: “È qualcosa che ha a che fare con lo stare interi, senza perdersi, senza andare in mille pezzi. L’equilibrio è proteggersi quando si cade e sapersi rialzare dopo una caduta. Ed è avere qualcuno che ti aiuta a rialzarti”. Un percorso di sofferenza e ricostruzione iniziato subito dopo quel 28 aprile 2011, quando nell’attentato terroristico al caffè Argana di Marrakech persero la vita 17 persone e 25 rimasero ferite. Fra le vittime dell’esplosione c’erano anche tre giovani del Bellinzonese recatisi in Marocco per una vacanza, Corrado ‘Mondo’ Mondada, Cristina ‘Chichi’ Caccia e André Da Silva Costa. Morena ‘Nena’, quarta componente del gruppo si salvò, ma riportò gravi ferite. Nella narrazione l’autrice ricostruisce la vacanza in Marocco con i suoi amici, l’irruzione della violenza nelle loro vite e il lento percorso delle cure in un cammino di ricostruzione di sé per tornare a una sorta di normalità.

Prima e dopo

Una quotidianità oggi comunque diversa perché quanto accaduto ha trasformato Morena in molti aspetti: «Diciamo che questa storia mi ha cambiato un po’ in tutto: nel lavoro, nelle relazioni, in famiglia». La sua voce è calma e prima di aggiungere qualcosa le sue labbra si increspano in un sorriso: «Mi piace pensare che quello che sono adesso è anche dovuto a quello che mi è successo e quindi se sono un po’ più morbida e disponibile all’ascolto, più delicata nelle situazioni, è anche dovuto a quello che ho passato». Uno spirito costruttivo il suo, quello di chi vuole vedere gli aspetti positivi senza concedere troppo spazio al rammarico. «Poi è chiaro, ogni tanto ci sono delle notti in cui non dormo e talvolta ho dei dolori che mi impediscono di fare qualsiasi cosa e mi impongono di riposare – ci confida facendosi più seria – ma non voglio mettere l’accento su questo, anche perché ritengo che il dolore faccia parte della vita». E Morena ha voluto affrontare questo dolore racchiudendone una parte nella sua pubblicazione. «Questo libro è nato dentro di me, in questi anni ho sempre scritto» e lo ha fatto da subito, già dal letto di ospedale. All’inizio era faticoso, aveva le braccia completamente bendate per le ustioni. Ma lei sentiva forte il bisogno di annotare dei ricordi della vacanza in Marocco che non voleva perdere ma fissare per sempre nella memoria. Con questo libro Morena dice di voler chiudere un cerchio: «Ma mi sono resa conto che forse non l’ho chiuso solo io ma diverse persone che dopo l’attentato avevano bisogno di conoscere vari aspetti e dettagli». Il libro ha infatti suscitato grandissimo interesse in Ticino, è andato a ruba e a dieci giorni dalla sua uscita si è già resa necessaria una seconda ristampa.

Il riscontro del pubblico e delle famiglie

«È sorprendente questo riscontro, non me lo aspettavo», ci dice con un luccichio negli occhi ed emozione palpabile. Negli scorsi giorni, al primo appuntamento per il primo firmacopie alla libreria Casagrande di Bellinzona, sono accorsi in moltissimi a incontrare l’autrice. «C’era chi è venuto per una dedica, chi solo per salutarmi e chi per vedere con i propri occhi se davvero stessi bene e tutto questo per me è stato un grandissimo regalo da parte di tantissime persone». I primi a essere informati sul progetto di scrivere un libro sono state le famiglie di ‘Chichi’, ‘Mondo’ e André, e sono stati anche i primi a leggere i capitoli che concernevano i loro figli. «Ho avuto modo di parlare un po’ con tutti loro e dai riscontri posso dire che lo hanno recepito in maniera positiva». Per Morena il parere dei genitori dei suoi amici è stato molto importante: «A loro ho sempre detto che potevano dirmi tutto quello che pensavano riguardo a quanto ho scritto, sui loro figli e sulla storia in generale. Da loro avrei accettato qualsiasi critica, per me la cosa più importante era non farli star male in nessun modo, perché hanno già vissuto la sofferenza più grande che si possa immaginare», ci spiega Morena con profondo rispetto verso le tre famiglie. «Mi hanno anche detto ‘come sei coraggiosa a esporti così tanto’. E forse fino all’ultimo non ho capito quanto mi stessi esponendo, fino a quando non è uscito il libro».

‘Nessun risarcimento è possibile’

Nel libro Morena non spende molte parole sugli attentatori: «Non ne parlo mai proprio perché non voglio sprecare il mio tempo a parlare di questo. Semmai, voglio affrontare temi che possano dare forza». Per certe vittime diventa importante ottenere giustizia e il processo è un momento cruciale. Nel suo caso però no, il processo non lo ha seguito, anche perché in quel periodo le sue energie fisiche e mentali erano assorbite da altro. Sapere che gli autori dell’attentato sono stati condannati non ha fatto sentire meglio Morena: non c’era per lei un risarcimento che avrebbe potuto darle sollievo, le hanno tolto così tanto che nessun tipo di condanna avrebbe potuto ridarle ciò che le era stato tolto.

Trovare la forza

Nei momenti più duri quale àncora di salvezza ha trovato Morena a cui aggrapparsi per tenere duro e andare avanti? Ci guarda, poi sposta lo sguardo, sospira e ci pensa un attimo. «Diversi pensieri mi hanno dato una spinta. Il primo sicuramente è stato il mio lavoro, perché per me ritrovarmi in un letto di ospedale senza poter tornare la settimana dopo dai bambini che stavo seguendo e dalle loro famiglie è stato veramente durissimo», ci dice ricordando quei momenti difficili e la pausa forzata dalla sua professione di ergoterapista pediatrica. «Continuavo a dirmi che dovevo rimettermi in fretta per tornare da loro. Ciò che ovviamente non è avvenuto perché quando sono tornata al lavoro quei bambini erano cresciuti e ne ho seguiti altri». Altro appiglio importante è stato la famiglia: «Anche per loro dovevo farmi forza e non buttarmi giù. Non potevo vedere mia mamma e mio papà così tristi e mio fratello maggiore doversi occupare di noi tre». Marcello, il fratello appunto, è stato una figura chiave per tutta la famiglia, con la sua calma e pacatezza ha saputo essere un punto di riferimento importante e presente. Per i genitori di Morena, vederla in condizioni così critiche è stato durissimo: «Erano disperati – ci dice facendo una pausa – dicevano ‘come è possibile, cosa ti hanno fatto?’. Per loro è stato un colpo al cuore e penso che hanno sofferto più di me». Ora, ci dice Morena tornando serena, stanno bene, nonostante questa storia abbia segnato anche loro.

La solidarietà e la musica

A darle forza ci sono poi state tutte le persone che le hanno scritto sostenendola in vari modi: «Inviando scritti e regali, amici e persone fino ad allora sconosciute mi hanno dato una spinta grandissima. Per me è stato fondamentale, senza questo affetto sarebbe stato molto difficile», e ce lo dice con un tale sorriso che non può che essere così. Anche la musica è stata molto importante, Morena nel tempo libero continua a suonare la tromba nella Carnasc Band di Cadenazzo e nella Filarmonica Faidese. «La musica mi fa bene, come anche ascoltare Vasco e altri artisti che mi hanno risollevato nei momenti duri». E poi c’è la componente sociale: «Si sta insieme non solo per suonare ma si condividono le trasferte, le uscite, le esperienze... in questi gruppi non professionisti la cosa più importante è divertirsi», ci dice raggiante. Nel suo libro Morena narra un aneddoto curioso, nel libretto dei testi dell’album live ‘Vasco live Kom 011: The complete edition’ in una foto che ritrae la platea con i tantissimi fan si intravede uno striscione bianco con scritti in nero i nomi Mondo-Kiki-André-Nena e in rosso la frase ‘in ricordo’. Il tutto dentro un grande cuore. «Non so chi lo abbia scritto, quello striscione rimane un mistero. So che Mondo aveva una compagnia di amici in Italia con cui andava a sentire i concerti di Vasco. Magari grazie al libro qualcuno si farà avanti».

Incontri con l’autrice

La prima presentazione pubblica di “Risollevarsi – La mia vita dopo un attentato terroristico” di Morena Pedruzzi avrà luogo sabato 27 novembre alle 17 a Faido, nell’aula magna del Centro scolastico. Con l’autrice dialogherà la giornalista Sara Rossi Guidicelli. Seguiranno altri appuntamenti con firmacopie sabato 4 dicembre (ore 10-12) alla Libreria Il Segnalibro di Lugano, dalle 15.30 alle 17.30 alla Libreria Ecolibro di Biasca e sabato 11 dicembre (ore 11-13) alla Libreria al ponte di Mendrisio e dalle 15 alle 17 alla Libreria Locarnese di Locarno. In questi incontri l’autrice sarà a disposizione per firmare le copie del libro. “Ogni cicatrice ha una data, ha un luogo, ha una storia. Io ho scritto la mia storia sul mio corpo e nella mia anima”. E con tanta forza e coraggio Morena ha saputo scrivere questa sua storia anche sulle pagine di un libro, condividendo un pezzetto del suo cammino con noi, aprendosi e mostrandoci anche le cicatrici dell’anima e di come ha saputo risollevarsi dopo la caduta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
attentato marrakech morena pedruzzi
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved