CAR Hurricanes
NY Rangers
01:00
 
COB Jackets
0
PIT Penguins
1
1. tempo
(0-1)
NY Islanders
ARI Coyotes
01:30
 
Detroit Red Wings
DAL Stars
01:30
 
una-legge-sulle-cave-cosi-il-cantone-non-ci-aiuta
Giuseppe Ongaro, titolare con la sorella Chiara dell’omonima cava di Cresciano (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
5 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
5 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
6 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
6 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
6 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
6 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
7 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
7 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
7 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
7 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
8 ore

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
8 ore

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
8 ore

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
8 ore

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
Luganese
9 ore

Lugano, Ignazio Cassis in visita ai pazienti Covid-19

Il presidente della Confederazione si è recato all’Ospedale regionale dove ha ringraziato tutto il personale sanitario per l’enorme impegno
Luganese
9 ore

In leggera flessione gli abitanti di Capriasca

Il 31 dicembre scorso il Comune contava 6’829 abitanti, ossia 26 in meno di un anno prima. Il quartiere più popolato resta Tesserete, seguito da Lugaggia
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, ‘la mascherina a ricreazione è necessaria’

Il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd. ‘Creati momenti ad hoc dove è possibile abbassarla in sicurezza’
Ticino
10 ore

‘6mila franchi per gli infermieri e più imposte per i ricchi’

Il Movimento per il socialismo presenta 14 emendamenti al Preventivo 2022. Sergi: ‘La nostra visione opposta a quella neoliberale di tutto il parlamento’
Bellinzonese
10 ore

‘Re dei ponteggi’, scendono da 15 a uno i milioni malversati

Permessi falsi, il caso si sgonfia: il terzo atto d’accusa cancella e derubrica vari reati della prima ora. La difesa chiede di annullare il procedimento
Grigioni
10 ore

Abbattuto un lupo in Surselva: ‘Era un pericolo per l’uomo’

La misura estrema è stata adottata dall’Ufficio caccia e pesca grigionese a seguito di ripetuti incontri ravvicinati tra l’esemplare e gli abitanti
Gallery
Locarnese
11 ore

Bosco Gurin, una lingua di neve e una slittovia

Impianti parzialmente aperti nel fine settimana per consentire attività all’aria aperta. La destagionalizzazione salverà il futuro delle stazioni
Locarnese
12 ore

Locarno, Progetto di prossimità: uno strumento essenziale

Il Municipio pubblica il messaggio inerente alla Convenzione fra Città e Fondazione il Gabbiano per colmare la lacuna in ambito di politica giovanile
 
13.11.2021 - 05:300

Una Legge sulle cave? ‘Così il Cantone non ci aiuta’

La ditta Ongaro di Cresciano critica la proposta del Dt: il nodo dei detriti ticinesi inutilizzati e surclassati da quelli italiani che costano la metà

«Auspichiamo più attenzione dal Dipartimento del territorio affinché nella manutenzione e nel rifacimento delle strade, come pure nella ristrutturazione e realizzazione di edifici pubblici e sussidiati dal Cantone, i detriti di cava siano privilegiati nella posa dei sottofondi delle carreggiate e nella produzione di calcestruzzo. Così facendo si favorirebbe il prodotto locale ticinese più di quanto non si faccia oggi. Il tutto riducendo sensibilmente l’importazione di ghiaia e ghiaione dalle fasce italiane di confine, materiali tutt’oggi privilegiati in Ticino in misura eccessiva vantando un costo troppo competitivo, trasporto incluso via camion, pari a circa la metà di quello ticinese». Così riassunta, è una delle richieste che la Ongaro Graniti Sa di Cresciano formula al Dt nella consultazione sul disegno di Legge cantonale sulle cave. Proposta elaborata dal Dt medesimo e contro la quale vi è stata una levata di scudi (‘laRegione’ del 3 novembre) dal Comune di Riviera, dai Patriziati della regione e da diverse ditte attive nell’estrazione e lavorazione della pietra naturale. Dopo il gruppo Maurino (‘laRegione’ del 4 novembre) oggi anche i fratelli Ongaro fanno sentire la loro voce.

‘Non coinvolti’

Nelle loro considerazioni generali, chiedono di spiegare chi abbia ritenuto necessaria l’introduzione di un’apposita legge e chi (e con chi) abbia eseguito gli approfondimenti sulle problematiche vissute dai cavisti. «Temiamo infatti – spiegano alla ‘Regione’ Chiara e Giuseppe Ongaro – che i principali attori, quali Patriziati, Comuni e gestori, non siano stati debitamente coinvolti». Quanto alla necessità della legge, vale l’interrogativo già sollevato in altre prese di posizione, e cioè se non siano già ampiamente sufficienti le norme vigenti come il Piano direttore cantonale con la sua scheda V8 dedicata alle cave, la Legge edilizia, quella organica patriziale e quelle ambientali e pianificatorie. Pollice verso anche sul fatto che il disegno di legge aumenti «a dismisura i compiti e costi a carico del gestore». Gli Ongaro lamentano pure il fatto che la regolamentazione proposta «è nettamente in ritardo rispetto alla pianificazione e alla data del 31 dicembre 2021 quando scadrà la moratoria governativa ai Patriziati proprietari per la conclusione o il rinnovo dei contratti di affitto delle cave». Riguardo poi ai singoli articoli di legge, dubbi vengono sollevati sulle procedure pianificatorie previste e sulla durata delle concessioni di 5-10 anni, «nettamente insufficienti per i gestori», confrontati con investimenti milionari da pianificare su 20-30 anni.

‘Enunciazione insufficiente’

Quindi il capitolo ‘detriti di cava’. Nella proposta di legge l’articolo 14 sancisce che “il Cantone e i Comuni promuovono per quanto possibile l’uso di materiale estratto dalle cave cantonali nelle procedure sottoposte a commesse pubbliche”. Gli Ongaro non ci stanno: «Si tratta di un’enunciazione di principio, assolutamente insufficiente per i gestori. Da anni, invano, chiediamo garanzie per un chiaro impegno del Cantone verso un maggior utilizzo del materiale estratto dalle cave ticinesi. Questo anche per quanto riguarda il problema dei detriti di cava», ossia quelle parti di scarto «che, viepiù inutilizzate, intasano i nostri sedimi e per le quali non vi è possibilità di smaltimento a causa della politica cantonale di approvvigionamento del materiale inerte», per il quale committenti e ditte si rivolgono in larga misura Oltrefrontiera. «In diversi articoli della proposta di legge – proseguono i fratelli Ongaro – si fa riferimento al riciclaggio del materiale, ma nelle cave non è permesso utilizzare frantoi e in ogni caso i costi sono nettamente più alti rispetto all’importazione dall’estero, rendendo così di fatto il detrito di cava inutilizzabile sul mercato».

La mozione in Gran Consiglio

La questione è dunque politica. E infatti da giugno è pendente in Gran Consiglio la mozione comunista (Massimiliano Ay e Lea Ferrari) che chiede di “diminuire l’importazione di ghiaia e sabbia dall’estero e incentivare il materiale naturale presente in grandi quantità nelle cave ticinesi”. Una comparazione fatta dal Cantone stesso sul medio termine tra la situazione accertata nel 2008 in proiezione 2020, evidenziava un obiettivo di netta riduzione del materiale importato dall’Italia: ossia dal milione di tonnellate di tredici anni fa a 570’000 tonnellate. Obiettivo raggiunto? Affatto, secondo i due deputati, i quali ritenendo quel livello invariato chiedono al Cantone un impegno preciso: “È necessario interrompere la dipendenza ticinese dalla ghiaia italiana, il cui prezzo irrisorio è ancora troppo ghiotto per l’edilizia ticinese che non considera il traffico e l’inquinamento generati. Da sfruttare a pieno è invece il potenziale della filiera locale”.


Il professore di economia Mauro Baranzini intervenuto nel giugno 2019 alla prima giornata nazionale delle cave (Ti-Press)

L’accusa del professor Baranzini

Un’analisi sul tema, tutt’oggi utile a comprendere il quadro generale, era stata fatta due anni e mezzo fa dal professore di economia Mauro Baranzini partecipando alla prima Giornata nazionale delle cave. In quel frangente evidenziava che nel 2016 la cifra di inerti entrati dalla vicina Penisola era salita a 1,08 milioni di tonnellate, nel 2017 a 1,18 milioni e nel 2018 a 1,244 milioni. Rivolgendosi al pubblico presente Baranzini puntava il dito contro «la mancata difesa del settore da parte del Dipartimento del territorio». Settore il cui fatturato annuo «è di 60 milioni di franchi che ne genera 90 di Pil, ossia tre volte quello del Festival del film di Locarno». Su un volume di cavagione di 330mila metri cubi annui, i detriti ammontano a 120mila. Più di un terzo. «In passato – evidenziava Baranzini – i detriti sono stati utilizzati per la produzione di inerti di alta qualità. Purtroppo negli ultimi anni il loro utilizzo è diminuito. Se fino al 2017 veniva smaltito al 100%, nel 2018 e 2019 dalle cave parte ben poca cosa. Questo rende il loro esercizio commerciale molto difficile perché non riescono ad avere lo spazio necessario per continuare estrazione e lavorazione».

‘Prima i nostri anche nel granito’

Molteplici le cause elencate da Baranzini: «In primis un’esplosione dell’import dal Nord Italia di materiale di prima qualità a prezzo bassissimo, fra un terzo e la metà rispetto a quello ticinese, reso ancora più competitivo da un cambio franco-euro in preda a una svalutazione incontrollata». Un import che si materializza annualmente sotto forma di 50’000 autocarri che percorrono ciascuno dai 50 ai 100 chilometri a viaggio per raggiungere i cantieri ticinesi. «Ci si può chiedere – pungolava Baranzini – come mai il Dipartimento del territorio, così tanto giustamente impegnato nel promuovere il trasporto pubblico e lottare contro l’inquinamento, non cerchi di rimediare a questa situazione». Una strategia volta a permettere il recupero di sabbia e ghiaia dalle cave ticinesi, concludeva, «potrebbe essere un primo passo, in base al principio ‘Prima i nostri’, verso un concreto sostegno dell’industria del granito». Parole che echeggiano invano nella cava Ongaro, dove Chiara e Giuseppe osservano tutt’oggi la mole di detriti ulteriormente cresciuta e rimasta inutilizzata.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved