quattro-giorni-di-festa-e-musica-popolare-a-bellinzona-nel-2023
Gruppi o musicisti interessati invitati a iscriversi (Ti-Press/Crinari)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 min

Brissago, alla Hildebrand un ambulatorio per il long-covid

La clinica metterà a disposizione personale specializzato e conoscenze per il percorso riabilitativo dei pazienti toccati dai postumi della pandemia
Locarnese
24 min

Verzasca, i 105 anni di Aurelio Gnesa

Storico traguardo per il decano della Valle, festeggiato lunedì corso dalle autorità comunali e dei familiari
Mendrisiotto
1 ora

Riva San Vitale, il Fc si riunisce in assemblea

I lavori si terranno mercoledì 13 luglio nella sala patriziale Al Torchio, con inizio alle 20.15
Locarnese
1 ora

Alba, in attesa di risposte da Berna si compattano i ranghi

L’Associazione che si batte a difesa dell’Aeroporto cantonale di Locarno ha pronto un suo Consiglio strategico
Luganese
2 ore

Prima di quella dei conferenzieri, s’alza la voce di Greenpeace

Azione di alcuni militanti ‘verdi’, che in prossimità della sede degli incontri della conferenza sull’Ucraina hanno issato una finta pala eolica
Luganese
2 ore

A Lugano al lavoro per un ‘piano Marshall’ ucraino

Ultimi scampoli di conto alla rovescia in riva al Ceresio: alle 13.30 Ignazio Cassis e Volodymir Zelensky (virtualmentre) daranno il via ai lavori
Luganese
6 ore

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’
Luganese
6 ore

Resega e dintorni, un ‘regalo’ all’Hcl?

Fa discutere la concessione di un diritto di superficie per una palazzina attigua alla pista
Ticino
14 ore

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
15 ore

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
Locarnese
15 ore

Salvataggio Sub Gambarogno, dati due nuovi brevetti

 Mattia Ferrari e Roberto Plebani hanno ottenuto il brevetto per i salvataggi nelle acque libere
Locarnese
16 ore

Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 

Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
Gallery
Mendrisiotto
16 ore

Cavea Festival ad Arzo, grande musica e buoni numeri

Organizzatori soddisfatti. Alla manifestazione alle cave tutto è filato liscio anche sul fronte della sostenibilità e della sicurezza
Luganese
17 ore

Lugano, Harley Days di successo con... fuochi inattesi

Folta partecipazione all’evento che si chiude oggi. Ma a far discutere sono i fuochi d’artificio non annunciati di sabato sera. Badaracco: ‘Malinteso’.
Gallery
Luganese
18 ore

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
19 ore

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Luganese
19 ore

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionale dell’energia
16.11.2021 - 16:28
Aggiornamento: 16:45

Quattro giorni di festa e musica popolare a Bellinzona nel 2023

Per l’evento che si terrà dal 21 al 24 settembre sono previsti circa 300 concerti di gruppi e musicisti provenienti da tutta la Svizzera

Oltre 200 gruppi e centinaia di musicisti si esibiranno in circa 300 concerti sull’arco di quattro giorni nel centro storico di Bellinzona. Da giovedì 21 a domenica 24 settembre del 2023 si terrà infatti, per la prima volta in assoluto in Ticino, la Festa federale della musica popolare. Un evento che si svolge ogni quattro anni e che dovrebbe attirare, stando agli organizzatori, circa 100mila persone nella Turrita provenienti dal Ticino, dal resto della Svizzera e, magari, vista la vicinanza, anche dall’Italia. Questa manifestazione è stata presentata oggi, con largo anticipo, durante una conferenza stampa a Bellinzona da un lato perché la mole di lavoro per organizzarla è decisamente importante e necessita quindi di tempo. Dall’altro perché proprio da oggi i musicisti e i gruppi interessati a partecipare possono iscriversi alla Festa grazie a un formulario che si trova sul sito www.bellinzona2023.ch. La Commissione artistica selezionerà poi gli artisti che parteciperanno all’evento.

Ci si aspetta un ‘grande successo’

La prima edizione della Festa federale della musica popolare si è tenuta 50 anni fa, nel 1971, a Sargans, nel Canton San Gallo. L’ultimo appuntamento si è invece svolto nel 2019 a Crans-Montana, in Vallese. La 14esima edizione, come detto, si svolgerà a Bellinzona: «I primi contatti ci sono già stati cinque o sei anni fa, prima della aggregazione», ha affermato il sindaco Mario Branda durante l’incontro con i media. Già allora l’idea era stata accolta con «molto favore dal Municipio» e anche dopo la fusione l’entusiasmo sembra essere rimasto intatto. Infatti, «sarà un’occasione per mostrare il lato migliore della nostra città al resto della Svizzera», facendo conoscere a tutti i visitatori «le diverse forme con cui si esprime la musica popolare del nostro Paese». Insomma, se la meteo sarà favorevole, ci si aspetta un «grande successo» che permetterà di promuovere su larga scala la Turrita con i suoi castelli, il suo centro storico e le altre sue particolarità.

Numerosi palchi e un corteo stile Rabadan

Concretamente, l’evento potrà contare su quattro palchi principali che sorgeranno nell’area della stazione, in Piazza del Sole, Piazza Governo e Piazza Indipendenza, ha spiegato Nicolas Gilliet, direttore della Festa federale della musica popolare 2023. A questi si aggiungeranno una dozzina di palchi secondari posizionati nel centro storico. Inoltre, anche gli esercizi pubblici interessati avranno la possibilità di ospitare artisti durante i quattro giorni della manifestazione. Oltre alle esibizioni, per così dire, amatoriali, gruppi e musicisti potranno anche partecipare al concorso dell’Associazione svizzera della musica popolare (Asmp): ciascuna formazione sarà giudicata da una giuria di esperti. Infine, domenica 24 settembre 2023, dalle 14, si terrà un corteo sul Viale Stazione, come avviene solitamente con il Carnevale Rabadan. L’entrata all’evento sarà gratuita, in particolare grazie al sostegno della Città di Bellinzona, del Cantone e della Confederazione così come dello sponsor privato principale, ovvero BancaStato. Per sostenere la festa si potrà anche acquistare un pin (il prezzo è ancora da definire) che permetterà anch’esso di coprire i costi preventivati di circa due milioni di franchi.

PerBacco integrato nella manifestazione

A presiedere l’associazione per l’organizzazione della Festa federale della musica popolare 2023 sarà l’ex municipale e vicesindaco di Bellinzona Andrea Bersani che ha sottolineato come questa manifestazione sia poco conosciuta a Sud delle Alpi. «Questo è un peccato e la speranza è quindi quella di coinvolgere maggiormente chi propone questo genere musicale nella Svizzera italiana». È inoltre un’occasione per promuovere la Città con il suo «contesto storico-architettonico molto particolare», offrendo in questo modo «qualcosa di unico alla popolazione». A ciò va poi aggiunto che i vantaggi saranno diversi. Innanzitutto si genererà «un indotto economico per i commerci, gli esercizi pubblici e gli alberghi» della Città e della regione. Grazie ad AlpTransit, Bellinzona è più vicina al resto della Svizzera e questo permetterà anche di «promuovere il trasporto pubblico». Non da ultimo, l’evento permetterà pure di collaborare con associazioni locali, come PerBacco che solitamente organizza la Festa della vendemmia. Nel 2023 questo evento sarà infatti integrato nella Festa federale, durante la quale saranno così promossi, oltre ai prodotti culinari e gastronomici della regione, anche il mondo vitivinicolo del Catone.

‘Un ponte musicale attraverso i confini linguistici e culturali’

Alla conferenza stampa è intervenuta anche la presidente dell’Asmp Ursula Haller che ha rimarcato come questa festa sia «essenziale per sensibilizzare la popolazione sulla musica popolare». Inoltre, visto che si tratta di una prima volta per il Ticino, la manifestazione permetterà «di costruire un ponte musicale attraverso i confini linguistici e culturali», mostrando a tutti che «la Svizzera è un paese con quattro lingue, quattro culture e molta più musica popolare».

Invitato anche chi non ama la musica popolare

La madrina della Festa sarà Carla Norghauer, voce molto nota della radiotelevisione pubblica della Svizzera italiana, che negli anni è stata (e lo è ancora) molto vicina alla cultura popolare. «Sarà bellissimo», ha assicurato, invitando tutti a essere presenti, anche chi «non è un amante della musica popolare» che, in ogni caso, «fa parte della nostra storia, delle nostre radici».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved