rabadan-ridotto-ma-con-concerti-dal-vivo
Serate divertenti anche se al chiuso (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
19 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
23 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
2 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
11.11.2021 - 18:07
Aggiornamento: 18:34

Rabadan ridotto, ma con concerti dal vivo

Per il presidente Giovanni Capoferri sarà importante ‘presentare un programma interessante’ che invogli le persone a partecipare e divertirsi

Concerti, diversi bar e tanta voglia di divertirsi. Il presidente del Rabadan Giovanni Capoferri è convinto che «presentando un programma interessante riusciremo a invogliare la gente a trascorrere delle belle serate anche se non sarà un Carnevale tradizionale».

Espocentro quasi come Piazza del Sole

Come noto nel 2022 il Rabadan sarà organizzato all’Espocentro di Bellinzona. Per ragioni di sicurezza legate alla situazione pandemica, il Municipio ha infatti deciso che la manifestazione si terrà in formato ridotto, ovvero senza cortei, né tendine. Insomma, senza la classica Città del Carnevale che in tempi normali anima il centro storico. Qualcosa potrebbe però restare più o meno uguale: l’intenzione è infatti quella di allestire l’Espocentro in modo simile al grande capannone che solitamente sorge in Piazza del Sole. «Ci saranno sicuramente musica live e alcuni bar», afferma a ‘laRegione’ Capoferri, precisando che l’intenzione è quella di confermare gli accordi già presi con diversi artisti.

Si punta anche a eventi durante il giorno

Tuttavia, per il momento vi sono ancora numerosi aspetti da chiarire. Non è ad esempio ancora sicuro che la società Rabadan avrà a disposizione anche il Palasport. E da questo dipenderà anche l’effettiva capacità dei padiglioni messi a disposizione. Quello che è certo è che il numero di persone che potrà accedervi sarà ovviamente limitato, essendo lo spazio definito. Perciò la società punterà in particolare sulla prevendita dei biglietti, il cui costo deve ancora essere stabilito. In ogni caso l’intenzione è anche quella di organizzare eventi durante il giorno: «È ad esempio pensabile di organizzare il concerto delle guggen il sabato pomeriggio all’interno della struttura», rileva il presidente del Rabadan. «Stiamo anche valutando con il Municipio se sarà possibile organizzare la risottata del martedì, garantendo un servizio da seduti». Vi è poi anche l’idea, se sarà permesso, di organizzare qualche food truck all’esterno. «Nelle prossime settimane dovremmo riuscire a comunicare in modo più preciso quale sarà il programma».

Sicurezza garantita

Un programma che dovrà essere allettante per cercare di soffiare via un certo scetticismo che in questi giorni aleggia nell’aria a causa della rinuncia di organizzare un Carnevale tradizionale. Capoferri conferma che la società aveva già preparato un piano di protezione nel caso in cui lo svolgimento della manifestazione fosse stato autorizzato nel centro storico: «Eravamo pronti, ma l’impegno per garantire la sicurezza sarebbe stato enorme». In particolare sarebbe stato molto difficile riuscire a controllare il certificato Covid di tutte le persone che sarebbero entrate nella città del Carnevale. Infatti solitamente i controlli iniziavano in serata, quando si chiudeva il centro, ma all’interno del perimetro erano già presenti centinaia di persone giunte sul posto in precedenza. Un controllo a tappeto avrebbe dunque significato chiudere il centro storico per sei giorni, quasi 24 ore su 24. L’opzione Espocentro, nonostante sia un luogo chiuso, permetterà di controllare sistematicamente il certificato Covid, garantendo così la sicurezza a livello pandemico, come succede già negli stadi di hockey.

Nessuno ‘scudo di protezione’

Non si può infatti ancora affermare che la crisi legata al coronavirus sia terminata e in caso di netto peggioramento della situazione si potrebbe anche arrivare ad annullare o ridimensionare grandi eventi. In alcuni di questi casi la Confederazione e il Cantone garantiscono la copertura dell’80% delle spese già sostenute con il cosiddetto ‘scudo di protezione’. Tuttavia, quest’ultimo viene concesso solo per grandi manifestazioni d’importanza sovracantonale. Un Rabadan classico lo è sicuramente, ma quello del 2022 in formato ridotto no. Insomma, in caso di annullamento, non vi sarebbe quindi alcuna copertura dei costi. Un rischio che la società Rabadan accetta, sperando che tutto possa andare per il meglio, permettendo così ai bellinzonesi, ma non solo, di passare alcune serate all’insegna del divertimento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona espocentro giovanni capoferri rabadan
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved