ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
7 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
7 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
8 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
8 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
9 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
9 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
9 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
9 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
9 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
10 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
10 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
10 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
10 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
11 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Locarnese
11 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

In attesa del ritorno alla normalità post pandemia, archiviata un’edizione 2022 dal taglio diverso ma pur sempre gettonatissima dalla popolazione
Luganese
11 ore

Lugano, a Palazzo civico visita del Municipio di Cortébert

Gli esponenti del Comune bernese sono stati ricevuti dal vicesindaco Roberto Badaracco e dai municipali Cristina Zanini Barzaghi e Filippo Lombardi
Bellinzonese
11 ore

Consultabili gli atti sul riassetto dei posteggi di Osogna

Giovedì 6 ottobre alle 20, nella sala polivalente delle scuole elementari, si terrà una serata informativa sul tema
Grigioni
11 ore

Roveredo, il Coro parrocchiale San Giulio in assemblea

Appuntamento per il 6 ottobre alle 20.15 nella chiesa di San Giulio
Grigioni
11 ore

L’‘Asociazion culturala Rorè San Vitor’ in assemblea

Appuntamento per sabato 15 ottobre alle 17 all’ex stazione di San Vittore
Bellinzonese
12 ore

Riviera, i fortini della linea Lona diventano un museo

Sabato 8 ottobre alle 9 rappresentanti del Municipio e del Consiglio comunale visiteranno il Bunker Grande e il Forte Chiesa
Luganese
12 ore

Lugano, cambio di luogo per il presidio di solidarietà

La manifestazione di sostegno alle donne iraniane si terrà domani alle 16.30 in piazza Indipendenza
Locarnese
12 ore

Locarno, misurazione glicemia e pressione

Organizza la Croce Rossa Svizzera nella sua sede di via Balestra. I controlli sono gratuiti
laR
 
13.11.2021 - 05:30

Una Legge sulle cave? ‘Così il Cantone non ci aiuta’

La ditta Ongaro di Cresciano critica la proposta del Dt: il nodo dei detriti ticinesi inutilizzati e surclassati da quelli italiani che costano la metà

una-legge-sulle-cave-cosi-il-cantone-non-ci-aiuta
Giuseppe Ongaro, titolare con la sorella Chiara dell’omonima cava di Cresciano (Ti-Press)

«Auspichiamo più attenzione dal Dipartimento del territorio affinché nella manutenzione e nel rifacimento delle strade, come pure nella ristrutturazione e realizzazione di edifici pubblici e sussidiati dal Cantone, i detriti di cava siano privilegiati nella posa dei sottofondi delle carreggiate e nella produzione di calcestruzzo. Così facendo si favorirebbe il prodotto locale ticinese più di quanto non si faccia oggi. Il tutto riducendo sensibilmente l’importazione di ghiaia e ghiaione dalle fasce italiane di confine, materiali tutt’oggi privilegiati in Ticino in misura eccessiva vantando un costo troppo competitivo, trasporto incluso via camion, pari a circa la metà di quello ticinese». Così riassunta, è una delle richieste che la Ongaro Graniti Sa di Cresciano formula al Dt nella consultazione sul disegno di Legge cantonale sulle cave. Proposta elaborata dal Dt medesimo e contro la quale vi è stata una levata di scudi (‘laRegione’ del 3 novembre) dal Comune di Riviera, dai Patriziati della regione e da diverse ditte attive nell’estrazione e lavorazione della pietra naturale. Dopo il gruppo Maurino (‘laRegione’ del 4 novembre) oggi anche i fratelli Ongaro fanno sentire la loro voce.

‘Non coinvolti’

Nelle loro considerazioni generali, chiedono di spiegare chi abbia ritenuto necessaria l’introduzione di un’apposita legge e chi (e con chi) abbia eseguito gli approfondimenti sulle problematiche vissute dai cavisti. «Temiamo infatti – spiegano alla ‘Regione’ Chiara e Giuseppe Ongaro – che i principali attori, quali Patriziati, Comuni e gestori, non siano stati debitamente coinvolti». Quanto alla necessità della legge, vale l’interrogativo già sollevato in altre prese di posizione, e cioè se non siano già ampiamente sufficienti le norme vigenti come il Piano direttore cantonale con la sua scheda V8 dedicata alle cave, la Legge edilizia, quella organica patriziale e quelle ambientali e pianificatorie. Pollice verso anche sul fatto che il disegno di legge aumenti «a dismisura i compiti e costi a carico del gestore». Gli Ongaro lamentano pure il fatto che la regolamentazione proposta «è nettamente in ritardo rispetto alla pianificazione e alla data del 31 dicembre 2021 quando scadrà la moratoria governativa ai Patriziati proprietari per la conclusione o il rinnovo dei contratti di affitto delle cave». Riguardo poi ai singoli articoli di legge, dubbi vengono sollevati sulle procedure pianificatorie previste e sulla durata delle concessioni di 5-10 anni, «nettamente insufficienti per i gestori», confrontati con investimenti milionari da pianificare su 20-30 anni.

‘Enunciazione insufficiente’

Quindi il capitolo ‘detriti di cava’. Nella proposta di legge l’articolo 14 sancisce che “il Cantone e i Comuni promuovono per quanto possibile l’uso di materiale estratto dalle cave cantonali nelle procedure sottoposte a commesse pubbliche”. Gli Ongaro non ci stanno: «Si tratta di un’enunciazione di principio, assolutamente insufficiente per i gestori. Da anni, invano, chiediamo garanzie per un chiaro impegno del Cantone verso un maggior utilizzo del materiale estratto dalle cave ticinesi. Questo anche per quanto riguarda il problema dei detriti di cava», ossia quelle parti di scarto «che, viepiù inutilizzate, intasano i nostri sedimi e per le quali non vi è possibilità di smaltimento a causa della politica cantonale di approvvigionamento del materiale inerte», per il quale committenti e ditte si rivolgono in larga misura Oltrefrontiera. «In diversi articoli della proposta di legge – proseguono i fratelli Ongaro – si fa riferimento al riciclaggio del materiale, ma nelle cave non è permesso utilizzare frantoi e in ogni caso i costi sono nettamente più alti rispetto all’importazione dall’estero, rendendo così di fatto il detrito di cava inutilizzabile sul mercato».

La mozione in Gran Consiglio

La questione è dunque politica. E infatti da giugno è pendente in Gran Consiglio la mozione comunista (Massimiliano Ay e Lea Ferrari) che chiede di “diminuire l’importazione di ghiaia e sabbia dall’estero e incentivare il materiale naturale presente in grandi quantità nelle cave ticinesi”. Una comparazione fatta dal Cantone stesso sul medio termine tra la situazione accertata nel 2008 in proiezione 2020, evidenziava un obiettivo di netta riduzione del materiale importato dall’Italia: ossia dal milione di tonnellate di tredici anni fa a 570’000 tonnellate. Obiettivo raggiunto? Affatto, secondo i due deputati, i quali ritenendo quel livello invariato chiedono al Cantone un impegno preciso: “È necessario interrompere la dipendenza ticinese dalla ghiaia italiana, il cui prezzo irrisorio è ancora troppo ghiotto per l’edilizia ticinese che non considera il traffico e l’inquinamento generati. Da sfruttare a pieno è invece il potenziale della filiera locale”.


Il professore di economia Mauro Baranzini intervenuto nel giugno 2019 alla prima giornata nazionale delle cave (Ti-Press)

L’accusa del professor Baranzini

Un’analisi sul tema, tutt’oggi utile a comprendere il quadro generale, era stata fatta due anni e mezzo fa dal professore di economia Mauro Baranzini partecipando alla prima Giornata nazionale delle cave. In quel frangente evidenziava che nel 2016 la cifra di inerti entrati dalla vicina Penisola era salita a 1,08 milioni di tonnellate, nel 2017 a 1,18 milioni e nel 2018 a 1,244 milioni. Rivolgendosi al pubblico presente Baranzini puntava il dito contro «la mancata difesa del settore da parte del Dipartimento del territorio». Settore il cui fatturato annuo «è di 60 milioni di franchi che ne genera 90 di Pil, ossia tre volte quello del Festival del film di Locarno». Su un volume di cavagione di 330mila metri cubi annui, i detriti ammontano a 120mila. Più di un terzo. «In passato – evidenziava Baranzini – i detriti sono stati utilizzati per la produzione di inerti di alta qualità. Purtroppo negli ultimi anni il loro utilizzo è diminuito. Se fino al 2017 veniva smaltito al 100%, nel 2018 e 2019 dalle cave parte ben poca cosa. Questo rende il loro esercizio commerciale molto difficile perché non riescono ad avere lo spazio necessario per continuare estrazione e lavorazione».

‘Prima i nostri anche nel granito’

Molteplici le cause elencate da Baranzini: «In primis un’esplosione dell’import dal Nord Italia di materiale di prima qualità a prezzo bassissimo, fra un terzo e la metà rispetto a quello ticinese, reso ancora più competitivo da un cambio franco-euro in preda a una svalutazione incontrollata». Un import che si materializza annualmente sotto forma di 50’000 autocarri che percorrono ciascuno dai 50 ai 100 chilometri a viaggio per raggiungere i cantieri ticinesi. «Ci si può chiedere – pungolava Baranzini – come mai il Dipartimento del territorio, così tanto giustamente impegnato nel promuovere il trasporto pubblico e lottare contro l’inquinamento, non cerchi di rimediare a questa situazione». Una strategia volta a permettere il recupero di sabbia e ghiaia dalle cave ticinesi, concludeva, «potrebbe essere un primo passo, in base al principio ‘Prima i nostri’, verso un concreto sostegno dell’industria del granito». Parole che echeggiano invano nella cava Ongaro, dove Chiara e Giuseppe osservano tutt’oggi la mole di detriti ulteriormente cresciuta e rimasta inutilizzata.

Leggi anche:

In Riviera un muro di granito contro la Legge sulle cave

Disegno di Legge sulle cave, una sassata dalle ditte

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved