KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
1
2 set
(3-6 : 0-2)
casa-anziani-acquarossa-per-la-prima-volta-il-virus-e-fra-noi
La casa anziani La Quercia di Acquarossa (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
46 min

Casinò a Locarno, ACE ‘sorpresa’ non molla l’idea permanenza

“Rammarico” espresso dalla Holding dopo l’annuncio di Kursaal Sa e Stadcasino Baden di aver trovato un accordo per il post nuova concessione
Luganese
1 ora

Incendio in un appartamento a Lugano, salvi gli inquilini

Due persone di una palazzina in via Gerso, dove si sono sviluppate le fiamme, sono state visitate poichè potenzialmente potevano aver inalato del fumo
Ticino
2 ore

In Ticino +5 pazienti Covid e 3 decessi, contagi stabili

In cure intense rimangono 15 persone con complicazioni da Covid, 2 in meno rispetto a ieri. Un ricovero e un decesso fra gli ospiti delle case anziani
Ticino
2 ore

La sperimentazione? ‘Ci sono diversi punti da chiarire’

Superamento livelli in terza media, il capogruppo del Ppd Agustoni: senza risposte soddisfacenti non potremo sostenere l’emendamento governativo
Luganese
3 ore

Migranti e centri di accoglienza: ‘È questo fare casa?’

Due testimonianze riportano al tema degli asilanti in Ticino. Dalla struttura provvisoria di Pasture all’intensa attività dell’associazione DaRe.
Mendrisiotto
4 ore

Più fotovoltaico a Mendrisio grazie a tariffe agevolate

L’AlternativA lancia una proposta per incrementare la diffusione di impianti a vettore solare nella Città dell’Energia
Luganese
6 ore

Da Caslano: ‘Terza media senza livelli? Grosso vantaggio’

In vista del voto in Gran Consiglio sul superamento dei corsi A/B in matematica e tedesco, reportage dalla scuola ticinese pioniera nella sperimentazione
Ticino
6 ore

‘Siamo una delle voci della scuola, no alla sperimentazione’

Il presidente del Plr Alessandro Speziali boccia la proposta di emendamento del governo al Preventivo per partire col test sul superamento dei livelli
Locarnese
6 ore

Brissago-Locarno in bus, ci sono margini di miglioramento

Incontro nel borgo di confine con Fart, Cit e Ufficio dei trasporti pubblici per vedere di risolvere le criticità dei collegamenti con il centro
Luganese
15 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
16 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
16 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
Locarnese
17 ore

Locarno, gesto di solidarietà per Casa Martini

Donazione destinata al centro di accoglienza per persone in difficoltà
Luganese
17 ore

Campione, causa Covid slittano le aste dei beni in vendita

‘L’interesse per gli immobili non manca’, assicura il sindaco Roberto Canesi che conta di chiudere la partita dei debiti con i dipendenti comunali
Ticino
17 ore

Aiuti ai media, Viscom Ticino: ‘Sì con convinzione al pacchetto’

L’Associazione svizzera per la comunicazione visiva: per la democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato
Bellinzonese
17 ore

Infortunio sul lavoro a Bellinzona, gravi ferite per un operaio

L’uomo, un 42enne residente nella Provincia di Varese, ha battuto la testa mentre scendeva da una scala a chiocciola. La sua vita è in pericolo
 
15.11.2021 - 17:400
Aggiornamento : 21:53

Casa anziani Acquarossa: ‘Per la prima volta il virus è fra noi’

Contagiati 20 ospiti (11 nel frattempo guariti, 3 ricoverati) e 5 dipendenti. Isolato il primo piano dedicato ai residenti con Alzheimer

Ha schivato le prime tre ondate, durante le quali non ha registrato alcun contagio da Covid-19 fra i suoi numerosi ospiti e i dipendenti. Oggi, nel momento in cui la quarta ondata sembra voler irrompere sulla scena internazionale, anche la casa anziani La Quercia di Acquarossa deve fare i conti col virus. Che per la prima volta – a un anno e mezzo dall’inizio della pandemia – due settimane fa ha fatto irruzione nella struttura bleniese scompigliando gli equilibri interni e richiedendo sforzi gestionali e operativi aggiuntivi. Attualmente – spiega alla ‘Regione’ il direttore Antonio Conceprio – si contano undici ospiti positivi, mentre altri nove sono nel frattempo guariti; solo in tre casi si è reso necessario il ricovero in ospedale. Fra il personale si contano inoltre cinque positività, emerse la scorsa settimana una decina di giorni dopo i primi contagi registrati fra i pazienti. Ciò che porta a 25 il totale accumulato da inizio novembre. Nella maggior parte dei casi il decorso è (stato) asintomatico grazie anche al fatto che ospiti e dipendenti risultati positivi fossero tutti vaccinati, una copertura che riguarda nelle due categorie rispettivamente l’80-85% e il 95%; alcuni ospiti hanno mostrato solo forte stanchezza mentre per altri tre, come detto, si è resa necessaria l’ospedalizzazione così da garantire cure specifiche anche considerando il loro stato di salute precedente il contagio. Zero, al momento, i decessi.

Accresciuta mobilità interna

«Insieme all’Ufficio del medico cantonale – evidenzia il direttore – abbiamo subito valutato e approntato le misure straordinarie che si rendevano necessarie per gestire al meglio la problematica. Il virus ha infatti specialmente colpito il primo piano dove si è registrato il maggior numero di contagi, nove in tutto, fra la dozzina di ospiti. Primo piano occupato in gran parte da un reparto molto particolare, gestito con modalità differenti dagli altri: si tratta dell’unità abitativa riservata a ospiti con Alzheimer, i quali non possiamo trattenere né chiudere in camera perché sarebbe una violenza farlo contro la loro volontà. Unità caratterizzata da un’accresciuta mobilità interna. Che è necessaria per favorire le relazioni interpersonali, contatti ritenuti vitali per questa tipologia di ospite. Perciò abbiamo isolato il reparto, e quindi anche la parte rimanente del primo piano che è diventato integralmente un piano Covid; abbiamo anche sospeso le visite esterne e impieghiamo personale dedicato». Da notare che tutti i cinque dipendenti risultati positivi lavorano al primo piano ed erano tutti vaccinati: «Come da prassi sono stati messi in quarantena al loro domicilio fino ad accertata negatività. Stanno bene, sono asintomatici e vorrebbero tornare a lavorare; potranno farlo a tempo debito».


Il direttore Antonio Conceprio

Ignota la causa, forse le visite

Altri due ospiti non Alzheimer, uno per piano, sono attualmente isolati nelle loro camere ai due piani superiori: non vengono spostati al primo piano essendo impossibile trasferire a loro volta residenti con Alzheimer. Per contro altri residenti negativi e non Alzheimer del primo piano sono stati subito spostati, ma solo quei pochi che non erano vaccinati. Le persone nel frattempo oggi non più positive «stanno tutte bene». Quale sia stato il primo caso di contagio e in quali circostanze sia avvenuto, non è dato sapere: l’ipotesi più accreditata lo riconduce alle visite esterne. Le positività nei casi asintomatici, rileva il direttore, «sono emerse grazie ai test di prevalenza, ossia tamponi che in accordo col medico cantonale eseguiamo a tappeto proprio con l’obiettivo di rintracciare eventuali contagi che non si manifestano tramite febbre o malessere. L’obiettivo, in definitiva, è sempre lo stesso: evitare i decorsi gravi. E il vaccino, considerata l’esperienza che stiamo vivendo, si sta dimostrando una buona soluzione, riducendo concretamente i decorsi gravi e il rischio di decesso. In questo contesto abbiamo quindi completato settimana scorsa la somministrazione della terza dose a coloro che potevano riceverla».

Il personale si fa in quattro

Tutto ciò – rileva Antonio Conceprio – sta richiedendo ai dipendenti un impegno aggiuntivo: per sopperire alle assenze si fa capo a esterni e a personale solitamente impiegato a tempo parziale e che provvisoriamente può aumentare la sua percentuale. Inoltre, sempre nel rispetto delle disposizioni cantonali, in ciascun piano opera un’équipe di infermieri e collaboratori dedicata. «Ovviamente avevamo messo in conto che prima o poi il virus avrebbe potuto entrare anche qui – conclude il direttore – e perciò abbiamo fatto il possibile per ridurre al minimo il rischio che accadesse. D’altro canto, però, riteniamo di fondamentale importanza garantire all’ospite anziano e ai suoi familiari la possibilità d’incontrarsi. Uno degli aspetti prioritari per i nostri residenti è infatti quello di poter godere degli affetti e della parte socializzante. Siamo contro l’isolamento, tanto più adesso che c’è la possibilità di vaccinarsi». Il discorso vale anche per il personale, che si sta facendo letteralmente in quattro: «Ognuno ha la propria vita, le proprie relazioni personali, parentali e intergenerazionali. Sarebbe impensabile, anche per i nostri collaboratori, una vita in costante isolamento».

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved