COB Jackets
1
PIT Penguins
1
1. tempo
(1-1)
CAR Hurricanes
1
NY Rangers
0
1. tempo
(1-0)
NY Islanders
ARI Coyotes
01:30
 
Detroit Red Wings
DAL Stars
01:30
 
CHI Blackhawks
MIN Wild
02:30
 
disegno-di-legge-sulle-cave-una-sassata-dalle-ditte
Marzio Maurino (a destra col figlio Cesare) è il decano dei cavisti in Ticino (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
5 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
6 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
6 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
6 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
6 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
7 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
7 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
7 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
8 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
8 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
8 ore

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
8 ore

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
8 ore

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
8 ore

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
Luganese
9 ore

Lugano, Ignazio Cassis in visita ai pazienti Covid-19

Il presidente della Confederazione si è recato all’Ospedale regionale dove ha ringraziato tutto il personale sanitario per l’enorme impegno
Luganese
9 ore

In leggera flessione gli abitanti di Capriasca

Il 31 dicembre scorso il Comune contava 6’829 abitanti, ossia 26 in meno di un anno prima. Il quartiere più popolato resta Tesserete, seguito da Lugaggia
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, ‘la mascherina a ricreazione è necessaria’

Il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd. ‘Creati momenti ad hoc dove è possibile abbassarla in sicurezza’
Ticino
10 ore

‘6mila franchi per gli infermieri e più imposte per i ricchi’

Il Movimento per il socialismo presenta 14 emendamenti al Preventivo 2022. Sergi: ‘La nostra visione opposta a quella neoliberale di tutto il parlamento’
Bellinzonese
10 ore

‘Re dei ponteggi’, scendono da 15 a uno i milioni malversati

Permessi falsi, il caso si sgonfia: il terzo atto d’accusa cancella e derubrica vari reati della prima ora. La difesa chiede di annullare il procedimento
Grigioni
10 ore

Abbattuto un lupo in Surselva: ‘Era un pericolo per l’uomo’

La misura estrema è stata adottata dall’Ufficio caccia e pesca grigionese a seguito di ripetuti incontri ravvicinati tra l’esemplare e gli abitanti
Gallery
Locarnese
11 ore

Bosco Gurin, una lingua di neve e una slittovia

Impianti parzialmente aperti nel fine settimana per consentire attività all’aria aperta. La destagionalizzazione salverà il futuro delle stazioni
 
04.11.2021 - 05:300
Aggiornamento : 11:50

Disegno di Legge sulle cave, una sassata dalle ditte

Il gruppo Maurino di Biasca, che riunisce più Sa attive nel Sopraceneri, critica la proposta elaborata dal Dipartimento del territorio

Il progetto di Legge cantonale sulle cave “ostacola lo sviluppo del settore” e “vuole instaurare un controllo e un’ingerenza statale in un sistema già altamente regolamentato, con costi supplementari per la collettività a discapito dell’attività imprenditoriale”. Se quello del Comune di Riviera e dei patriziati della regione è un ‘no’ granitico, come riportato ieri, la contrarietà espressa oggi da alcuni operatori del settore è una sassata. In undici pagine trasmesse al Dipartimento del territorio tramite il proprio legale, il gruppo Graniti Maurino di Biasca portato avanti da Marzio e dal figlio Cesare silura il disegno di Legge cantonale sulle cave posto in consultazione. Gruppo di cui fanno parte tre altre società di Peccia, Iragna e Cresciano, e la cui presa di posizione è sottoscritta da una quarta azienda valmaggese. Marzio Maurino in virtù dell’età e della lunga carriera è il decano nel settore in Ticino. Un’opinione di peso dunque, la sua, che circola nell’ambiente raccogliendo ampi consensi.

Da cento a poche unità

Per cominciare l’avvocato Mattia Tonella critica l’approccio dipartimentale, visto che la proposta di legge “pare essere stata elaborata senza coinvolgere persone che conoscono a fondo la realtà delle cave, che sanno cos’è una cava, perché c’è la cava, che cosa vuol dire estrarre, produrre, vendere e far tornare i conti”. Quelle attualmente attive “sono tutte aziende a carattere familiare”. In Ticino sono attive quali “cavisti reali” al massimo una dozzina di aziende, “tutte saldamente in mano alle stesse famiglie da 50 anni”. Marzio Maurino lavora in azienda da 60 anni e porta avanti la tradizione della più vecchia azienda del Ticino da 128 anni: “Quando iniziò a lavorare nel 1961, in Ticino erano attive più di cento cave, grandi e piccole. A quei tempi ognuno poteva aprire una cava senza permesso. Comuni e Patriziati erano ben contenti che vi fossero delle cave perché creavano occupazione”. Ma dopo un primo proliferare, a poco a poco le aziende scomparvero per diversi motivi.

Comuni inadempienti dopo 5 anni

I fari vengono poi spostati sui Comuni: “A cinque anni dall’entrata in vigore della Scheda V8 del Piano direttore cantonale, che è chiara ed è più che sufficiente per preparare le basi per un’organizzazione razionale delle cave, in alcuni comparti mancano ancora regole pianificatorie spesso per mere ragioni di rapporto costi-benefici fra la spesa di pianificazione e lo scopo perseguito. Il Cantone dovrebbe quindi garantire che i Comuni dessero seguito al loro obbligo di pianificare. Che invece il disegno di legge inibisce creando un ostacolo”. Comuni che in caso d’inadempienza “andrebbero multati”. Quanto ai Patriziati proprietari, ebbene “non hanno mai investito per aprire o favorire lo sviluppo delle cave con la costruzione di strade, infrastrutture e disboscamento. Si sono sempre trovati le cave aperte incassando, tanto o poco, l’affitto”. In definitiva la mancata applicazione della scheda V8 “non può fungere da motivazione per intervenire con una legge sulle cave del tutto inutile”. Semmai “si aggiornino prima i Pr che tengano conto delle condizioni di sviluppo e di gestione a dipendenza della localizzazione delle cave. E per le proprietà patriziali si aggiorni la Legge organica con un articolo ad hoc che garantisca la debita considerazione e la tutela nei confronti degli attuali gestori per gli investimenti, le installazioni, le infrastrutture”.

Fra burocrazia e libertà

Nel merito del disegno di legge, prosegue l’avvocato Tonella, se verrà implementato “costringerà le mie mandanti a rivedere tutti i loro piani di estrazione e sviluppo. Già ora la difficoltà nel reperire personale che esegue i lavori particolarmente faticosi è alta; in futuro sarà sempre più difficile, costoso e incerto”. S’insiste poi sull’abbondanza di leggi e norme che già regolano il settore: “Oltre alla già citata Scheda V8, si pensi alla Legge edilizia, a quella organica patriziale, a quelle sulla pianificazione del territorio e sullo sviluppo territoriale”. Andando al sodo della questione, il legale del gruppo Maurino ritiene che la proposta dipartimentale raggiunge lo scopo contrario rispetto al voluto approccio cantonale globale che si propone di non ostacolare le attività ma anzi facilitarle rendendo lo sfruttamento razionale, sistematico e produttivo della pietra: “Essa introduce una regolamentazione eccessiva, inutili paletti e ostacoli burocratici”. Quanto poi alle presunte difficoltà in cui verserebbe il settore estrattivo, questa tesi viene ribaltata sul Cantone: “Le uniche difficoltà sono quelle burocratiche per poter operare con una certa libertà e nel reclutare manodopera: è a causa di questi fattori che in futuro si dovranno chiudere diverse cave”.

Impatto ambientale

E poi, l’impatto sull’ambiente che la legge vorrebbe mitigare con nuove regole: il rispetto delle norme ambientali “viene già sufficientemente assicurato nel contesto delle procedure edilizie”. E poi le attività di cava, assicura il gruppo Maurino, “non generano impatti ambientali rilevanti. Non causano un degrado del paesaggio, anzi lo qualificano e lo identificano, e sono paradossalmente un’attrazione turistica mediaticamente molto seguita. Lo confermano le continue domande di visita, come per esempio sulla cava di marmo Cristallina con visite guidate, riprese di film o fotoshootings a livello nazionale e internazionale”. Vero è, tornando alla Riviera, che l’impatto è talvolta evidente: “Nei casi in cui vi è un degrado dovuto al rumore, polvere o inquinamento, i Comuni e il Cantone dispongono già oggi degli strumenti sufficienti per limitare tali emissioni”.

No ad aggiudicazioni periodiche

Una delle novità più criticate da Comune e patriziati è l’introduzione del concorso pubblico di assegnazione e la trasformazione degli attuali contratti d’affitto (di natura privata) in concessioni (procedura amministrativa). Maurino su quest’ultimo mostra una parziale apertura, “a condizione che le concessioni siano, sia per i sedimi delle cave sia per i sedimi dei laboratori, con diritto di superficie”. Quanto invece alla prima novità, “l’insicurezza e l’instabilità viene esacerbata proprio dal sistema imposto dal disegno di legge di aggiudicazioni periodiche”, peraltro inizialmente in assenza di norme transitorie. Chi da anni ha avviato, coltivato e mantenuto una cava “deve invece poter continuare l’attività senza dover sottostare a un concorso pubblico, col rischio di perdere la cava senza ricevere il giusto compenso per tutto quanto ha preparato, o di esporre il patriziato a richieste di enormi risarcimenti per gli investimenti effettuati”. In tal senso i laboratori che dipendono dalla materia prima estratta dalla cava “dovrebbero beneficiare di una protezione pubblica per poter mantenere l’attività e l’indotto generato, e non dover rischiare di perdere la fonte della materia prima per effetto dell’esito negativo del concorso pubblico”. Pollice verso anche sui tempi della concessione: considerati gli sviluppi puntualmente immaginati nell’arco di 20-30 anni, “una limitazione a dieci è troppo corta e dimostra l’assenza di conoscenze del settore da parte di chi ha redatto prima l’iniziativa parlamentare Rückert (stralciata, ndr) e poi il disegno di legge. La mano è la stessa”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved