un-centinaio-di-persone-in-strada-a-sostegno-dei-lavoratori
Ti Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 min

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
6 min

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
18 min

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
22 min

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
34 min

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
44 min

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
51 min

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
Bellinzonese
1 ora

Torre, serata di poesia e musica al Cima Norma Art Festival

Appuntamento per sabato 13 agosto a partire dalle 20 nell’ex fabbrica di cioccolato
Luganese
1 ora

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
Grigioni
1 ora

Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi

È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
Bellinzonese
1 ora

A Giubiasco quasi un milione per l’ex palazzo comunale

Dopo una prima fase di risanamento strutturale, è ora necessario installare la nuova caldaia e un impianto per rinfrescare
30.10.2021 - 16:55
Aggiornamento: 01.11.2021 - 16:36
Ats, a cura de laRegione - laRegione

Un centinaio di persone in strada a sostegno dei lavoratori

La manifestazione organizzata dall’Unione sindacale svizzera (USS) è cominciata in Piazzale Stazione a Bellinzona ed è terminata in Piazza Governo

Diverse decine di persone si sono riunite questo pomeriggio a Bellinzona per aderire alla manifestazione “Il Ticino è ormai terra di dumping, povertà e arroganza padronale" organizzata dall’Unione sindacale svizzera (USS), sezione Ticino e Moesa. I partecipanti hanno iniziato a radunarsi attorno alle ore 13 e alle 14 è partito il corteo, che è sceso lungo Viale Stazione per poi fermarsi in Piazza Governo. Presenti diversi sindacati, tra i quali Unia e Vpod, ed esposti alcuni striscioni con slogan come “Salario. Rispetto. Solidarietà” e "I falegnami vogliono un CCL forte”.

Nel corso della marcia non sono mancate le testimonianze dirette dei lavoratori. «Sono stato occupato per cinque anni in diversi shop delle stazioni di servizio», ha raccontato uno di loro. «Quando sono venuto a conoscenza dell’entrata in vigore del Contratto collettivo di lavoro ero entusiasta, ma questo entusiasmo è durato poco; i ’padroni’ ticinesi hanno infatti inoltrato un ricorso, sostenendo che salari da 3’600 franchi lordi al mese fossero troppo alti, malgrado le ore supplementari gratuite che eravamo tenuti a fare». Anche un gruppo di ’riders’ della società delivery ‘Divoora’ ha voluto far sentire la propria voce. «Chiediamo un contratto più adeguato, che ci consenta di poter vivere in Svizzera» ha detto alla Regione una di loro. «È impensabile dare un preavviso di 18 ore per accettare un nuovo contratto di lavoro con il quale si passa da un monte ore garantito al mese a una paga da 0,35 centesimi al minuto. Nel nostro Paese non deve succedere». «Mi auguro che l’azienda ci convochi tutti, ci fornisca delle spiegazioni e si scusi», le ha fatto eco un collega.

‘Qui per chiedere dignità e salari giusti’

Il dumping salariale rappresenta «uno dei principali problemi del mercato del lavoro ticinese», spiega la granconsigliera e copresidente del Partito Socialista Laura Riget, presente a sua volta alla manifestazione. «Si tratta di una sfida quotidiana da affrontare assieme, che in futuro dovrà portare a dignità, meno precarietà e salari dignitosi».

Manifestazioni in tutta la Svizzera

Oltre 12’000 lavoratori dell’edilizia e di altri settori hanno manifestato oggi pomeriggio in varie città svizzere per chiedere salari più elevati, maggior rispetto e solidarietà. I dimostranti hanno domandato un riconoscimento per i loro sforzi durante la pandemia.

I raduni si sono tenuti a Berna, Zurigo, Ginevra e Olten (SO). Stando a quanto comunicato dal sindacato Unia, ai lavoratori dell’edilizia si sono uniti quelli attivi nell’assistenza, nella vendita e nella logistica.

Tutti hanno la caratteristica di aver lavorato instancabilmente in prima linea nel corso della pandemia, fa notare Unia. La gente ha applaudito, ma le condizioni non sono cambiate, deplora amareggiato il sindacato.

La crisi del coronavirus «ha mostrato quanto la società sia dipendente da centinaia di migliaia di impiegati sottopagati nei servizi. Lo stress, la carenza cronica di personale, la mancanza di contratti collettivi, i salari bassi e l’eccessiva mole di lavoro fanno parte della quotidianità di questi settori», sottolinea Unia.

Il sindacato rivendica cambiamenti fondamentali nella politica. «Commercio online, industria farmaceutica e logistica hanno approfittato del Covid e anche il ramo delle costruzioni procede a passo spedito». Le imprese svizzere hanno versato l’anno scorso 42 miliardi di franchi ai loro azionisti. In poche parole, riassume Unia, i soldi per garantire stipendi migliori ci sono.

Oltre a più rispetto per le donne, contratti collettivi, posti di lavoro sicuri e cantieri puliti e ben organizzati, Unia chiede almeno 13 mensilità da 4’200 franchi. Il sindacato è inoltre contrario ad aumentare l’età pensionabile delle dipendenti di sesso femminile.

Leggi anche:

L’Ocst denuncia: dopo il salario orario, quello al minuto!

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona contratti di lavoro lavoratori unia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved