ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
47 min

Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea

Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Mendrisiotto
59 min

A Chiasso la quarta edizione del torneo cantonale di burraco

La competizione è stata vinta dalla coppia formata da Lina Pizzi e Silvana Polonara. L’evento ha visto la partecipazione di 24 coppie di giocatori.
Grigioni
2 ore

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
2 ore

Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole

Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
2 ore

Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco

Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Locarnese
3 ore

Locarno, riflessione sul volontariato

La Città propone una conferenza a Palazzo Marcacci
Locarnese
3 ore

Andrea Fazioli ospite alla Biblioteca di Aurigeno

Presenterà la sua opera più recente: Le strade oscure
Locarnese
3 ore

Muralto, la partita su grande schermo

Una proposta abbinata a un aperitivo al Bar Incontro
Locarnese
3 ore

Locarno, aperitivo del Plr

Appuntamento prenatalizio con la Sezione cittadina del Partito liberale radicale
Ticino
4 ore

Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina

La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Bellinzonese
4 ore

Biasca, il nuovo corso del Carnevale inizia... dal Natale

Il rinnovato comitato propone una serie di eventi nel mese di dicembre
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Inferiore, il cenacolo del movimento sacerdotale

Appuntamento nel pomeriggio di sabato 10 dicembre nel Santuario di Santa Maria dei Miracoli
Bellinzonese
5 ore

Area Tir a Giornico, successo di pubblico per le porte aperte

Sabato la popolazione ha potuto scoprire gli spazi del nuovo Centro di controllo dei veicoli pesanti
Grigioni
6 ore

Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’

Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
9 ore

Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda

Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior

Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino

La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
Gallery
Ticino
1 gior

I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’

Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
laR
 
06.11.2021 - 05:30

Niente tragedie e grande affluenza per l’estate del canyoning

Se l’assenza di decessi è frutto della prevenzione ma anche del caso, le statistiche dell’Aet indicano un ulteriore aumento dei passaggi in Riviera

niente-tragedie-e-grande-affluenza-per-l-estate-del-canyoning
(Ti-Press)

«Personalmente lo ritengo un dato dovuto anche alla casualità. È vero: l’estate 2020 è stata tremenda, ma d’altro canto nelle stagioni precedenti non si erano verificati infortuni particolarmente gravi». Questa l’opinione della guida Florian Schauwecker sulla positiva stagione del canyoning per quanto riguarda l’aspetto della sicurezza. Durante la scorsa estate in Ticino, ha reso noto mercoledì il Dipartimento delle istituzioni nell’ambito della presentazione del bilancio della campagna ‘Acque Sicure’, non si sono verificati incidenti mortali (nel 2020 erano stati due i decessi nella Valle di Lodrino), nonostante un afflusso record di appassionati, durante la pratica della disciplina che alle nostre latitudini trova il suo ‘Eldorado’ nella regione della Riviera. Amministratore delegato della purelements CH Sagl (azienda specializzata nell’organizzazione di tour guidati di canyoning, canoa e altre attività all’aperto adrenaliniche), Schauwecker riconosce come difficilmente i rischi possono essere azzerati praticando questa disciplina. Se è vero che quest’anno non vi sono stati decessi, sono però stati cinque gli infortuni gravi (essenzialmente in Riviera e in Valle Maggia), così come diversi altri di minore entità. La campagna Acque Sicure, oltre a gestire l’hotline canyoning in partenariato con le aziende idroelettriche, ha distribuito volantini in cinque lingue, tramite i Comuni e le Otr, nei campeggi e negli esercizi pubblici frequentati dai torrentisti. «La campagna di sensibilizzazione può servire, è giusto farla, ma non garantisce la certezza che non ci saranno più incidenti. Anche perché il canyoning è un’attività che sta sempre più prendendo piede a livello internazionale. Prevedo dunque che in futuro arriveranno in Ticino ancora più appassionati, aumentando inevitabilmente la probabilità di infortuni». Scontato il consiglio per i neofiti di affidarsi a un’azienda che propone queste attività. «Per coloro che hanno esperienza la cosa migliore è invece informarsi bene sul luogo specifico dove si vuole fare canyoning, attraverso il consiglio degli esperti locali, consultando le varie applicazioni topografiche e meteorologiche, leggendo libri guida appositi e visitando siti che indicano le condizioni dei torrenti ed eventuali pericoli. Ci sono poi anche i blog, dove gli appassionati condividono esperienze e commenti utili».

Le statistiche delle discese

Così come durante l’estate 2020, anche nell’ultima stagione si è registrato un grande afflusso di appassionati in Ticino. Impossibile quantificare il numero esatto, ma a confermare la tendenza in aumento ci sono le statistiche dall’Azienda elettrica ticinese (Aet), alla quale i canyonisti sono obbligati ad annunciarsi prima e dopo le discese sui torrenti lungo i quali sono presenti impianti idroelettrici di proprietà dell’Aet. Da inizio gennaio fino al 30 settembre 2021, l’Azienda elettrica ha registrato in totale l’avviso di 1’284 gruppi, per un totale di 7’028 canyonisti, dei quali il 98% recatisi in Riviera e in zona Mavaglia (riali Leggiuna e Malvaglia). A titolo di paragone, nel 2020, durante lo stesso periodo (inizio gennaio-fine settembre) all’Aet erano stati notificati 5’949 passaggi di canyonisti. In aumento nel 2021 i passaggi (da 10 a 84) in Leventina (riali Gribbiasca, Macri e Cramosina), mentre a farla da padrone è il riale Boggera nella Valle di Cresciano dove il totale dei torrentisti transitati è pari a 4’945 (l’anno scorso, considerando anche il periodo da inizio ottobre e a fine dicembre, erano risultati 4’445). Lungo il riale Nala in Val d’Osogna sono passati 739 canyonisti contro i 487 del 2020.

Grazie a un territorio particolarmente adatto per il canyoning e il bouldering (altro sport che in quel di Cresciano registra grande affluenza), dalla Riviera passa la maggior parte delle circa 20mila persone che ogni anno si stima arrivino in Ticino per svolgere queste due attività che il locale Municipio e l’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino (Otr-Bat) hanno intenzione di valorizzare ulteriormente: dopo la creazione prima della scorsa estate di apposite aree parcheggio al fine di creare più ordine nei piccoli quartieri del Comune (effettuata in collaborazione col locale Municipio), l’Otr-Bat dovrebbe dare avvio a uno studio al fine di avere a disposizione un’analisi che permetta di valutare la realizzazione di un centro più ampio, una sorta di campeggio con servizi e docce, dove gli appassionati di canyoning e bouldering potrebbero anche dormire. Il tutto stando però attenti alle strutture ricettive che già offrono la possibilità di pernottare. Per il settore bouldering si vorrebbe invece implementare la visibilità creando un concetto di ‘Boulder Park’, sulla linea di quanto fatto in Val Bregaglia.

‘Un vero e proprio boom a livello nazionale’

Da cinque anni assiduo torrentista indipendente giunto ormai al ritmo di un’uscita a settimana (sempre in compagnia di almeno altre due persone), per Nicola Reggiori l’estate in Riviera ha visto prevalentemente l’arrivo di persone ben coscienti delle caratteristiche dei riali e delle loro insidie. «C’erano in particolare tantissimi svizzeri, ma anche parecchi tedeschi e francesi che hanno l’abitudine di venire e che conoscono molto bene la zona», rileva Reggiori, il quale parla di un vero e proprio ‘boom’ del canyoning a livello nazionale. «Anche l’età si sta abbassando, grazie ad alcuni club svizzeri che hanno cominciato a proporre corsi». Associandosi a Schauwecker per quanto riguarda le considerazioni sulla prevenzione (volente o nolente il rischio di sinistri non si può azzerare), l’impressione di Reggiori – socio di due associazioni mantello a livello nazionale – è che «sovente gli incidenti riguardino persone indipendenti che effettuano discese complesse, magari fuori delle tratte più conosciute». Il nostro interlocutore spiega di aver preso parte a tre uscite con guida prima di iniziare a svolgere l’attività in maniera autonoma un po’ in tutto il Ticino insieme ad alcuni amici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved